Skip to content

Il disturbo ossessivo-compulsivo. Un'applicazione clinica del test di Rorschach secondo il sistema comprensivo di Exner.

Informazioni tesi

  Autore: Massimo Mauceri
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Psicologia
Anno: 2009
Docente/Relatore: Alessandra Mattioli
Istituito da: Università degli Studi di Bologna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 129

Il Disturbo Ossessivo Compulsivo è stato considerato per lungo tempo uno dei disturbi mentali più difficili da trattare. Negli ultimi vent’anni i progressi delle terapie comportamentali e farmacologiche hanno reso la prognosi molto più favorevole, contribuendo così alla nascita di un nuovo interesse da parte dei ricercatori verso lo studio di questa sindrome.
Il primo capitolo della ricerca è dedicato all’analisi e la descrizione di questa patologia secondo i criteri diagnostici sia del DSM IV sia dell’ ICD 10.
Con il secondo capitolo intendiamo semplicemente fare una presentazione di quello che sarà il nostro strumento di ricerca: il Test di Rorschach.Dopo una breve introduzione al test come tecnica proiettiva, l’accento viene subito spostato sullo specifico sistema di siglatura da noi utilizzato: il Sistema Comprensivo di xner, il quale, grazie alle sue caratteristiche psicometriche,fa del Test di Rorschach uno strumento di ricerca valido e fedele.
Il terzo capitolo consiste in una panoramica sugli strumenti utilizzati per l’individuazione e la valutazione del Disturbo ossessivo Compulsivo.
Con il quarto capitolo si entra nel vivo della ricerca.
Il quinto capitolo contiene i risultati delle analisi statistiche applicate, suddivise in base ai confronti tra campioni.
Infine, un ultimo breve capitolo viene dedicato alle considerazioni conclusive dei risultati emersi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 IL DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO 1.1 Brevi cenni storici I pensieri ossessivi e i comportamenti compulsivi da sempre affliggo- no molte persone. Nell’antichità essi erano considerati espressione di una pos- sessione soprannaturale e in epoca medioevale erano temuti come manifesta- zioni di poteri demoniaci. Alcuni riferimenti e descrizioni del passato hanno consentito di riconoscere le caratteristiche del disturbo, senza tuttavia che ad esso venisse attribuita una minima connotazione clinica-psicologica, per la quale invece è necessario ricondursi alla scuola francese dell’Ottocento. La prima descrizione in termini scientifici viene attribuita ad Esqirol (1838), che definì il disturbo come un delirio parziale “delire partiel”, nel quale una forza involontaria ed irresistibile spingeva l’individuo a compiere azioni che la co- scienza respingeva ma che la volontà non riusciva a sopprimere. Tra la seconda metà dell’Ottocento ed i primi del Novecento si assiste dapprima ad un progressivo e netto distacco concettuale del disturbo ossessivo dalle forme deliranti, per giungere ai primi del Novecento alla composizione del quadro delle nevrosi, suddivisa nelle forme di nevrastenia, isteria, psica- stenia.Nonostante l’inserimento nel quadro nevrotico il disturbo ossessivo non era però ancora distinto da altre forme cliniche come l’agorafobia, le fobie, il disturbo di panico, i fenomeni vasomotori e i vari sintomi somatici, tale distin- zione avvenne solo in seguito. Nonostante il disturbo ossessivo non costituisse ancora la categoria diagnostica odierna, i suoi aspetti caratteristici apparivano già ben chiari e so-

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi statistiche
diagnosi
disturbo
disturbo ossessivo compulsivo
exner
icd-10
prognosi
psicologia
rorschach
sindrome
sistema comprensivo
terapie

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi