Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le tecnologie informatiche nelle piccole e medie imprese

L’evoluzione del mercato verso la globalizzazione e il conseguente aumento di pressione competitiva e di turbolenza ambientale, spingono le imprese ad una attenta e continua valutazione degli strumenti tecnologici e delle metodologie organizzative e gestionali migliori per avere successo.
Il successo è legato alla capacità di gestire l’innovazione nei suoi due aspetti: l’innovazione incrementale e continua, ovvero quella perseguita attraverso una serie di miglioramenti progressivi e diffusi, e l’innovazione radicale, come risultato di uno sforzo concentrato nel tempo, di tipo discontinuo.
Il processo di sviluppo nuovi prodotti (PSNP) agisce principalmente sull’innovazione radicale; esso rappresenta il processo più importante per l’impresa, tanto più questa opera in contesti turbolenti e complessi. In questi casi il PSNP diventa “IL” processo, la spina dorsale dell’impresa attuale e del futuro: ciò che ingloba, coinvolge tutte le funzioni, tutto il personale, che a diversi livelli si ritrova ad avere a che fare con il continuo cambiamento dei modi, degli strumenti, degli oggetti su cui lavorare. Esso acquista importanza fondamentale in imprese che competono in mercati che richiedono aggiornamento e innovazioni frequenti, mercati che premiano chi è più flessibile e veloce, e che spesso si rivelano più permissivi su prestazioni di costo non ottimali a vantaggio di qualità, sevizi e funzionalità eccellenti. In simili contesti il PSNP è l’impresa: il vantaggio competitivo che essa riesce a fornire ai suoi prodotti rispetto ai concorrenti, è dato da come è gestito e realizzato il processo di sviluppo.
D’altra parte i modelli organizzativi e gestionali sviluppati negli ultimi anni hanno enfatizzato l’importanza della visione per processi contro l’organizzazione strettamente gerarchica e funzionale, sottolineando l’importanza di flussi informativi che coinvolgano l’impresa in modo trasversale e flessibile, delegando fortemente a strutture autonome e responsabilizzate che però devono interagire, operare a stretto contatto.
La tecnologia informatica è una leva fondamentale per attuare questi modelli: le potenzialità che offre sono tali da renderla determinante per operare in modo efficace ed efficiente per la maggior parte delle organizzazioni o gruppi di persone che devono elaborare e scambiare dati, coordinarsi nei tempi e nei modi di operare, oltre che imparare e sviluppare conoscenza. Per questi motivi le imprese devono porre sempre più attenzione a come gestire il flusso di informazioni legate al processo di sviluppo, e in particolare ai problemi dell’integrazione degli strumenti informatici ed al loro effetto sull’apprendimento dell’organizzazione.
Se le grandi aziende multinazionali sono attente sia all’evoluzione delle teorie organizzative che alle innovazioni tecnologiche, e pronte a sperimentare e cambiare i proprio processi, esiste una moltitudine di piccole e medie imprese che pur operando in mercati competitivi, tende a rimanere meno coinvolta e sensibile ai nuovi stimoli. Il rischio per queste imprese è di non riuscire ad evolvere sia perché manca la percezione dei potenziali cambiamenti dell’ambiente in cui operano, sia per la presenza di barriere culturali all’innovazione e al cambiamento. Le conseguenze possono essere molto negative per l’impresa: un processo di sviluppo non competitivo oltre a ridurre le prestazioni di tempi, costi e qualità dei nuovi progetti e quindi dei prodotti, mina le capacità di sviluppare prodotti competitivi nell’immediato futuro, impoverendo e dissipando il patrimonio di conoscenza aziendale.

Questo lavoro ha l’obiettivo di individuare quali sono gli strumenti e le metodologie utilizzate nel processo di sviluppo di nuovi prodotti dalle piccole e medie imprese italiane e capire quali siano i motivi delle differenze tra le varie modalità di utilizzo.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE PAGINA - 4 INTRODUZIONE L’evoluzione del mercato verso la globalizzazione e il conseguente aumento di pressione competitiva e di turbolenza ambientale, spingono le imprese ad una attenta e continua valutazione degli strumenti tecnologici e delle metodologie organizzative e gestionali migliori per avere successo. Il successo è legato alla capacità di gestire l’innovazione nei suoi due aspetti: l’innovazione incrementale e continua, ovvero quella perseguita attraverso una serie di miglioramenti progressivi e diffusi, e l’innovazione radicale, come risultato di uno sforzo concentrato nel tempo, di tipo discontinuo. Il processo di sviluppo nuovi prodotti (PSNP) agisce principalmente sull’innovazione radicale; esso rappresenta il processo più importante per l’impresa, tanto più questa opera in contesti turbolenti e complessi. In questi casi il PSNP diventa “IL” processo, la spina dorsale dell’impresa attuale e del futuro: ciò che ingloba, coinvolge tutte le funzioni, tutto il personale, che a diversi livelli si ritrova ad avere a che fare con il continuo cambiamento dei modi, degli strumenti, degli oggetti su cui lavorare. Esso acquista importanza fondamentale in imprese che competono in mercati che richiedono aggiornamento e innovazioni frequenti, mercati che premiano chi è più flessibile e veloce, e che spesso si rivelano più permissivi su prestazioni di costo non ottimali a vantaggio di qualità, sevizi e funzionalità eccellenti. In simili contesti il PSNP è l’impresa: il vantaggio competitivo che essa riesce a fornire ai suoi prodotti rispetto ai concorrenti, è dato da come è gestito e realizzato il processo di sviluppo. D’altra parte i modelli organizzativi e gestionali sviluppati negli ultimi anni hanno enfatizzato l’importanza della visione per processi contro l’organizzazione strettamente gerarchica e funzionale, sottolineando l’importanza di flussi informativi che coinvolgano l’impresa in modo trasversale e flessibile, delegando fortemente a strutture autonome e responsabilizzate che però devono interagire, operare a stretto contatto. La tecnologia informatica è una leva fondamentale per attuare questi modelli: le potenzialità che offre sono tali da renderla determinante per operare in modo efficace ed efficiente per la maggior parte delle organizzazioni o gruppi di persone che devono elaborare e scambiare dati, coordinarsi nei tempi e nei modi di operare, oltre che imparare e sviluppare conoscenza. Per questi motivi le imprese devono porre sempre più attenzione a come gestire il flusso di informazioni legate al processo di sviluppo, e in particolare ai problemi dell’integrazione degli strumenti informatici ed al loro effetto sull’apprendimento dell’organizzazione. Se le grandi aziende multinazionali sono attente sia all’evoluzione delle teorie organizzative che alle innovazioni tecnologiche, e pronte a sperimentare e cambiare i proprio processi, esiste una moltitudine di piccole e medie imprese che pur operando in mercati competitivi, tende a rimanere meno coinvolta e sensibile ai nuovi stimoli. Il rischio per queste imprese è di non riuscire ad evolvere sia perché manca la percezione dei potenziali cambiamenti dell’ambiente in cui operano, sia per la presenza di barriere culturali all’innovazione e al cambiamento. Le conseguenze

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marco Montelatici Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2857 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.