Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il giallo italiano tra politica e società: l'idea di giustizia in Scerbanenco, Carlotto e Lucarelli

Secondo il critico letterario Franco Moretti, “la letteratura segue i grandi mutamenti sociali, (…) arriva sempre dopo. Venir dopo, però, non significa ripetere (“rispecchiare”) quel che già esiste, ma l’esatto opposto: risolvere i problemi posti dalla storia.” Qualcosa di simile dice la sociologa Gabriella Turnaturi quando afferma: “il testo letterario, più che essere il prodotto di un contesto storico-sociale e piuttosto che essere il riflesso di quello stesso contesto, agisce da riflettore su ciò che intorno ad esso è avvenuto”. In questo senso, il giallo, raccontando l’indagine svolta intorno a un delitto, ci mostra i cambiamenti che nello spazio e nel tempo ha conosciuto il fenomeno sociale della criminalità e quelli, speculari, che hanno riguardato l’organizzazione che all’interno dello Stato di diritto è deputata per legge a combattere il crimine, cioè la polizia.
Da questa considerazione è scaturito il nucleo tematico di questa ricerca, che si propone di indagare la rappresentazione che della criminalità e delle forze di polizia danno tre fra i più noti giallisti italiani: Giorgio Scerbanenco, Massimo Carlotto e Carlo Lucarelli. Lo scopo è verificare se queste rappresentazioni divergono in modo significativo ed eventualmente in che misura possono considerarsi indicative di diversi modi di affrontare la questione della giustizia. [...]
L’ipotesi implicita alla base di questa ricerca è che la struttura narrativa del romanzo giallo, nonostante la sua tendenziale rigidità, sia un grande strumento a disposizione di tutti quegli autori, per i quali la letteratura è un mezzo di espressione individuale che va oltre la dimensione privata, investendo la sfera pubblica e cioè la società e la politica. In particolare, il giallo in Italia – almeno a partire dagli anni Sessanta, quando molti autori cominciano sull’esempio di Scerbanenco a prendere le distanze dai modelli stranieri e a pensare trame e personaggi compatibili con la società italiana – si propone come una sorta di romanzo sociale, cioè come testo letterario che veicolando un messaggio, un atteggiamento, un punto di vista, testimonia la partecipazione dello scrittore alle problematiche e agli interrogativi posti dal contesto sociale e culturale con il quale egli quotidianamente si relaziona.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Questo lavoro nasce da un interesse personale specifico per il romanzo giallo e da uno più generale per gli aspetti sociali e politici della letteratura. Come genere narrativo il giallo vede la luce in un contesto storico-politico ben preciso, quello dello Stato liberale occidentale del 1800. Questa forma di Stato, che nasce per organizzare politicamente la società moderna frutto della rivoluzione industriale e delle rivoluzioni politiche di fine Settecento, rappresenta il primo esempio storicamente noto di Stato di diritto, cioè di un ordinamento giuridico complesso nel quale trovano composizione ed equilibrio diversi interessi e poteri. All’interno di questo Stato moderno, che si contrappone al carattere assolutistico e dispotico delle monarchie europee del Settecento, riveste grande rilevanza il potere giudiziario come potere a sé, ben distinto da quello esecutivo e da quello legislativo, al quale viene attribuita la funzione di assicurare il rispetto delle norme giuridiche. L’emersione di un organizzato potere giudiziario è la colonna portante di un nuovo sistema di giustizia penale, che si va affermando nelle democrazie europee, le cui radici di pensiero sono reperibili negli scritti di Cesare Beccaria e nelle elaborazioni della scuola criminologica classica. Secondo il critico letterario Franco Moretti, “la letteratura segue i grandi mutamenti sociali, (…) arriva sempre dopo. Venir dopo, però, non significa ripetere (“rispecchiare”) quel che già esiste, ma l’esatto opposto: risolvere i problemi posti dalla storia.” 1 Qualcosa di simile dice la sociologa Gabriella Turnaturi quando afferma: “il testo letterario, più che essere il prodotto di un contesto storico-sociale e piuttosto che essere il riflesso di quello stesso contesto, agisce da riflettore su ciò che intorno ad esso è avvenuto”. 2 In questo senso, il giallo, raccontando l’indagine svolta intorno a un delitto, ci mostra i cambiamenti che nello spazio e nel tempo ha conosciuto il fenomeno sociale della criminalità e quelli, speculari, che hanno riguardato l’organizzazione che 1 F. Moretti, Opere mondo. Saggio sulla forma epica dal Faust a Cent’anni di solitudine, Einaudi, Torino, 2003, p. 8. 2 G. Turnaturi, Immaginazione sociologica e immaginazione letteraria, Laterza, Bari, 2003, p. 73.

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Antonella Pellecchia Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2575 click dal 26/02/2009.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.