Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cellule del Leydig: effetto dell'atRA a concentrazioni fisiologiche e sovra-fisiologiche

L’acido tutto-trans-retinoico (atRA) e tutti i retinoidi, sono un importante classe di composti presenti nell’organismo in gran parte in forma esterificata, dove esercitano una miriade di complesse funzioni.
Essi regolano importanti funzioni fisiologiche particolarmente nel cervello e nel sistema riproduttivo, nella regolazione dell’organogenesi, nella crescita, nel differenziamento e morte cellulare.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE 1.1 L’acido retinoico e i retinoidi L’acido tutto-trans-retinoico (atRA) e tutti i retinoidi, sono un importante classe di composti presenti nell’organismo in gran parte in forma esterificata, dove esercitano una miriade di complesse funzioni. Essi regolano importanti funzioni fisiologiche particolarmente nel cervello e nel sistema riproduttivo, nella regolazione dell’organogenesi, nella crescita, nel differenziamento e morte cellulare (de Urquiza et al., 2000; Krezel et al., 1998; Kastner et al., 1996; Massaro et al., 2000; Dupè et al., 1999; Altucci et al., 2001). Subiscono facilmente ossidazione o isomerizzazione divenendo prodotti alterati, specialmente in presenza di sostanze ossidanti, luce ed alte temperature (see Barua & Furr, 1998). Derivano tutti dal loro precursore la vitamina A (retinolo) che viene assunta con la dieta, in particolare da alimenti come il burro, il latte, le uova e l’olio di fegato di merluzzo, o biosintetizzata dai suoi precursori di origine vegetale: il β-carotene e la luteina, presenti rispettivamente in misura abbondante nelle carote ed in alcuni ortaggi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Farmacia

Autore: Sara Cedro Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 593 click dal 20/02/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.