Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione dell'elettronica nell'autoveicolo

Il presente lavoro analizza l'introduzione e lo sviluppo dell'elettronica nei vari sottosistemi che compongnono l'autoveicolo, in particolare analizzando l'impatto che questo processo ha indotto sulle prestazione e sulla meccanica. un intero capitolo è dedicato all'analisi dell'evoluzione dell'elettronica nel mondo delle corse in particolare F1.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 Introduzione La dotazione di bordo dei veicoli di concezione moderna si continua ad arricchire di dispositivi elettronici impiegati nelle più diverse applicazioni; è sufficiente analizzare le caratteristiche tecniche o l’elenco delle dotazioni opzionali per rendersene conto. Le previsioni di crescita di questo mercato nel quinquennio 2000/2005 prevedono un incremento annuale del mercato mondiale del 6,8%, è interessante anche seguire come il mercato si suddivide nelle varie aree geografiche, i valori in Tabella 1 mostrano dati relativi al 2000, perché questo influisce sull’importanza relativa dei diversi dispositivi elettronici, basti pensare alla diversa importanza attribuita alle prestazioni delle vettura dai clienti europei rispetto a quelli statunitensi, è immediato vedere come le diversità di gusti si tradurranno in una diversa priorità di sviluppo per i differenti dispositivi. Tabella 1 Distribuzione del mercato mondiale dell'elettronica per autovetture Area geografica Quota di mercato Previsioni crescita annuale nel quinquennio 2000/05 Nord America 32% +6,3% Europa Occidentale 30% +6,1% Estremo Oriente 32% +7% Resto del Mondo 6% +11,9% A questo proposito proviamo ad analizzare quali siano le esigenze che determinano la nascita di nuove apparecchiature. Se consideriamo la vettura immersa nel mondo che la circonda si possono isolare tre diverse categorie di interazioni: con l’utente, con l’ambiente, con gli altri veicoli. L’interazione con l’utente è indubbiamente quella di più immediata percezione, in quest’area abbiamo tutta una serie di dispositivi il cui compito è di incrementare: confort, sicurezza di guida, prestazioni, economia d’esercizio; l’interazione con l’ambiente non è limitata alla produzione di gas inquinanti ma anche alle emissioni sonore, ai consumi, ed allo smaltimento al termine della vita utile; l’interazione tra il veicolo ed il sistema traffico è di recente introduzione e per permettere questa interazione è necessario realizzare uno scambio di informazioni tra il veicolo ed il mondo esterno, un esempio di queste dotazioni è rappresentato dai sistemi di navigazione, di riconoscimento ostacoli, di Active Cruise Control, ecc. Oltre all’esigenza particolare che stimola la nascita di un determinato dispositivo , esistono una serie di agenti esterni che hanno la funzione di veri e propri catalizzatori, come: il fattore legislativo, il servizio di marketing del costruttore, ecc. Al di là delle ragioni che stimolano la nascita dell’esigenza, e quindi del dispositivo, si nota come la complessità di questo sia in costante aumento, L’unica tecnologia che permette di ottenere le prestazioni richieste a costi contenuti e con ingombri accettabili è l’elettronica. Tuttavia una così estesa applicazione dell’elettronica pone una serie di problemi dovuti sia alla crescente complessità dei sistemi che, se da una parte permette di risolvere problemi sempre più sofisticati dall’altra pone problemi di costo di sviluppo e produzione, sia alle peculiarità delle applicazioni “automotive”. Infatti l’ambiente di utilizzo è molto “sporco” non solo in termini di polvere ed inquinanti chimici ma anche in termini di disturbi elettromagnetici, vibrazionali e termici; per contro il costo del dispositivo deve essere contenuto e la sua affidabilità elevata. Inoltre nella maggior parte dei casi il dispositivo deve interagire con altri dispositivi di tipo meccanico, questo pone tutta una serie di problemi dovuti all’azionamento ed al controllo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Robero Odorici Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2672 click dal 11/03/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.