Skip to content

Gestire il knowledge management

Informazioni tesi

  Autore: Samuele Zilioli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Carlo Ricci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

Il presente elaborato si pone come lavoro di ricerca che si snoda sia sul piano teorico, in una ragionata elaborazione concettuale sul vasto tema del Knowledge Management; sia sul piano pratico, nella progettazione e presentazione-applicazione di un glossario interdisciplinare sul medesimo argomento.
Il punto di vista di questa indagine è stato chiaramente psicologico. Infatti, dopo una definizione introduttiva del concetto in ambito prettamente aziendale, abbiamo scelto di mettere in luce gli effetti psicologici di quella gestione della conoscenza che più ampiamente viene messa in atto nella quotidianità grazie alla consistente diffusione delle nuove tecnologie. In particolare con il concetto di brainframe è emersa la dimensione cognitiva accanto a quella culturale; parlando di ingegneria emozionale e narrazione ci si è spostati sulla dimensione emotiva e, per certi versi, anche culturale; affrontando il disegno sperimentale dell’Affective Computing abbiamo considerato il livello relazionale/emotivo, nonché quello cognitivo; indagando le teorie sulla CMC è emerso il rapporto tra questo nuovo contesto di interazione comunicativa e la costruzione, modificazione e espressione dell’identità individuale. Infine, focalizzandoci sul fenomeno dell’e-Health, si è portato un chiaro esempio delle trasformazioni sociali/culturali che si stanno verificando all’interno dell’attuale società della conoscenza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il presente elaborato si pone come lavoro di ricerca che si snoda sia sul piano teorico, in una ragionata elaborazione concettuale sul vasto tema del Knowledge Management (d’ora in poi KM); sia sul piano pratico, nella progettazione e presentazione-applicazione di un glossario interdisciplinare sul medesimo argomento. È proprio infatti l’interdisciplinarità a caratterizzare il KM, che continuamente richiede, a chi se ne occupa, competenze informatiche, gestionali, economiche, ma anche psicologiche e sociologiche, nonché una vasta cultura generale. In italiano potremmo tradurlo letteralmente con “gestione della conoscenza”. Il titolo del presente lavoro, “Gestire il Knowledge Management”, ne mette in luce l’obiettivo: fornire una chiave di lettura di ampio respiro sul KM. Attenta infatti all’origine e all’evoluzione storica del concetto (prospettiva classica, §2), essa non manca di indagare le nuove e attuali frontiere del KM, costituite dall’applicazione delle knowledge management technologies (KMT) ai vari aspetti della vita: formazione, lavoro (non solo aziendale/organizzativo), vita quotidiana (salute, shopping, tempo libero, etc…). In particolare in questa seconda sezione (§3) saranno chiariti i concetti di resistenza e naturalizzazione, quindi alcuni esempi degli effetti da quest’ultima causati. Come vedremo infatti l’alto tasso di utilizzo di Information and Communication Technology (I&CT) porta a sperimentare processi di riorganizzazione profonda dei processi di gestione della conoscenza. Possiamo dire che si assiste ad uno scenario di trasformazioni che agiscono contemporaneamente su più livelli tra loro integrati (cognitivo, relazionale, organizzativo, sociale, culturale, economico, amministrativo, giuridico…). Tutto ciò porta alla costruzione di una knowledge society (KS) in cui ciascuno può considerarsi knowledge citizen. Ampio spazio è dedicato alla psicologia in entrambi questi primi due paragrafi. Nello specifico nel primo caso cercheremo di indicare il ruolo della psicologia organizzativa in merito al KM; mentre nella seconda parte saranno considerati esclusivamente alcuni esempi di effetti psicologici causati dall’utilizzo delle KMT (livello cognitivo, livello emotivo, livello affettivo-relazionale, livello socio-culturale). Il terzo paragrafo è intitolato “La costruzione di un glossario interdisciplinare”. L’obiettivo è quello di selezionare e proporre alcuni concetti, e alcune definizioni, utili a chi si affaccia per la prima volta al tema della gestione della conoscenza, ma anche agli addetti ai lavori. Accanto infatti a termini basilari e necessari c’è spazio anche per significati più tecnici e specifici. In questo senso ci si occuperà di indicare e in parte definire alcuni concetti tratti dalle diverse discipline implicate

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

gestione della conoscenza
glossario
interdisciplinarietà
knowledge managment
knowledge managment technologies
knowledge society
pkm 360
psicologia cognitiva
psicologia generale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi