Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Tiranno di Luciano

Edizione critica del Cataplus sive Tyrannus di Luciano di Samosata

Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione Luciano di Samosata fu indubbiamente uno dei più grandi scrittori della letteratura greca di età imperiale: siriaco d'origine, fu avvocato e conferenziere famoso e ammirato; fu un grande amante della cultura classica, in un periodo in cui l'antichità aveva perso valore, o era spesso oggetto di un'imitazione oziosa e pedante. Luciano non solo evitò con cura questo atteggiamento, riuscendo a creare opere originali e rinnovando e reinventando con abilità generi letterari ormai cristallizzati, nonché rendendo i suoi lavori estremamente personali grazie alla sua verve e alla sua creatività, ma lo attaccò apertamente e a più riprese in diversi opuscoli, quali ad esempio il Lessifane e Il precettore dei retori, come se le offese recate alla cultura dagli individui che Luciano prende di mira fossero rivolte a lui stesso. Della sua biografia poche sono le notizie certe, e quello che sappiamo lo dobbiamo in massima parte a Luciano stesso. Nacque a Samosata nella Siria Commagene, sulle sponde dell'alto Eufrate, da genitori probabilmente non benestanti, intorno al 120 d.C.; lui stesso racconta come, ancora giovinetto, venne avviato alla scultura sotto la guida di uno zio: un mestiere onesto e redditizio, il primo impatto con il quale fu però disastroso; nel Sogno, una [email protected] (prologo per un'esibizione) recitata nella natìa Samosata durante una sua visita intorno al 165 d.C., quando la sua carriera era già fulgida 1 , narra come mandò in pezzi la prima lastra di marmo sulla quale posò lo scalpello. Punito dallo zio a suon di botte, il giovane Luciano tornò a casa in lacrime, e quella notte sognò di essere conteso da due donne, personificazioni della [email protected] e della èErmoglufikh# [email protected], ovvero la Cultura e la Scultura. Alla fine cedette alle lusinghe della prima, che gli prometteva grande fama, e decise che alla Cultura avrebbe consacrato la propria vita. Non si sa molto degli avvenimenti della sua giovinezza; probabilmente la sua istruzione avvenne in Ionia; da lì passò in Grecia, dove iniziò a esibirsi come conferenziere. Poi fu a Roma, dove dovette recarsi per curare una 1 Lo riferisce egli stesso in Somn. 18.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gabriele Pastore Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 858 click dal 05/03/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.