Skip to content

La responsabilità del vettore aereo nel trasporto di persone

Informazioni tesi

  Autore: Laura Schermi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Cinzia Ingratoci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

La tesi sviluppa l'argomento toccando i vari punti nevralgici della materia. Un primo capitolo incentrato sull'evoluzione del regime vigente, dalla Convenzione di Varsavia del 1929, ripercorrendo brevemente i vari protocolli successivi, alla redazione della Convenzione di Montreal del 1999, che sicuramente costituisce un grande passo avanti per la tutela dei passeggeri nel trasporto aereo. Un cenno merita anche la nuovissima Carta dei diritti del passeggero redatta in Italia, e i successivi sviluppi.
Il secondo capito invece prende in considerazione quelle nuovissime ipotesi che frequentemente si verificano negli aeroporti, che sono disciplinate dal Reg. CE 261/2004, e specificatamente, l'overbooking, il negato imbarco e il ritardo. Il regolamento disciplina attentamente le diverse fattispecie, accordando ai passeggeri compensazioni pecuniarie, rimborsi e voli alternativi, al fine di accrescere la loro tutela istantanea.
Infine il terzo capitolo si occupa del risarcimento in caso di morte o lesione del passeggero, ripercorrendo le varie innovazioni avutesi con l'evoluzione normativa, arrivnado all'eliminazione di un limite risarcitorio nel caso di danni alla persona, che costituisce un considerevole passo avanti rispetto al passato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 L’evoluzione della normativa in materia di responsabilità del vettore nel trasporto aereo di persone 1. Premessa. Il regime inerente la navigazione aerea trae le sue origini dalla disciplina concernente la navigazione marittima, il cui complesso normativo risale addirittura al Medioevo. È nel medioevo, infatti, che per la prima volta si parla di mare territoriale 1 e si fa riferimento al concetto di assoluta libertà degli oceani, principio teorizzato per la prima volta dal giurista olandese Grozio 2 . Su questa concezione della libertà della navigazione marittima, pone le sue basi il regime della navigazione aerea. La nascita dell’insieme di norme e di regole inerenti la navigazione aerea, che ha avuto origine solo nel XX secolo, ha incontrato non pochi ostacoli, tra i quali in particolare il primo ed il più importante è il riconoscimento della sovranità dello Stato sullo spazio aereo sovrastante il proprio territorio. Sovranità che viene successivamente affermata e riconosciuta dalla Convenzione di Parigi 3 del 1919 e dalla Convenzione di Chicago 4 del 1944, ove vengono altresì individuate e garantite le prime cinque libertà dell’aria. 1 Inteso come la zona di mare adiacente le coste continentali e insulari, dell’estensione di dodici miglia marine a partire dalla linea di base, che è quella costituente il limite esterno delle acque interne. Il principio che domina la condizione giuridica di queste acque è che esse non sono soggette alle regole del diritto internazionale e il loro statuto e regolamento può essere determinato in tutta libertà dallo Stato che ne ha la sovranità. 1 2 Ovviamente in Grozio è determinante l’interesse dell’Olanda a godere del massimo di libertà per la sua flotta; agli inizi il principio di libertà dei mari era infatti diretto ad evitare ogni interferenza da parte degli Stati che pretendevano di stabilire la loro sovranità sugli oceani: per questo motivo, per molto tempo la nozione di libertà è stata intesa in senso negativo, in quanto il suo contenuto era composto soprattutto da divieti. Tuttavia successivamente, tale principio inizia a mostrare i suoi aspetti positivi e si risolve in un’eguaglianza d’uso, vale a dire che tutti gli stati devono disporre di identici diritti in alto mare, e questo principio di eguaglianza costituisce il corollario della libertà. 

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cancellazione del volo
carta dei diritti del passeggero
convenzione di montreal
limitazione del debito
morte o lesione personale
negato imbarco
reg. ce 261/2004
risarcimento
ritardo prolungato
trasporto aereo di persone

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi