Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Due diligence ambientale finalizzata ad analisi di valutazione per acquisizioni aziendali

Il “rischio ambientale” è un problema di grande attualità, di fondamentale importanza anche per le aziende dell’apparato produttivo.
E’ considerato in modo differente in ragione della posizione di chi lo valuta.
Il cittadino lo valuta come un rischio alla salute o a quella dei suoi cari; molti imprenditori, al contrario, intendono per “rischio ambientale” tutte quelle situazioni legate all’ambiente che potrebbero causare loro dei costi e desiderano, quindi, allontanarne lo spettro.
La speranza è che gli obiettivi del secondo possano soddisfare le esigenze del primo. E nel lavoro di tesi si è data rilevanza al rischio economico per le imprese legato alla cattiva gestione dell’ambiente.
Il desiderio che ha mosso questa tesi è quello di dare un contributo alla tutela dell’ambiente al fine di riscontrare benefici per la salute del nostro ecosistema.
L’ambiente, con i suoi vincoli, le sue leggi, l'attenzione che suscita nell'opinione pubblica, ha un peso sempre più rilevante sullo sviluppo di un’impresa ed è una delle variabili da considerare nell’ambito di una strategia aziendale; dovrebbe essere, pertanto, un’area dove è bene che l’acquirente esegua verifiche nel corso della negoziazione stessa, al fine di ottenere un’analisi puntuale e globale dell’intero processo.
Conoscere e valutare le problematiche ambientali è necessario sia per coloro che gestiscono un’azienda ma, ancor di più, per un potenziale acquirente.
La presenza di passività ambientali, intese come oneri economici certi e corrispondenti a precise esigenze oggettivamente individuate, può, infatti, influire in modo rilevante sul valore del bene oggetto della transizione.

Mostra/Nascondi contenuto.
IV PREMESSA    Il “rischio ambientale” è un problema di grande attualità, di fondamentale  importanza anche per le aziende dell’apparato produttivo.  E’ considerato in modo differente in ragione della posizione di chi lo valuta.   Il  cittadino  lo  valuta  come  un  rischio  alla  salute  o  a  quella  dei  suoi  cari; molti  imprenditori,  al  contrario,  intendono  per  “rischio  ambientale”  tutte  quelle  situazioni  legate all’ambiente che potrebbero causare  loro dei costi e desiderano,  quindi, allontanarne lo spettro.   La speranza è che gli obiettivi del secondo possano soddisfare  le esigenze  del  primo.  E  nel  lavoro  di  tesi  si  è  data  rilevanza  al  rischio  economico  per  le  imprese legato alla cattiva gestione dell’ambiente.   Il desiderio  che  ha mosso  questa  tesi  è  quello di dare un  contributo  alla  tutela  dell’ambiente  al  fine  di  riscontrare  benefici  per  la  salute  del  nostro  ecosistema.  L’ambiente,  con  i  suoi  vincoli,  le  sue  leggi,  lʹattenzione  che  suscita  nellʹopinione  pubblica,  ha  un  peso  sempre  più  rilevante  sullo  sviluppo  di  un’impresa  ed  è  una  delle  variabili  da  considerare  nell’ambito  di  una  strategia  aziendale; dovrebbe essere, pertanto, un’area dove è bene che l’acquirente esegua  verifiche nel corso della negoziazione stessa, al fine di ottenere un’analisi puntuale  e globale dell’intero processo.   Conoscere e valutare le problematiche ambientali è necessario sia per coloro  che gestiscono un’azienda ma, ancor di più, per un potenziale  acquirente.   La  presenza  di  passività  ambientali,  intese  come  oneri  economici  certi  e  corrispondenti a precise esigenze oggettivamente individuate, può, infatti, influire  in modo rilevante sul valore del bene oggetto della transizione. 

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Stefania Tiralongo Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 935 click dal 04/03/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.