Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Proposta di scheda di accertamento infermieristico per persone autistiche ricoverate in strutture ospedaliere

La disabilità spesso è trattata da figure specialistiche.
Per evitare ricoveri in cui l'infermiere per scarse conoscenze garantisce un'assistenza non ottimale, si propone una scheda di accertamento infermieristico all'accoglienza.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Presentazione La scelta di elaborare una tesi sull’argomento “autismo”nasce dall’incrocio di due percorsi di vita personale: uno familiare ed uno professionale. Da circa due anni coordino nel ruolo di infermiera coordinatrice un reparto di ortopedia in una clinica privata convenzionata (Casa di cura Villa Berica – Vicenza). Ho la fortuna di essere circondata da personale medico e infermieristico qualificato e umanamente ineccepibile. Alla domanda casuale posta ad alcuni membri dell’equipe su cosa fosse il disturbo autistico, mi sono resa conto che ben pochi hanno saputo darmi una risposta esaustiva. Questo indicatore mi ha fatto riflettere perché sono del parere che per aiutare bisogna conoscere. L’autismo racchiude in sé molte caratteristiche appartenenti ad altre sindromi di disabilità. Partendo dalla conoscenza di questa patologia, delle cause e delle sue manifestazioni, si possono estrapolare strategie assistenziali attuabili anche in altre situazioni di disabilità. E’ possibile ad esempio perfezionare un modello organizzativo rivolto a persone con gravi disabilità, che sia in grado di dare risposte efficaci a problematiche comportamentali e comunicative. I reparti di degenza sono spesso,e giustamente,organizzati secondo protocolli e indicazioni tali da garantire linee guida comuni per tutti i professionisti che vi lavorano:tempi, orari, turni, procedure standard, sono tra le caratteristiche identificative di un buon funzionamento del reparto. Lo svantaggio però può essere determinato da un eccessivo rigore che standardizza ogni singolo utente , senza tener conto dell’importanza di individualità ed esclusività. Nel reparto in cui lavoro viene utilizzata una cartella clinica in cui le informazioni mediche ed infermieristiche vanno ad integrarsi in modo da garantire un’assistenza globale della persona ricoverata. In situazioni specifiche (es. persona anziana) la cartella viene supportata da un’ulteriore modulistica specifica e mirata ai bisogni di questa tipologia di utente. In questo caso l’assistenza sanitaria cerca di rispettare eventuali esigenze dettate dalle priorità che l’utente manifesta per l’età o per la patologia .

Diploma di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Maria Luisa Canavesi Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6102 click dal 18/03/2009.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.