Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La ricezione di Renè Guènon in Italia. Contesti storici editoriali ed associativi

In Italia la figura di Renè Guènon è stata per lungo tempo relegata in secondo piano, misconoscendo la grande portata del tradizionalismo espresso dal metafisico francese. Lo scritto ripercorre l'humus spirituale, politico e culturale italiano all'interno del quale sono state accolte e divulgate le opere di Guènon, il contesto editoriale che ne ha curato la pubblicazione e la diffusione, nonché i gruppi e i personaggi che si richiamano alla sua figura.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Nella molteplicità delle forme di studio che la sociologia offre al ricercatore, lo sviluppo della ricezione 1 di un soggetto all’interno del contesto sociale può offrire diversi punti di osservazione per introdurre nuovi sistemi di ricerca ovvero rielaborare quelli già esistenti. Si tratta di un campo d’azione che prospetta risultati davvero interessanti per la verifica della comprensione e dell’evoluzione che una nuova linea di pensiero può sviluppare all’interno del risvolto sociale di un Paese 2 . Sul fenomeno specifico della ricezione in campo sociologico non esistono fonti che trattino in maniera organica dell’argomento 3 , né indicazioni specifiche sul metodo operativo 1 – Il concetto di ricezione (o recezione), se viene alcune volte citato in testi sociologici, non è stato quasi mai tematizzato profondamente. E’ pur vero che il termine “ricezione” non ha una genesi prettamente sociologica, e che in genere lo si può trovare in un ambito multidisciplinare, sviluppato, ad esempio, anche in campo filosofico e storico. Il termine sembra comunque che sia stato primariamente trattato dal diritto romano, in merito alla ricezione dei cittadini di una nuova norma giuridica ( per una visione generale si può consultare il volume di T. Martines (a cura di G. Silvestri), Diritto Costituzionale, Giuffrè Editore, Milano, 1997). Negli ultimi decenni si è aperto un vasto raggio d’azione per lo studio della ricezione di vari fenomeni. Con un approccio metodologico innovativo, il professore americano N. Chomsky, ha analizzato la ricezione legata alle comunicazioni e all’informazione fornita dai mass-media. 2 – Lo sviluppo della ricezione in campo sociologico si deve a M. Weber. L’intellettuale tedesco sostituisce lo studio del “soggetto psicologico” con il nuovo “soggetto noologico” o comprendente, ovvero all’uomo che, in quanto uomo simbolico o “culturale”, elabora e riceve significati. La coscienza, oltre che fatto psichico, è anche coscienza sociale in grado di effettuare una elaborazione e ricezione dei significati proposti dal mondo sociale (F. Barbano, Sociologia. Differenze, individuazione, strutture, Giappichelli Editore, Torino, 1992, pp. 115-119). 3 – H. R. Jauss in Estetica della ricezione (Guida, Napoli, 1988, pp. 135-136), mette in guardia da tutti i possibili fraintendimenti che il termine ricezione può portare. Tuttavia, visto che esso è diventato di uso comune è necessario chiarire che, dal punto di vista estetico, possiede un senso sia passivo che attivo. La ricezione comprende sia l’effetto prodotto dal fenomeno trasmettente, sia le modalità con le quali vengono accolte dal ricevente. Tale precisazione ritengo sia valida in ogni campo, compreso naturalmente

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Ruben De Lorenzo Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2555 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.