Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione della distribuzione commerciale in Ungheria

Nel corso dell’ultimo decennio, l’economia ungherese, ha percorso un lungo cammino di sviluppo, ed ha ottenuto, notevoli successi.
Il modello precedente, pianificato in modo centrale, e basato prevalentemente sulla proprietà statale, è stato sostituito dall’economia di mercato e, con la conclusione delle privatizzazioni, la proprietà privata è diventata, anche nell’economia, la forma prevalente.
La situazione economica ungherese, ed anche le sue prospettive, sono migliorate continuamente negli ultimi anni: i cambiamenti positivi verificatisi per effetto del programma di stabilizzazione introdotto nel 1995 -il cosiddetto pacchetto Bokros - sono ormai diventati un vero e proprio trend.
La determinazione con cui il Paese si è avviato sulla strada delle riforme fin dal 1988-1989, ha attratto un consistente flusso di capitali stranieri che hanno contribuito in modo determinante all’ammodernamento ed al successo dell’economia ungherese tanto più se si guarda ai modesti risultati di paesi confinanti come Polonia, Slovacchia e la stessa Repubblica Ceca.
L’apertura dei negoziati di adesione all’UE conferma l’esistenza di progressi oltre che sul piano economico anche su quello politico, istituzionale e legislativo, rendendo probabile l’ingresso nell’UE entro il 2002.
Abbiamo pertanto ritenuto opportuno approfondire gli effetti determinati nel settore della distribuzione commerciale dal passaggio da un’economia pianificata ad una di libero mercato.
La principale difficoltà riscontrata in tale lavoro è stata la raccolta di dati attendibili: scarsa è infatti la letteratura riguardante gli anni della pianificazione e frammentarie ed il più delle volte speculative, sono le informazioni relative allo stadio attuale di sviluppo.
L’analisi è strutturata in due parti: la prima dedicata alla descrizione dell’evoluzione del settore, la seconda a un caso pratico.
La prima sezione ricostruisce la struttura del canale distributivo durante gli anni della pianificazione, prosegue con la descrizione del settore distributivo venutosi a formare negli anni ’90 e termina affrontandone la più probabile linea di sviluppo futuro: il commercio elettronico.
Particolare riguardo è dedicato all’analisi del consumatore ungherese, in quanto destinatario finale di ogni forma di commercio.
Come accennato, la seconda parte è un caso pratico, in cui sono messe a frutto le nozioni assimilate riguardo la struttura ed il funzionamento del settore distributivo.
I numerosi richiami teorici presenti nel testo non costituiscono sterile riproduzione di quanto appreso nel corso dei nostri studi, ma mirano a fornire al lettore pur attento, ma meno esperto, alcuni strumenti di base per la comprensione e l’assimilazione dell’analisi da noi eseguita.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo I L’UNGHERIA: NOTE GENERALI ED INDICATORI SOCIALI 1. INFORMAZIONI GEOGRAFICHE 1 L�Ungheria, divisa in modo mediano dal Danubio, ha una superficie di 93.030 kmq. Le distanze massime fra i suoi confini sono 528 km in direzione Est-Ovest e 268 km in direzione Nord-Sud. Contornata nella parte occidentale e a Nord, da regioni collinari con modeste alture (la cima pi� alta � il monte Kekees di 1.010 m.), l�Ungheria � caratterizzata per la maggior parte del suo territorio dalla grande pianura fluviale del Danubio, che si estende fino all�altipiano transilvanico. Figura I-: L�Ungheria Fonte: Yahoo map directory 1 Le informazioni geografiche sono tratte dalla Guida Paese ICE 1999 e dal COUNTRY PROFILE HUNGARY 1999/2000, a cura dell�Economist Intelligence Unit.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michele Scataglini Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2183 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.