Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Autotutela in materia tributaria

L'istituto dell’autotutela, o jus poenitendi, consiste nel potere dell’Amministrazione Pubblica di annullare i propri atti che, in sede di riesame, siano riconosciuti illegittimi od infondati. Preliminarmente occorre distinguere tra annullamento di un atto illegittimo e revoca di un atto inopportuno:• nella prima ipotesi, l'Amministrazione, riscontrando vizi di legittimità dell'atto emanato ovvero l’illegittimità di quest’ultimo derivante da illegittimità del procedimento o di suoi precedenti atti, lo annulla nella seconda ipotesi, invece, l'Amministrazione, ritenendo mutati i presupposti di fatto o di diritto su cui si è fondato il provvedimento oggetto di riesame, esercita il potere di revoca[1]. Tali iniziative possono essere adottate dall’Amministrazione indipendentemente dal fatto che gli atti siano divenuti definitivi, sia stato presentato ricorso a suo tempo respinto per motivi diversi dal merito, vi sia pendenza di giudizio, ovvero non sia stata prodotta alcuna istanza di parte.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I L’EVOLUZIONE DELL’ISTITUTO DELL’AUTOTUTELA 1. Premessa L'istituto dell’autotutela, o jus poenitendi, consiste nel potere dell’Amministrazione Pubblica di annullare i propri atti che, in sede di riesame, siano riconosciuti illegittimi od infondati. Preliminarmente occorre distinguere tra annullamento di un atto illegittimo e revoca di un atto inopportuno:• nella prima ipotesi, l'Amministrazione, riscontrando vizi di legittimità dell'atto emanato ovvero l’illegittimità di quest’ultimo derivante da illegittimità del procedimento o di suoi precedenti atti, lo annulla nella seconda ipotesi, invece, l'Amministrazione, ritenendo mutati i presupposti di fatto o di diritto su cui si è fondato il provvedimento oggetto di riesame, esercita il potere di revoca[1]. Tali iniziative possono essere adottate dall’Amministrazione indipendentemente dal fatto che gli atti siano divenuti definitivi, sia stato presentato ricorso a suo tempo respinto per motivi diversi dal merito, vi sia pendenza di giudizio, ovvero non sia stata prodotta alcuna istanza di parte. Di chiara derivazione giuspubblicistica è la distinzione tra annullamento d’ufficio e revoca, a seconda che i provvedimenti (invalidi) risultino viziati nel merito o affetti da illegittimità mera [3].. In materia tributaria, inevitabilmente, la distinzione possiede una scemata rilevanza, atteso che l’esercizio di attività c.d. discrezionale, alla quale corrisponde, eventualmente, la revoca da parte dell’amministrazione finanziaria, risulta marginale nel contesto delle varie funzioni esercitate (provvedimenti di sospensione della

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giuseppe Carpinteri Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2317 click dal 20/02/2009.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.