Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il repertorio orchestrale per sassofono

Il saxofono: questo strumento così conosciuto a livello uditivo e visivo non ha una storia altrettanto nota, anche fra gli addetti ai lavori! La tesi si propone di ricostruire storicamente una parte di essa, più specificamente il ruolo del saxofono in orchestra ed il suo repertorio dalle origini ai giorni nostri.
Non vi è dubbio che sia una storia affascinante e ricca di sorprese. Sono molti i compositori (Berlioz, Kastner, Rossini ecc...) che fin dall'inizio hanno preso a cuore la causa di Adolphe Sax per portare la sua invenzione, il saxofono, all'interno dell'orchestra. Come si vedrà il saxofono e la musica rivolta a lui cambiano nel tempo, così come le tecniche strumentali e la prassi esecutiva, a dimostrazione che l'arte e la musica non sono un monolite fermo nel tempo, ma mutano e si evolvono a seconda del tempo in cui vivono.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Il timbro del sassofono, la cui famiglia comprende sette strumenti di tagli differenti, Ł a met strada tra quello degli ottoni e quello dei legni; esso ha qualcosa anche, ma con ben maggiore potenza della sonorit degli archi. A mio avviso, il suo pregio p rincipale risiede nella bellezza variegata della sua voce, ora grave e calma, ora appassionata, sognante e malinconica, ovvero vaga come l eco attutito di un eco, come i lamenti indistinti della brezza nei boschi e, meglio ancora, come le vibrazioni misteriose di una campana molto tempo dopo che Ł stata percossa. Nessun altro strumento musicale esistente, a me noto, possiede questa curiosa sonorit , situata al limite del silenzio1. Cos Hector Berlioz presenta il sassofono sul Journal des DØbats del 21 Aprile 1849. Si tratta di un elogio appassionato per questo giovane strumento inventato nel 1840 da un fabbricante di strumenti musicali belga, Adolphe Sax. Nelle belle parole di Berlioz sono contenuti i presupposti della presente ricerca che partendo da un interesse tutto personale si Ł mossa verso l indagine di un mondo, quello del sassofono classico, sconosciuto ai piø ed anche agli addetti ai lavori. Difatti, se si pensa al sassofono, vengono subito alla mente le atmosfere 1 HECTOR BERLIOZ, in «Journal des DØbats», 21Aprile 1849. Appare in LUIGI PODDA, Adolphe Sax ed il sassofono. Profilo storico, interpreti e repertorio (classico e jazz), Pizzicato, Udine 1992, p. 25.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Erick Daniel Beltracchini Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4190 click dal 06/03/2009.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.