Skip to content

Integrazione audio-visiva nella percezione di profili complessi di moto biologico

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Marini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: David Charles Burr
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

Il lavoro presentato in questa tesi prende origine da un interesse personale verso i meccanismi della percezione visiva e uditiva e, in particolare, verso il modo in cui i nostri sensi riescono a collaborare, spesso in modo sorprendentemente efficace, al fine di costruire una percezione globale articolata, ma unitaria, del mondo che ci circonda e dei singoli eventi ed oggetti in esso contenuti.
La prima parte di questa tesi fornisce una panoramica generale sul funzionamento dei sistemi sensoriali umani e la cooperazione che mettono in atto, dando luogo ad una percezione che spesso risulta derivare da informazioni di natura multisensoriale.
Rientrano in questo ambito le evidenze sperimentali che hanno permesso di conoscere il modo in cui il cervello umano utilizza in tempo reale le informazioni provenienti da diversi canali sensoriali e qual è l’obiettivo funzionale che questa integrazione permette di raggiungere.
Saranno introdotti anche alcuni studi che hanno indagato i meccanismi con cui il cervello umano elabora percettivamente le informazioni riguardanti il movimento biologico di agenti umani, nonché ricerche orientate ad esaminare un possibile ruolo del significato di una scena in relazione alla sensibilità con cui i nostri sistemi sensoriali la percepiscono.
Uno degli obiettivi di questa tesi consiste nell’indagare se la nostra percezione assuma caratteristiche particolari e mostri meccanismi specifici quando siamo chiamati a riconoscere tramite una o più modalità sensoriali un altro essere umano che sta effettuando azioni complesse dotate di un ben preciso significato.
Una ulteriore affascinante domanda si pone riguardo al modo in cui il nostro cervello possa utilizzare, in situazioni come quella appena descritta, informazioni provenienti da canali sensoriali differenti, come la vista e l’udito. Ci si può anche chiedere se la congruenza nelle informazioni che giungono al cervello da modalità sensoriali diverse influenzi in qualche misura la percezione.
L’approccio della presente tesi ai problemi affrontati è di tipo sperimentale, secondo un’ottica psicofisica. Assume quindi una particolare rilevanza non soltanto la descrizione dei meccanismi di funzionamento dell’integrazione sensoriale, ma anche l’analisi quantitativa degli effetti osservati, che si è resa possibile grazie alle misurazioni sperimentali realizzate nel corso di questo lavoro.
Sarà descritta una indagine psicofisica sull’integrazione di stimoli audio-visivi aventi caratteristiche di movimento biologico complesso. In particolare, è stata valutata la capacità di discriminare sequenze di ballo del tip-tap in condizioni unimodali e bimodali audio-visive. Ai soggetti venivano presentati filmati contenenti il movimento biologico di una ballerina che esegue passi di tip-tap. Tali filmati potevano essere abbinati o meno alla traccia audio corrispondente al ballo e, quando video e audio erano presentati insieme, essi potevano essere tra loro in fase oppure fuori fase.
E’ stata misurata la sensibilità per ciascun soggetto in ogni condizione sperimentale. Si è così osservato che le prestazioni dei soggetti sono migliori quando essi ricevono informazioni sia acustiche che visive, rispetto a quando ricevono informazioni soltanto visive. Inoltre, abbiamo dimostrato che la presentazione in fase migliora ulteriormente le prestazioni dei soggetti rispetto alla presentazione fuori fase.
Ciò ha permesso di ipotizzare l’intervento di meccanismi neurali di integrazione bimodale operanti con differenti strategie di integrazione multisensoriale, di tipo probabilistico in un caso e lineare nell’altro. Quando il compito è bimodale, il miglioramento nelle prestazioni rispetto al caso unimodale può essere interpretato in relazione alla quantità di informazioni sensoriali, secondo quanto predetto da un modello di integrazione probabilistico, in linea con risultati noti in letteratura. Tuttavia, in compiti con informazioni bimodali congruenti, abbiamo evidenziato un ulteriore e significativo vantaggio percettivo. A differenza di studi precedenti, nei quali l’effetto della congruenza audio-visiva non era evidente, in questa ricerca abbiamo dimostrato l’esistenza di un significativo vantaggio percettivo derivante dalla sincronia tra informazioni visive ed acustiche. Tale vantaggio consiste in un aumento della sensibilità quantitativamente orientato verso quanto predetto da un modello di integrazione lineare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 2 - 1. Introduzione Il lavoro presentato in questa tesi prende origine da un interesse personale verso i meccanismi della percezione visiva e uditiva e, in particolare, verso il modo in cui i nostri sensi riescono a collaborare, spesso in modo sorprendentemente efficace, al fine di costruire una percezione globale articolata, ma unitaria, del mondo che ci circonda e dei singoli eventi ed oggetti in esso contenuti. La prima parte di questa tesi fornisce una panoramica generale sul funzionamento dei sistemi sensoriali umani e la cooperazione che mettono in atto, dando luogo ad una percezione che spesso risulta derivare da informazioni di natura multisensoriale. Saranno illustrati alcuni tra i casi più rilevanti di integrazione multisensoriale, allo scopo di fornire le necessarie premesse per la successiva esposizione del lavoro sperimentale da me realizzato. Rientrano in questo ambito le evidenze sperimentali che hanno permesso di conoscere il modo in cui il cervello umano utilizza in tempo reale le informazioni provenienti da diversi canali sensoriali e qual è l’obiettivo funzionale che questa integrazione permette di raggiungere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi