Skip to content

L'applicazione del principio di giurisdizione universale nella prassi spagnola

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Fabris
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paolo Palchetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 207

Questo studio ha ad oggetto il principio di giurisdizione universale e in particolare la sua applicazione da parte dei tribunali spagnoli.
Nel primo capitolo si accenna al principio di territorialità e agli altri criteri di competenza extraterritoriale e si arriva ad una definizione di giurisdizione universale, mirando in particolare a delimitarne l’ambito di applicazione e ad analizzarne i limiti di natura interna ed esterna. Si chiarisce così la differenza tra principio di giurisdizione universale assoluto e condizionato e tra esercizio facoltativo ed obbligatorio della competenza che si fondi su tale criterio. Viene inoltre rilevata l’impossibilità di procedere qualora il soggetto goda di immunità o non si trovi sul territorio dello Stato procedente (inammissibilità del giudizio in absentia).
Il secondo capitolo ha lo scopo di realizzare un breve excursus sulla disciplina normativa del principio di giurisdizione universale così come definita da trattati internazionali e da leggi interne, e sulla prassi rilevante. In particolare si analizzano le Convenzioni che lo prevedono e in quale misura, si accenna ad alcune legislazioni europee e sud americane oltre alle più importanti decisioni delle Corti nazionali. Per quanto riguarda la giurisprudenza internazionale viene presa a riferimento la sentenza della Corte internazionale di giustizia relativa al caso del “Mandato d’arresto” in una controversia tra Belgio e Congo. Il tutto al fine di sottoporre a verifica la tesi dell’esistenza di una norma nel diritto internazionale generale che accolga il principio di giurisdizione universale.
Nell’ultimo capitolo si indaga in maniera più approfondita la legislazione spagnola e i casi di maggiore rilevanza in cui i tribunali spagnoli si sono attribuiti competenza sulla base del principio di giurisdizione universale. L’articolo 23.4 della Ley organica del poder judicial contempla il principio in questione nella sua forma assoluta, stabilendone quale unico limite la res iudicata e conseguentemente il rispetto del principio del ne bis in idem e la non possibilità di far eseguire nuovamente la condanna già scontata all’estero. La casistica giurisprudenziale esaminata comprende i gravi crimini di diritto internazionale commessi in Guatemala durante la guerra civile (Guatemalan generals case), e in Argentina durante il periodo della dittatura militare (Scilingo case). Sono state poi considerate le decisioni emesse in relazione al genocidio avvenuto ai danni del popolo Tibetano durante l’invasione cinese e alle gravi violazioni dei diritti umani commesse, in Cina, contro i simpatizzanti della corrente religiosa Falun Gong. Da ultimo è stato esaminato il caso relativo all’omicidio del giornalista Manuel Couso, durante la guerra in Iraq, per mano dell’esercito statunitense. Dall’analisi di questi casi si è potuta notare una discordanza di impostazioni tra la Audiencia Nacional e il Tribunal Supremo da un lato, e il Tribunal Constitucional dall’altro. In particolare la Audiencia Nacional e il Tribunal Supremo hanno chiarito di appoggiare l’esercizio extraterritoriale della giurisdizione fondato sul principio dell’universalità solo in presenza di alcune condizioni, ovvero la sussistenza di un valido punto de conexión oltre alla provata inattività degli organi giurisdizionali territoriali. Il Tribunal Constitucional, invece, ha affermato che la portata del principio non va diminuita in via applicativa, e che qualsiasi restrizione dello stesso deve promanare dal potere legislativo. Inoltre, in merito alla richiesta della prova dell’inattività dei tribunali territoriali, l’alta Corte stabilisce che questa si caratterizzerebbe come una probatio diabolica, contraria all’essenza stessa del principio.
Dalle ricerche effettuate è emerso che una norma internazionale consuetudinaria che accoglie il principio di giurisdizione universale possa dirsi esistente, benché lo renda ammissibile solo nella sua forma condizionata. Tale soluzione appare corretta e coerente con il valore di diritto internazionale cogente delle fattispecie che prevedono i crimini di diritto internazionale. Gli Stati hanno l’obbligo di perseguirli; possono pertanto ricorrere allo strumento estradizionale oppure procedere al giudizio, e ciò anche in base al principio di giurisdizione universale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- INTRODUZIONE - 5 INTRODUZIONE Un periodo di tirocinio all’Audiencia Nacional di Madrid, svolto da aprile a luglio 2008, ha costituito l’opportunità per affrontare un problema attuale del diritto internazionale penale. L’oggetto di questo studio è il principio di giurisdizione universale, affrontato principalmente attraverso l’approfondimento della prassi spagnola. Questo studio si propone l’obiettivo di descrivere i contenuti, l’ambito di applicazione e i limiti del principio in questione, oltre che verificare se, sul piano del diritto internazionale generale, si sia formata una norma consuetudinaria in grado di costituire la base per un valido esercizio della competenza fondata sul principio di giurisdizione universale. È stata considerata la dottrina rilevante sul tema ed i lavori prodotti da studiosi della materia. In particolare, si è tenuto conto dei Principi elaborati a Princeton nel 2001 all’interno del Princeton Project e della risoluzione – e relativi lavori preparatori - dell’Institut de droit international adottata nella seduta di Cracovia nel 20051. Nella parte relativa al diritto penale internazionale speciale riferimento è stato fatto ai lavori raccolti da Cassese e Delmas-Marty2. Lo studio della prassi spagnola ha avuto come primo punto di riferimento le sentenze, la cui interpretazione è stata successivamente verificata a livello dottrinale. La struttura dello scritto parte dal generale per arrivare al particolare. Così, il primo capitolo parte dalla definizione di giurisdizione, per approdare a quella di giurisdizione universale, facendo accenno al principio di territorialità e agli altri criteri di competenza 1 Princeton Project on Universal Jurisdiction, The Princeton Principles on Universal Jurisdiction, in Macedo (a cura di), Program in law and public affaris, Princeton, 2001. Tomuschat, La compétence universelle en matière pénale à l’égard du crime de génocide, des crimes contre l’humanité et des crimes de guerre, in Annuaire de l’institut de droit international, 2006, vol.II. 2 Cassese, Delmas-Marty, Jurisdictions nationales et crimes internationaux, Parigi, 2002.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

argentina
audiencia nacional
cina
corte penale internazionale
couso
crimini contro l'umanità
crimini di guerra
diritti umani
falun gong
genocidio
giurisdizione
giurisdizione universale
guatemala
guatemalan generals
iraq
lopj
scilingo
spagna
tibet
tribunal supremo
universale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi