Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione del benessere e protezione animale durante il trasporto

Il trasporto di animali vivi destinati alla macellazione è divenuto un grande business mondiale malgrado rappresenti un fattore di forte stress per gli animali.
Il diffondersi di notizie di cronaca ha contribuito ad accrescere l’opinione pubblica nei confronti delle modalità di trasporto e delle tematiche connesse.
Il 22 dicembre 2004 è stato emanato il regolamento (CE) n.1/2005 sulla protezione degli animali durante il trasporto e le operazioni correlate.
Nonostante la norma sia entrata in vigore da circa due anni, l’Italia sembra essere in ritardo nell’applicazione del regolamento e questo ritardo si traduce in una serie di violazioni.
Il regolamento (CE) n. 1/2005 rimanda al decreto legislativo n.151 del 25 luglio 2007 che stabilisce le sanzioni, di tipo amministrativo, per la violazione delle disposizioni del regolamento.
È necessario che il trasporto venga monitorato in tutte le sue fasi per garantire le condizioni minime di protezione degli animali e promuovere, non solo il benessere animale, ma anche i prodotti che derivano da essi.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1 - INTRODUZIONE La storia del trasporto animale risale a migliaia di anni fa. Mentre in passato gli animali, se non quelli tradizionalmente transumanti, non effettuavano lunghi viaggi e, anzi, nel corso della loro esistenza compivano solamente il percorso fino al macello, oggi sono soggetti a commerci, compravendite, mostre, quindi, a spostamenti mediante brevi e lunghi viaggi sulle strade d’Europa. L’Italia rappresenta un importante crocevia di questo commercio perché è uno dei maggiori paesi importatori ed è percorsa da numerosi mezzi di trasporto diretti in altri Paesi dell’Unione Europea o verso Paesi Terzi. La caduta delle barriere doganali in Europa e la specializzazione regionale delle attività nel campo dell’allevamento, dell’ingrasso, della macellazione e della produzione di carni e salumi sono le cause principali di questi trasporti negli ultimi decenni. Il trasporto di animali vivi destinati alla macellazione è divenuto un grande business mondiale malgrado rappresenti, nelle sue diverse fasi (raggruppamento, carico, scarico e movimentazione), un fattore di forte stress per gli animali e, di conseguenza, un serio problema di salute, sicurezza e qualità della carne. Al fine di tutelare il benessere degli animali durante il trasporto, l’Unione Europea ha emanato il Regolamento (CE) 1/2005 che ha cambiato il quadro normativo precedente, includendo disposizioni più rigide e restrittive: aumenta pertanto la coscienza sociale a proposito di tematiche come il benessere e la richiesta che gli animali vengano trattati in maniera umana e in conformità ai più opportuni sistemi moderni. Una norma però serve solo se ne viene verificata l’applicazione. Infatti, anche se la situazione in Europa è migliorata, è ancora frequente che animali in cattive condizioni di salute viaggino per molte ore in camion sovraccarichi, deprivati dell’acqua e degli alimenti e senza beneficiare dei periodi di riposo previsti dalla normativa. Le Autorità Veterinarie in collaborazione agli organi di polizia competenti svolgono un ruolo importante nel controllare la mancata applicazione della normativa vigente in materia.

Laurea liv.I

Facoltà: Agraria

Autore: Valentina Andriola Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2236 click dal 16/03/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.