Skip to content

L'essenziale è invisibile agli occhi: la ricerca dell'invisibile nell'arte contemporanea

Informazioni tesi

  Autore: Mara Mascaro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Grafica d'Arte
  Relatore: Francesca Alfano Miglietti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 203

L’arte ha sempre cercato di dare forma e peso ai processi più invisibili, proponendosi come la chiave di lettura in grado di oltrepassare le apparenze e di aprire la mente a nuovi punti di vista che esulano dai significati a cui siamo abituati. Cosa differenzia un semplice oggetto da un’opera d’arte? Nel 1948 René Magritte intitolava un suo quadro “Ceci n’est pas une pipe” (“Questa non è una pipa”), rivelando, in una visione molto chiara, la frattura tra il mondo dei segni e il mondo della realtà. I segni sono arbitrari: significato e significante hanno, quindi, un rapporto del tutto soggettivo e la relazione che intercorre tra il segno e la sua rappresentazione non solo frantuma la consapevolezza intrinseca in ognuno di noi della scissione tra il linguaggio e la realtà, ma diviene la negazione di se stessa. Bisogna insomma saper distinguere tra la “cosa in sé” e la sua rappresentazione, come afferma Jean-Luc Nancy nella sua “Piccola conferenza su Dio”:

«Sicuramente amate qualcuno, e capite che l’amore non è una cosa che sta da qualche parte, anche se potete inviare una cartolina con un cuore: è un segno d’amore, ma non è l’amore».

Marcel Duchamps espone in una galleria uno scolabottiglie, Jannis Kounellis dei cavalli vivi, Gino De Dominicis una mozzarella posta sul sedile di una carrozza: è grazie all’intervento di questi artisti se il significato che la società attribuisce ad ogni significante acquista nuovi termini, minando le certezze dello spettatore e portandolo all’acquisizione di un nuovo modo di pensare, che va oltre l’apparenza. L’utilizzo di elementi comuni porta inevitabilmente il pubblico a riflettere: poiché si trovano in una galleria, infatti, questi oggetti diventano opere d’arte, e quindi il loro significato deve necessariamente porsi al di là del quotidiano. Tra i protagonisti dell’arte contemporanea che han dichiarato guerra alla fossilizzazione del pensiero ne ho selezionati cinque che, più di altri, mi hanno aiutato a comprendere l’importanza di saper abbattere i propri pregiudizi e schemi mentali, aprendosi al nuovo e al diverso. Ognuno di essi mostra il proprio invisibile, che può diventare un anelito verso l’immortalità del corpo, una descrizione di un oggetto che si viene a sostituire ad esso, o ancora la traccia lasciata da un corpo che non è più, il distaccamento mentale dal corpo terreno per raggiungere un universo “altro”, o infine la mitologia e la forza ammaliante e allo stesso tempo distruttrice della passione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Ogni numero di magia è composto di tre parti. La prima parte è chiamata ‘la Promessa’. L’illusionista vi mostra qualcosa di ordinario: un mazzo di carte, un uccellino o un uomo. Vi mostra questo oggetto. Magari vi chiede di ispezionarlo, di controllare che sia davvero reale, inalterato, normale. Ma ovviamente, è probabile che non lo sia. Il secondo atto è chiamato ‘la Svolta’. L’illusionista prende quel qualcosa di ordinario e lo trasforma in qualcosa di straordinario. Ora voi state cercando il segreto, ma non lo troverete, perché non state davvero guardando. Voi non volete saperlo. Voi volete essere ingannati. Ma ancora non applaudite, perché far sparire qualcosa non è sufficiente. Bisogna anche farla riapparire. Ecco perché ogni numero di magia ha un terzo atto, la parte più ardua, la parte che chiamiamo ‘Il Prestigio’. The Prestige – Christopher Nolan Sin dall’antichità l’essere umano ha sentito il bisogno di imprimere fisicamente ciò che non gli era possibile percepire attraverso l’ausilio della vista: l’immagine ha sempre costituito un elemento fondamentale nella vita dell’individuo, poiché ciò che non si conosce e di cui non si può fare esperienza atterrisce ed in qualche modo risulta essere troppo imponente per la mente umana. Si è sempre ritenuto necessario quindi tradurre in immagini – disegni, dipinti o anche semplicemente attraverso la parola scritta, che spesso concretizza e sostituisce l’oggetto materiale descritto – i pensieri, le nozioni e tutto ciò che si voleva fosse tramandato ai posteri, in accordo col detto latino verba volant, scripta manent. Il linguaggio orale non è un qualcosa di tangibile, essendo non solo uno strumento del comunicare ma anche del pensare: la mente, infatti, non ha bisogno di vedere. Un cieco è ostacolato, nel pensare, dal fatto che non può leggere, e quindi da un minore supporto dello scibile scritto, ma non dal fatto che non vede le cose di cui pensa. In verità, le cose che pensiamo non le vede nemmeno chi possiede l’ausilio della vista: non sono “visibili” all’occhio umano. Quasi tutto il nostro vocabolario conoscitivo e teoretico è composto di parole astratte che non hanno nessun preciso corrispettivo in elementi visibili, e il cui significato non è riconducibile né traducibile in immagini. Città è ancora un “visibile”, ma nazione, Stato, burocrazia, popolo e così via sono concetti astratti, elaborati da processi mentali astraenti,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arte
arte povera
artisti
felix gonzalez-torres
gino de dominicis
invisibile
jana sterbak
jannis kounellis
kary b. mullis
kimsooja
l'arte
magritte
marcel duchamps
maurice merleau-ponty
mitologia
passione
passione arte
semiotica
significato arte
silenzio
sophie calle

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi