Skip to content

La generatività sociale nelle famiglie affidatarie

Informazioni tesi

  Autore: Serena Farella
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Laura  Migliorini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

Con tale lavoro è stato affrontato il tema della generatività sociale nelle famiglie affidatarie. Questo tema è molto importante per la psicologia sociale poiché rappresenta un punto d’incontro tra i bisogni individuali delle persone e le istanze sociali, mettendo in luce le caratteristiche della famiglia come forte mediatore tra l’individuo e il sociale. La generatività, secondo Scabini e Cigoli, rappresenta l’obiettivo intrinseco della famiglia: ciò sta a significare che l’essere famiglia ha al suo centro un progetto di genitorialità vista cioè come progettualità generativa che può essere biologica e si esplica con la nascita dei figli; e sociale, dove il compito di cura coinvolge anche la cura delle generazioni future, anche se non sono appartenenti allo stesso nucleo familiare.La scelta di rendersi disponibili come famiglia affidataria può essere considerata un evento critico non normativo che influenza la struttura e la composizione della famiglia modificando le precedenti modalità di funzionamento. Secondo Malagoli Togliatti, uno degli aspetti più importanti è dunque il significato e la definizione che la famiglia nel suo insieme attribuisce all’evento critico che, nel caso dell’affidamento, richiede una condivisione del progetto non solo all’interno della coppia, ma anche con i figli biologici, in relazione all’età, e con le famiglie di origine. Anche il momento del ciclo di vita in cui si sceglie di intraprendere il percorso dell’affidamento e la simultaneità con altri eventi critici, risultano essere variabili cruciali per la riuscita del progetto. Questo lavoro fa parte di un progetto più ampio, svolto in collaborazione con il comune di Genova e attuato presso il centro affidi di Viareggio. A tale ricerca hanno partecipato 15 famiglie affidatarie tutte in carica al centro affidi del comune di Viareggio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Da diversi anni l’affidamento familiare è diventato un argomento molto importante, e attuale, per le istituzioni pubbliche, per i legislatori, per i ricercatori e, in modo particolare, per moltissimi bambini e per i loro genitori. La legge n° 184/1983, che regola l’affido eterofamiliare, definisce l’inserimento del minore in un’altra famiglia, come intervento primario quando si ritiene di doverlo allontanare dalla sua, temporaneamente non adatta a crescerlo. Tale progetto viene realizzato come mezzo per non creare al minore ulteriori motivi di disagio psicologico e di rischio quando l’inadeguatezza, anche se temporanea, dei suoi genitori a prendersi cura di lui, lo pone in uno stato di carenza e crisi personale e relazionale. Nonostante ciò, ancora oggi si oscilla tra situazioni in cui l’affidamento familiare è vissuto come soluzione insostituibile per garantire il benessere del minore e la sicurezza che necessita, e tra momenti in cui domina l’idea di sostenere i diritti e i doveri dei genitori. Il presupposto fondamentale è l’integrazione delle cure che il minore riceve dai propri genitori con quelle che gli vengono offerte da un’altra famiglia, in un ambiente differente. Il bambino si trova, quindi, tra due famiglie, diverse, che hanno in comune la responsabilità di garantirgli le funzioni genitoriali di base. È, quindi, necessario che vi sia non solo accettazione reciproca da parte delle due famiglie dell’importanza che l’altra ha nella vita del minore, ma è utile anche una collaborazione tra loro. Per non creare ulteriori condizioni di rischio, deve stabilire legami positivi con la nuova famiglia e mantenere, e migliorare, i rapporti con i suoi genitori: ciò è favorito dai buoni rapporti che si dovrebbero creare tra i due nuclei familiari. La decisione di pianificare un affido familiare scaturisce, di solito, dal riscontro dell’inadeguatezza della famiglia a garantire al figlio le cure adeguate sul piano emotivo, sociale e fisico: in queste situazioni, l’affidamento ha lo scopo di rispondere adeguatamente alle necessità specifiche del minore e della sua famiglia, 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

affidamento familiare
affido
famiglie affidatarie
fes
foster family
generatività sociale
sdq
social generativity

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi