Skip to content

Aspetti della vita religiosa, politica ed economica di Ginevra tra '500 e '700

Informazioni tesi

  Autore: Ivana Scrudato
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Alfredo Li Vecchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

La tesi si sviluppa secondo le seguenti linee di fondo:
Ricerca sull’economia ginevrina nei confronti d’altri centri commerciali ed artigianali dell’Europa Centrale durante le ondate di rifugiati del XVI e del XVII secolo.
In questa parte della trattazione ho preso in esame lo sviluppo industriale in Svizzera, con particolare riferimento alla città di Ginevra, dove circa 200.000 rifugiati erano emigrati durante le persecuzioni attuate principalmente dal Re di Francia, Luigi XIV.
Ho voluto mettere in evidenza quali sono state le conseguenze della loro partenza dalle città francesi e quali i benefici per i paesi d’accoglienza, considerando anche gli aspetti negativi che essi produssero.
L’industria artigianale e il commercio ginevrino beneficiarono della loro presenza soprattutto quando la popolazione locale fu decimata dalle epidemie e dalle guerre.
La Francia guardava con gran preoccupazione a quello che succedeva all’estero perché aveva perso una fascia della sua popolazione che era particolarmente intraprendente e rappresentava una gran risorsa per la manodopera della propria industria. Anche Ginevra soffriva per un motivo diverso, la città mancava di materie prime, di capitale da investire poiché nessuno credeva in una possibile rinascita economica.
A rendere ancora più complicata la situazione fu l’applicazione delle imposte sulle merci, delle tasse doganali e il pagamento dei pedaggi.
La seconda parte si basa su ricerche e osservazioni della realtà politica del tempo e delle scelte ginevrine con riferimento ai rifugiati ed ai rapporti con gli altri paesi.
In questa fase di studio ho voluto sottolineare l’atteggiamento assunto dal Re di Francia nei confronti della città di Ginevra. Egli fece pesare “il protettorato” sia sulla situazione religiosa, sia sull’economia, sia sulla società nel suo complesso, vietando esportazioni dal Regno. Inoltre ho voluto evidenziare l’importanza avuta dalle Borse pubbliche, nate per far fronte al grande esodo che avrebbe interessato tutti i settori: economico, politico, sociale.
L’aspetto religioso delle questioni è sotteso ed esplicitato nel contesto dei due settori precedenti poiché sia la politica che l’economia risentirono della situazione, anzi più spesso ne furono largamente influenzate.
Dobbiamo considerare che Ginevra dovette, per il bene comune, adeguarsi a questa grande ondata di rifugiati non solo sul piano economico ma anche religioso: fu ristabilita la messa nelle cappelle private, fu organizzata un’istruzione per i nuovi arrivati sulle questioni di fede e non solo, fu tentato un importante passo nella conoscenza di Dio per dimostrare valore e significato della Riforma.
In questo contesto i pastori ebbero una duplice funzione: quella di predicatori, e di intermediari tra Chiesa e Stato. Essi non dovevano esprimere idee politiche personali, anzi dovevano scoraggiare l’uso di termini offensivi per il Re o il Papa. Il loro ruolo era di prevenire qualunque disordine nello Stato e qualunque offesa nella persona di Dio perché “Egli punisce tutti indistintamente.”
Un ruolo altrettanto importante ebbero in quest’aspetto della vita sociale i maestri e i “predicatori di fede” più o meno eretici, e tuttavia spesso pubblicamente utilizzati.
Anche l’attività delle Borse contribuì a determinare lunghi periodi di tolleranza e di accomodamento economico.
E’ chiaro che gli aspetti trattati nella tesi, che si conclude con la guerra della Lega d’Asburgo e la pace conseguente, si intrecciano tra loro inestricabilmente in quanto l’economia ebbe ed ha sempre ripercussioni sia sulla politica e sia sulle complesse questioni religiose di cui gli esodi non furono solo conseguenze ma spesso vere e proprie immissioni sovversive.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La tesi si sviluppa secondo le seguenti linee di fondo: Ricerca sull’economia ginevrina nei confronti d’altri centri commerciali ed artigianali dell’Europa Centrale durante le ondate di rifugiati del XVI e del XVII secolo. In questa parte della trattazione ho preso in esame lo sviluppo industriale in Svizzera, con particolare riferimento alla città di Ginevra, dove circa 200.000 rifugiati erano emigrati durante le persecuzioni attuate principalmente dal Re di Francia, Luigi XIV. Ho voluto mettere in evidenza quali sono state le conseguenze della loro partenza dalle città francesi e quali i benefici per i paesi d’accoglienza, considerando anche gli aspetti negativi che essi produssero. L’industria artigianale e il commercio ginevrino beneficiarono della loro presenza soprattutto quando la popolazione locale fu decimata dalle epidemie e dalle guerre. La Francia guardava con gran preoccupazione a quello che succedeva all’estero perché aveva perso una fascia della sua popolazione che era particolarmente intraprendente e rappresentava una gran risorsa per la manodopera della propria industria. Anche Ginevra soffriva per un motivo diverso, la città mancava di materie prime, di capitale da investire poiché nessuno credeva in una possibile rinascita economica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

storia di ginevra
storia moderna

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi