Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi aziendale e i processi di risanamento- Il caso Alitalia

La recente crisi finanziaria ha messo a dura prova la capacità delle imprese di sopravvivere in un contesto socio-economico sempre più complesso. La realtà ha dimostrato che i soggetti incapaci di adattarsi all’ambiente, sempre più dinamico e mutevole, in cui operano sono destinati al default. Lo stesso vale per quelle imprese che non riescono a controllare i processi di deterioramento interno che possono portare al declino e, se non adeguatamente gestiti, alla crisi.
Per operare in condizioni di efficienza operativa e di efficacia competitiva, occorre dedicare maggiore attenzione a tutti gli elementi del sistema aziendale che possono generare difficoltà per l’impresa e agli strumenti necessari a superare con successo tali difficoltà.
Nel presente lavoro sono state approfondite alcune particolarità che riguardano i processi di turnaround, termine usato per descrivere tutti quei processi sistematici di risanamento e di rilancio delle imprese. Tali processi, data la loro complessità, necessitano di un continuo monitoraggio e devono considerare necessariamente tutti gli aspetti che interessano la vita dell’impresa affinchè possano essere conclusi con un esito positivo. Grande rilievo riveste, quindi, l’attenzione che si dedica alla gestione operativa e strategica dell’impresa e la gestione delle relazioni con tutti gli stakeholder.
Gli studi sul turnaround, rientrando nell’ambito delle scienze sociali, richiedono il superamento del giudizio dato dalle valutazioni empiriche. Così si è scelto di riportare le ipotesi teoriche formulate fino ad oggi e adeguatamente supportate da valide evidenze empiriche, ricordando quali sono quelle formulazioni teoriche non ancora sufficientemente dimostrate dalla realtà dei fatti. In questo lavoro, quindi, sono riportate le conclusioni più condivise dalla dottrina che riguardano gli elementi di un percorso che parte dal declino e si conclude con il ritorno al valore. Per questo motivo nella prima parte è riportata l’analisi della letteratura che riguarda le decisione di attuare il turnaround, molti degli aspetti che riguardano l’intero processo, le strategie di turnaround da applicare in fase di declino, le capacità richieste al management nel momento in cui bisogna implementarle e la correlazione tra cause del declino e perdita della posizione competitiva. Sono trattati, poi, gli elementi tipici di un Piano di turnaround e nella parte finale sono riportati alcuni elementi che interessano il contesto normativo nel quale si sviluppano tali processi e le prospettive future. È descritta, inoltre, una particolare procedura concorsuale – l’amministrazione straordinaria – la conoscenza della quale è necessaria per meglio comprendere il caso di studio analizzato nella seconda parte.
La seconda parte di questo lavoro, dunque, è dedicata all’analisi di un’azienda di servizi che è considerata una tra le imprese nazionali, o tra i conglomerati, più importanti del Paese: Alitalia.
La scelta è guidata dalla voglia di approfondire una realtà importante del sistema economico del Paese che ben si presta a rappresentare gli aspetti più problematici della vita di una grande impresa. Molti manager fino ad oggi si sono dimostrati incapaci di risolvere una questione, comunque, molto complessa. Per questo motivo si procede ad una profonda analisi della storia della crisi di quest’impresa che oggi sta vivendo una grande svolta a seguito dell’ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria e all’acquisto di parte degli asset ad opera di un nuovo soggetto: Alitalia – Compagnia Aerea Italiana.

Mostra/Nascondi contenuto.
III    INTRODUZIONE La recente crisi finanziaria ha messo a dura prova la capacità delle imprese di sopravvivere in un contesto socio-economico sempre più complesso. La realtà ha dimostrato che i soggetti incapaci di adattarsi all’ambiente, sempre più dinamico e mutevole, in cui operano sono destinati al default. Lo stesso vale per quelle imprese che non riescono a controllare i processi di deterioramento interno che possono portare al declino e, se non adeguatamente gestiti, alla crisi. Per operare in condizioni di efficienza operativa e di efficacia competitiva, occorre dedicare maggiore attenzione a tutti gli elementi del sistema aziendale che possono generare difficoltà per l’impresa e agli strumenti necessari a superare con successo tali difficoltà. Nel presente lavoro sono state approfondite alcune particolarità che riguardano i processi di turnaround, termine usato per descrivere tutti quei processi sistematici di risanamento e di rilancio delle imprese. Tali processi, data la loro complessità, necessitano di un continuo monitoraggio e devono considerare necessariamente tutti gli aspetti che interessano la vita dell’impresa affinchè possano essere conclusi con un esito positivo. Grande rilievo riveste, quindi, l’attenzione che si dedica alla gestione operativa e strategica dell’impresa e la gestione delle relazioni con tutti gli stakeholder. Gli studi sul turnaround, rientrando nell’ambito delle scienze sociali, richiedono il superamento del giudizio dato dalle valutazioni empiriche. Così si è scelto di riportare le ipotesi teoriche formulate fino ad oggi e adeguatamente supportate da valide evidenze empiriche, ricordando quali sono quelle formulazioni teoriche non ancora sufficientemente dimostrate dalla realtà dei fatti. In questo lavoro, quindi, sono riportate le conclusioni più condivise dalla dottrina che riguardano gli elementi di un percorso che parte dal declino e si conclude con il ritorno al valore. Per questo motivo nella prima parte è riportata l’analisi della letteratura che riguarda le decisione di attuare il turnaround, molti degli aspetti che riguardano l’intero processo, le strategie di turnaround da applicare in fase di declino, le capacità richieste al management nel momento in cui bisogna implementarle e la correlazione tra cause del declino e perdita della posizione competitiva. Sono trattati, poi, gli elementi tipici di un Piano di turnaround e nella parte finale sono riportati alcuni elementi che interessano il contesto normativo nel quale si sviluppano tali processi e le prospettive future. È descritta, inoltre, una particolare procedura concorsuale – l’amministrazione straordinaria – la conoscenza della quale è necessaria per meglio comprendere il caso di studio analizzato nella seconda parte.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Vincenzo Cardellicchio Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6708 click dal 24/03/2009.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.