Skip to content

Modello di valorizzazione della proprietà intellettuale nelle piccole e medie imprese: il caso Advanced Devices

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Vita
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Vincenzo Corvello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 189

Il seguente elaborato si propone l’obiettivo di trattare una tematica molto importante e moderna, legata agli sviluppi degli ultimi decenni di un’economia della conoscenza e della velocità. Ruolo centrale è rivestito dalla Proprietà Intellettuale. Si lascia largo spazio alla valorizzazione e sfruttamento della proprietà intellettuale come strumento di business. Quindi largo spazio è lasciato ai brevetti ed alle strategie per valorizzarli, il tutto concentrato soprattutto nello scenario delle piccole e medie imprese (PMI). Vi è quindi la proposta di un modello innovativo per la valorizzazione della PI e l'applicazione empirica in un caso aziendale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il seguente elaborato si propone l’obiettivo di trattare una tematica molto importante e moderna, legata agli sviluppi degli ultimi decenni di un’economia della conoscenza e della velocità che hanno accelerato notevolmente i processi innovativi, spinti da un notevole accorciamento del ciclo di vita dei prodotti. Ruolo centrale è rivestito dalla Proprietà Intellettuale, che nel tempo ha iniziato a divenire elemento di fondamentale importanza nell economia e nel business aziendale e per tal motivo è stata esaminata da un numero crescente di studiosi. Proprio la Proprietà Intellettuale ed il suo collocamento nel patrimonio aziendale sarà l’oggetto del primo capitolo, nel quale si dettaglieranno gli strumenti di protezione formale dell’innovazione (dopo aver esaminato gli strumenti alternativi) e si espliciteranno i vantaggi e le critiche mosse verso tali strumenti. La Proprietà Intellettuale è stata al centro di numerosissimi dibattiti relativamente ad i reali benefici che avrebbe apportato nel business d’impresa ma soprattutto nell’economia in generale, anche se per molti è indubbio che il riconoscimento di diritti giuridici sui frutti delle attività creative, consente agli innovatori di disporre delle proprie creazioni e di trarne vantaggi economici rilevanti, tali da compensare gli sforzi sostenuti nel corso dell’attività di R&S. Tutto ciò è particolarmente riscontrabile nelle innovazioni di prodotto in cui si può commercializzare un prodotto in maniera esclusiva, mentre senza tutela sarebbe immediatamente riproducibile dai concorrenti e ciò vanificherebbe i possibili vantaggi competitivi per i realizzatori dell’innovazione. Proprio tale ragione con ogni probabilità, spinse la tutela giuridica dei diritti che apparse per la prima volta da una legge veneziana del 1474, la quale fu la prima norma conosciuta che limitasse l’interesse pubblico a favore dei diritti dei singoli. In realtà poi l’ascesa della Proprietà Intellettuale fu abbastanza lenta e solo nel XVIII secolo, la disciplina giuridica di tale materia divenne più sistematica. Sarà dedicato anche un paragrafo alla parte legislativa e burocratica legata agli strumenti formali di protezione dell’innovazione e si darà l’idea di alcuni costi connessi a tali attività di gestione della Proprietà Intellettuale. Terminata questa prima parte, si entrerà (Capitolo 2) in argomenti molto più pratici che riguardano le possibilità di valorizzazione e sfruttamento della Proprietà Intellettuale nelle organizzazioni di ogni tipo. Sarà trattata la gestione strategica della PI, che segue un corso non lontano dal processo per la valorizzazione di attività aziendali, con il fine di incrementare il business aziendale. Descritta una prima parte sulle linee guida che devono essere prese in considerazione per approcciare il problema della gestione della PI, si descriveranno le principali opportunità offerte da una gestione strategica, analizzando tutte le possibilità di espansione che emergono da una gestione dell’innovazione con mentalità aperta e propositiva. Sarà dedicato quindi ampio spazio agli asset complementari che si possono acquisire attraverso strutture interne o esterne ai confini aziendali, il tutto sarà meglio chiarito con esempi espliciti di grosse organizzazioni che hanno fatto della Proprietà Intellettuale, il principale business aziendale e grazie al quale riescono ad avere uno spaventoso giro d’affari senza la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

brevetti
gestione innovazione
innovazione
marchi
modello pi
proprietà immmateriale
proprietà intellettuale
tutela innovazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi