Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le politiche economiche dei governi italiani davanti alla crisi: 1972-1975

Nel decennio tra la fine degli anni sessanta e la fine degli anni settanta si consuma una trasformazione epocale sia delle ragioni di scambio a livello internazionale sia dei presupposti della crescita economica occidentale novecentesca. La crisi del fordismo arreca i suoi effetti sugli equilibri economico-monetari che non appaiano più ripristinabili con i modelli di intervento keynesiani di modulazione della domanda aggregata. All'epoca (prima metà degli settanta) era ancora distante una piena consapevolezza di tutte le implicazioni di tale crisi, in particolare nell'ambito delle classi dirigenti italiane. Peraltro era chiarissima, nei fatti, la fine (od almeno la crisi irreversibile) della rete di relazioni economiche tra le nazioni che aveva condotto alla crescita accompagnata da welfare state e all'interno della quale anche l'Italia aveva potuto godere del suo sviluppo quantitativo. Il dibattito nell'ambito delle maggioranze di governo e delle autorità monetarie del paese manifesta spesso il contrasto aspro tra posizioni teoriche e politiche molto distanti, ma tutto resta interno alla consueta visione delle cose e cioè quella che si esprime in politiche di volta in volta inflazionistiche o deflazionistiche alla ricerca di un “aggancio” con il ciclo economico mondiale.
In particolare la politica monetaria, funzionante prevalentemente, ma non solo, in modo restrittivo era stata praticata e considerata sino ad allora come la leva quasi esclusiva di intervento attivo sull’andamento del sistema economico.
Alla politica monetaria questo ruolo era derivato da due fondamentali fattori che si pongono a livelli diversi fra loro. Il primo è costituito dall’inefficienza e dalla poca manovrabilità che in Italia hanno sempre caratterizzato la pubblica amministrazione ed in particolare lo strumento fiscale, il quale avrebbe potuto costituire una valida alternativa come strumento di breve periodo. Il secondo dal fatto che esso corrispose alla mancanza di una politica di programmazione e d’intervento sulle strozzature e sugli squilibri strutturali contrassegnanti la realtà economica italiana.
Il dibattito nell'ambito delle maggioranze di governo e delle autorità monetarie del paese manifesta spesso all'epoca il contrasto aspro tra posizioni teoriche e politiche molto distanti, ma tutto resta interno alla consueta visione delle cose e cioè quella che si esprime in politiche di volta in volta inflazionistiche o deflazionistiche alla ricerca di un “aggancio” con il ciclo economico mondiale.
Il testo descrive analiticamente i singoli provvedimenti e le singole decisioni nella loro tecnicità, con l'intenzione di cercare di delinearne dall'interno il significato sotto il profilo politico ed economico . L'approccio è di tipo interdisciplinare e i fatti storici sono studiati alla luce del contesto problematico dell'economia e paradigmi interpretativi ed operativi a disposizione dei protagonisti.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Gli anni (1972-1975) in cui si apre e si svolge la più profonda crisi economica dell’Italia del dopoguerra, rappresentano anche un periodo di malessere acuto, se non di riconosciuto esaurimento, di alcuni strumenti di politica economica che avevano ricoperto, nell’esperienza italiana, un ruolo di primo piano. Fra tali strumenti vi è, in particolare, la politica monetaria, funzionante prevalentemente, ma non solo, in modo restrittivo e che era stata praticata e considerata sino ad allora come la leva quasi esclusiva di intervento attivo sull’andamento del sistema economico. Alla politica monetaria questo ruolo era derivato da due fondamentali fattori che si pongono a livelli diversi fra loro. Il primo è costituito dall’inefficienza e dalla poca manovrabilità che in Italia hanno sempre caratterizzato la pubblica amministrazione ed in particolare lo strumento fiscale, il quale avrebbe potuto costituire una valida alternativa come strumento di breve periodo. Il secondo dal fatto che esso corrispose alla mancanza di una politica di programmazione e d’intervento sulle strozzature e sugli squilibri strutturali contrassegnanti la realtà economica italiana. Le aziende a partecipazione statale, per vicende storiche quantitativamente estese, avrebbero potuto essere uno strumento di tale impegno programmatico. Ma, se

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giancarlo Bedini Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1103 click dal 16/03/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.