Skip to content

Esperta in umanità - Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI all’Onu

Informazioni tesi

  Autore: Martina Gatto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze internazionali e diplomatiche
  Relatore: Francesco Conigliaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 42

Sono trascorsi 43 anni dalla prima volta in cui un papa, capo spirituale di una delle religioni più importanti al mondo e allo stesso tempo capo temporale di uno stato, che per quanto poco esteso possa essere, gode del riconoscimento giuridico tra le altre nazioni del mondo, ha messo piede in quel famoso Palazzo di Vetro, sede della più importante istituzione internazionale, l’Organizzazione delle Nazioni Unite. Questo consesso internazionale non può essere definito come un governo del mondo, ma rappresenta sicuramente il luogo in cui gli Stati del pianeta trovano il loro “posto” all’interno delle relazioni internazionali. Dal 1945, anno della fondazione di questa istituzione, il mondo ha attraversato profondi cambiamenti e gli stati hanno rivoluzionato il loro modo di guardare ai problemi e risolverli, la storia ha fatto enormi progressi e l’umanità ha raggiunto tappe che sembravano inimmaginabili.
E con tutto questo, anche un’altra importante istituzione è profondamente mutata, la Chiesa cattolica. E in modo particolare un Concilio ecumenico ha trasfigurato il suo volto, la Santa Sede ha aperto le sue porte al mondo moderno, ha abbandonato la strada dell’assoluta intransigenza. Con il Vaticano II il “dialogo” è entrato tra le attività della Chiesa: dialogo con i cristiani non cattolici, dialogo con le religioni non cristiane, dialogo con i non credenti, dialogo con il mondo. La Chiesa, a partire da quel momento, ha cominciato a guardare in faccia la contemporaneità: non poteva fingere di essere sola nel mondo e lottare per la «buona causa». I cattolici si erano accorti di non essere soli. Non si poteva fare come se essi fossero i soli cristiani e tutti gli altri semplici eretici o scismatici. Questa visione però non rinuncia all’obbiettivo fondamentale che la Chiesa si propone: restare legata con fedeltà a quella che considera la sua missione, ma nella contemporaneità .
È in questo contesto di cambiamento e di apertura al mondo, che la Chiesa compie un passo importante: per la prima volta un pontefice, Paolo VI, si reca in visita alle Nazioni Unite, considerate come un moderno areopago dei popoli, riflettendo con tale gesto l’immagine di una Chiesa a suo agio nella modernità, capace di parlare un linguaggio intellegibile, ma che non dimentica la sua missione evangelizzatrice; una Chiesa che entra con garbo negli affari internazionali ma che, allo stesso tempo, afferma con forza quei valori e quei diritti che devono essere connaturati alla persona umana e che nessuno può e deve sopprimere. La Chiesa si presentava al mondo come «esperta di umanità», non giudice, non maestra, ma conoscitrice sapienziale, depositaria di quell’umanesimo cristiano che veniva offerto agli uomini, a tutti gli uomini di buona volontà come patrimonio da condividere . Essere «esperti in umanità» non significava presentarsi come esperti di civiltà, con un messaggio della superiorità della civiltà cristiana, quanto dell’umanesimo di cui si faceva interprete. Scriveva Paolo VI: «Tutto ciò che è umano ci riguarda. Noi abbiamo in comune con tutta l’umanità la natura, cioè la vita, con tutti i suoi doni, con tutti i suoi problemi. Siamo pronti a condividere questa prima universalità. Dovunque è l’uomo in cerca di comprendere se stesso e il mondo, noi possiamo comunicare con lui… non siamo la civiltà, ma fautori di essa» .
Seguendo l’esempio di Paolo VI, anni dopo, altri due Papi parleranno davanti all’Assemblea Generale, riprendendo un dialogo mai interrotto con la società civile. Questo breve lavoro si propone di prendere in esame i discorsi che Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI hanno pronunciato durante le loro visite alle Nazioni Unite e analizzarne criticamente gli aspetti fondamentali, le somiglianze e le divergenze, tutto questo con l’aiuto della lente d’ingrandimento rappresentata dalla stampa di quel periodo e con l’esame delle reazioni che questi eventi suscitarono nell’opinione pubblica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 0. INTRODUZIONE. UN MONDO CHE CAMBIA Sono trascorsi 43 anni dalla prima volta in cui un papa, capo spirituale di una delle religioni più importanti al mondo e allo stesso tempo capo temporale di uno stato, che per quanto poco esteso possa essere, gode del riconoscimento giuridico tra le altre nazioni del mondo, ha messo piede in quel famoso Palazzo di Vetro, sede della più importante istituzione internazionale, l’Organizzazione delle Nazioni Unite. Questo consesso internazionale non può essere definito come un governo del mondo, ma rappresenta sicuramente il luogo in cui gli Stati del pianeta trovano il loro “posto” all’interno delle relazioni internazionali. Dal 1945, anno della fondazione di questa istituzione, il mondo ha attraversato profondi cambiamenti e gli stati hanno rivoluzionato il loro modo di guardare ai problemi e risolverli, la storia ha fatto enormi progressi e l’umanità ha raggiunto tappe che sembravano inimmaginabili. E con tutto questo, anche un’altra importante istituzione è profondamente mutata, la Chiesa cattolica. E in modo particolare un Concilio ecumenico ha trasfigurato il suo volto, la Santa Sede ha aperto le sue porte al mondo moderno, ha abbandonato la strada dell’assoluta intransigenza. Con il Vaticano II il “dialogo” è entrato tra le attività della Chiesa: dialogo con i cristiani non cattolici, dialogo con le religioni non cristiane, dialogo con i non credenti, dialogo con il mondo. La Chiesa, a partire da quel momento, ha cominciato a guardare in faccia la contemporaneità: non poteva fingere di essere sola nel mondo e lottare per la «buona causa». I cattolici si erano accorti di non essere soli. Non si poteva fare come se essi fossero i soli cristiani e tutti gli altri semplici eretici o scismatici. Questa visione però non rinuncia all’obbiettivo fondamentale che la Chiesa si propone: restare legata con fedeltà a quella che considera la sua missione, ma nella contemporaneità 1 . È in questo contesto di cambiamento e di apertura al mondo, che la Chiesa compie un passo importante: per la prima volta un pontefice, Paolo VI, si reca in visita alle Nazioni Unite, considerate come un moderno areopago dei popoli, riflettendo con tale gesto l’immagine di una Chiesa a suo agio nella modernità, capace di parlare un linguaggio intellegibile, ma che non dimentica la sua missione evangelizzatrice; una Chiesa che entra con garbo negli affari internazionali ma che, allo stesso tempo, afferma con forza quei valori e quei diritti che devono essere connaturati alla persona umana e che nessuno può e deve sopprimere. La Chiesa si presentava al mondo come «esperta di umanità», non giudice, non maestra, ma conoscitrice sapienziale, depositaria di quell’umanesimo cristiano che veniva offerto agli uomini, a tutti gli uomini di buona volontà come patrimonio da condividere 2 . Essere «esperti in umanità» non                                                             1 Cfr. A. RICCARDI, Intransigenza e modernità. La Chiesa cattolica verso il terzo millennio, Roma-Bari 1996, p. 15. 2 E. FATTORINI, Il Papa «esperto di umanità», in «Il Sole24ore», 25 aprile 2008, p. 6.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

benedetto xvi
chiesa onu
giovanni paolo ii
onu
organizzazione nazioni unite
paolo vi
papa onu

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi