Skip to content

La crisi finanziaria del 2008 - Dai fattori scatenanti alle misure anticrisi

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Pesce
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Economia Internazionale
  Relatore: Giampietro Garioni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

La crisi finanziaria ha dominato il 2008, guadagnando un posto di rilievo nella storia economica dei prossimi anni. Il coinvolgimento di numerosi istituti finanziari, il crollo dei mercati azionari, il credit crunch, hanno posto il mondo intero ad un passo da un tracollo sistemico. Come si è arrivati a questa situazione? Cosa è successo? Chi e come è intervenuto per rimediare a tutto ciò? Questa tesi si pone l’obiettivo di rispondere a queste domande con la vivacità delle visioni contemporanee, essendo stata scritta mentre i fatti accadevano, e con l’accompagnamento di dati e rappresentazioni grafiche a sostegno delle argomentazioni affrontate.
La crisi finanziaria non può essere compresa se non tenendo conto dei fattori di lungo periodo e del suo innesco: i numerosi casi di insolvenza legati ai cosiddetti mutui subprime nel 2007. Si descrive quale sia stato il loro ruolo nell’avviare un processo di dimensioni ben più ampie, alimentato dall’esistenza di derivati finanziari, criteri contabili e particolari metodi di valutazione. Si presentano inoltre i principali attori nei mercati finanziari, gli strumenti e le tecniche normalmente utilizzate e il loro ruolo nell’evoluzione della crisi.
Governi, Banche centrali e Istituzioni internazionali sono intervenuti a sostegno dell’intero sistema finanziario, diventando protagonisti in un ambiente che per anni li voleva ai margini.
È la crisi peggiore dagli anni Trenta? Probabilmente si, di certo i commentatori concordano sul fatto che: «Dopo di essa il cambiamento sarà epocale».

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione «Stiamo vivendo un periodo storico di enorme precarietà. Incombe infatti su di noi la prospettiva concreta di un tracollo economico globale, della portata di quello verificatosi durante la Grande Depressione negli anni Trenta. La crisi creditizia globale è aggravata dalla crisi energetica globale e dalla crisi del cambiamento del clima globale, e tutte insieme contribuiscono a creare un possibile cataclisma per la civiltà umana, diverso da qualsiasi altra cosa alla quale si sia assistito finora. Le tre crisi globali sono collegate tra loro e si alimentano reciprocamente. Affrontare questa triplice minaccia che incombe sul nostro stile di vita obbliga a dare il via a una nuova programmazione economica che riesca a trasformare in modo efficiente le avversità contingenti in altrettante opportunità». 1 (J. Rifkin) Le parole dell’economista Jeremy Rifkin riassumono in poche righe l’allarmante sfida che il mondo intero sta affrontando. La sinergia di crisi finanziaria, crisi energetica e delle materie prime e il cambiamento del clima hanno condotto alla crisi economica e ad un periodo di recessione preannunciato da diversi indicatori. Alle istituzioni sono richieste risposte rapide, mirate ed efficaci, che possano stabilizzare il presente e creare le migliori opportunità per il futuro. Ad ognuno di noi è richiesta la capacità di scegliere il modo migliore di porsi alla vita, affinché la soddisfazione dei nostri bisogni sia sostenibile anche per le future generazioni. L’attività economica non può allontanarsi dalla realtà ambientale e sociale. Sarà necessario quindi aggiustare la semplice, e per alcuni versi piacevole, logica del capitalismo di mercato: l’economia deve crescere continuamente altrimenti crolla. Alla crisi possiamo dare il merito di aver scosso il pensiero economico, ponendo le basi della mutazione concettuale che, ci si augura, riuscirà a spostare l’obiettivo da una crescita misurata sulla quantità ad una crescita di qualità. Questa tesi si focalizza sulla crisi finanziaria, iniziata nell’estate del 2007 ed esplosa nell’autunno del 2008, che in breve tempo ha assunto dimensioni globali e che con grande forza ha contribuito a questa grave crisi economica. Con la complicità della globalizzazione dei mercati, che certamente ha introdotto 1 Rifkin, Jeremy (2008). 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi