Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

The Times e TimesOnline: New Journalism tra carta stampata ed editoria multimediale

A partire dalla fine degli anni Settanta l’avvento dell’elettronica ha profondamente influito sulle tecniche di lavoro redazionale. La netta separazione esistente tra le mansioni del giornalista e quelle del tipografo è gradualmente scomparsa con la nascita e la diffusione delle reti informatiche. La video-impaginazione ha sostituito il vecchio menabò. Il computer ha rimpiazzato l’ormai obsoleta macchina da scrivere. A cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta il redattore ha così visto notevolmente aumentati i suoi compiti, fino ad ottenere completo controllo sull’intero ciclo produttivo della notizia.
Con Internet, a partire dalla seconda metà degli anni Novanta, le ultime barriere fisiche e temporali, imposte da stampa e distribuzione, sono state abbattute. Il giornalista oggi può garantire un prodotto sostanzialmente pronto per la stampa o per la pubblicazione online:
trova la notizia, scrive il pezzo, gli attribuisce un titolo, integra l’articolo con foto e link di approfondimento, lo impagina e lo consegna. La competizione con altri mezzi di comunicazione istantanea, come radio e televisione, è stata resa possibile dalle caratteristiche intrinseche del mezzo Internet.
Il giornale elettronico, nato come una evoluzione del giornale tradizionale a seguito dello sviluppo della telematica, è oggi pensato e realizzato esclusivamente per la fruizione in Rete. Insieme ad esso sono venute a crearsi figure professionali nuove, dotate di proprie regole e di una propria deontologia.
L’industria editoriale ha così aperto le sue porte ai nuovi modelli comunicativi dell’informazione via web. Il mestiere del giornalista multimediale si è gradualmente evoluto, divenendo di fatto complementare a quello del giornalista tradizionale.
Il mio elaborato mira ad illustrare le caratteristiche di questo nuovo mezzo di comunicazione; le sue implicazioni sul lavoro redazionale; le similitudini, le differenze e le intersezioni esistenti tra le mansioni del giornalista online e quelle del giornalista per la carta stampata.
L’argomentazione del mio lavoro è frutto del monitoraggio periodico (Marzo 2007 - Agosto 2007) e della successiva analisi del TimesOnline, edizione elettronica del quotidiano The Times, e del raffronto tra la versione online e cartacea della testata britannica.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione A partire dalla fine degli anni Settanta l’avvento dell’elettronica ha profondamente influito sulle tecniche di lavoro redazionale. La netta separazione esistente tra le mansioni del giornalista e quelle del tipografo è gradualmente scomparsa con la nascita e la diffusione delle reti informatiche. La video-impaginazione ha sostituito il vecchio menabò. Il computer ha rimpiazzato l’ormai obsoleta macchina da scrivere. A cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta il redattore ha così visto notevolmente aumentati i suoi compiti, fino ad ottenere completo controllo sull’intero ciclo produttivo della notizia. Con Internet, a partire dalla seconda metà degli anni Novanta, le ultime barriere fisiche e temporali, imposte da stampa e distribuzione, sono state abbattute. Il giornalista oggi può garantire un prodotto sostanzialmente pronto per la stampa o per la pubblicazione online: trova la notizia, scrive il pezzo, gli attribuisce un titolo, integra l’articolo con foto e link di approfondimento, lo impagina e lo consegna. La competizione con altri mezzi di comunicazione istantanea, come radio e televisione, è stata resa possibile dalle caratteristiche intrinseche del mezzo Internet. Il giornale elettronico, nato come una evoluzione del giornale tradizionale a seguito dello sviluppo della telematica, è oggi pensato e realizzato esclusivamente per la fruizione in Rete. Insieme ad esso sono venute a crearsi figure professionali nuove, dotate di proprie regole e di una propria deontologia. L’industria editoriale ha così aperto le sue porte ai nuovi modelli comunicativi dell’informazione via web. Il mestiere del giornalista multimediale si è gradualmente evoluto, divenendo di fatto complementare a quello del giornalista tradizionale. Il mio elaborato mira ad illustrare le caratteristiche di questo nuovo mezzo di comunicazione; le sue implicazioni sul lavoro redazionale;

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lucia D'addezio Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1683 click dal 19/02/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.