Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tassazione delle plusvalenze tra redditi d'impresa e redditi professionali

Questa tesi ha approfondito il tema della tassazione delle plusvalenze tra redditi d impresa e redditi professionali.

Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Il presente lavoro di tesi ha lo scopo di tracciare le linee del trattamento riservato alle plusvalenze patrimoniali nell ambito della disciplina del reddito d impresa e alle plusvalenze nel reddito di lavoro autonomo, queste ultime introdotte dal Decreto Legge n.223/2006 convertito dalla Legge n.248/2006. Prima di analizzare nel dettaglio le plusvalenze e la loro incidenza nei redditi d impresa e di lavoro autonomo Ł opportuno capire il significato della parola plusvalenza 1. Dalla normativa racchiusa nei due decreti delegati che istituirono l IRPEF e l IRPEG (oggi IRES), Ł estraibile un duplice concetto di plusvalenza imponibile: a) nei riguardi di qualsiasi soggetto non imprenditore commerciale Ł l incremento del valore di scambio che qualunque bene rientrante nel patrimonio del soggetto ha subito, per effetto di un attivit speculativa, nel periodo di riferimento dell imposta, rispetto al prezzo reale d acquisto. Questa affermazione Ł da intendere nel senso che rispetto alla indicata classe dei soggetti, l idoneit a produrre plusvalenze non Ł prerogativa di una particolare categoria di beni. Ci non implica, per , che ogni incremento di valore prodottosi in testa ai beni extra - aziendali sia assoggettabile ad imposta. 1 GHINI A., ANTIFORA R., Plusvalenze e minusvalenze nel reddito d impresa, GiuffrŁ Editore, Milano, 2003, p.35 ss.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Lucia De Cosmo Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2683 click dal 03/04/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.