Skip to content

Social Capital / Diversity Dilemma: The Impact of Racial Identity on Organizational Social Capital Development

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Tagliapietra
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Luca Solari
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 358

The study of social capital in the context of organizations has gained considerable attention in recent years. The rise of the knowledge economy and therefore, the importance of the creation and sharing of tacit and explicit knowledge, have led to reconsider the importance of the social aspects in today’s knowledge intensive and extremely ‘diverse’ organizations.
Indeed, social interaction ties, trust and trustworthiness, and a common vision are fundamental determinants for combining and exchanging knowledge within any type of organization.
At the same time, however, considering that workplaces are becoming more diverse, bringing together people of different races, genders, ages and other socio-demographic attributes, organizations have the need to deal with issues such as, inter-group anxiety, miscommunication and distrust, which may in turn, hinder the leverage of the social facets previously identified.
Certainly, as this thesis later explains, a diverse workforce is an advantage that organizations cannot ignore if they want to remain competitive in domestic and global markets. However, diversity brings with it also new challenges that learning organizations need to consider if willing to harness social capital effectively for knowledge transfer and hence, organizational performance.

As a way to introduce the concept of diversity into a social capital framework, the following study attempts to describe and analyze the impact of diversity on the social capital dimensions within multicultural organizations.
More precisely, using data collected from multiple respondents of randomly sampled organizations operating in the municipality area of Tshwane (South Africa), this study identifies to what extent historically disadvantaged and advantaged racial identity groups social interact, trust each other and agree on a common vision within their companies.
Hence, the term ‘diversity’ as it is used here, is conceptualized in terms of differences of particular relevance to issues of identity, that is: race, gender, age, ethnicity/language, and so forth. This study has a particular concern with the racial attribute, due to the nature of the research sample used.
With the help of a self-administered questionnaire, many insights have been gained on this concern, confirming some previous assumptions in regard to social identity processes in the workplace.
In fact, as findings suggest, the structural and relational dimensions of social capital have revealed to be highly affected by differences in social category membership. Especially members pertaining to a specific racial identity group have demonstrated to establish a positive social identity, confirming affiliation and showing favoritism for members of their own social category, in effect, via ‘closure’ and self-segregation that disrupt group and interpersonal connection.

In general, the discussion presented here, will contribute to organizational social capital theory by adding new insights to this already fascinating topic. More specifically, it will support a recasting of ‘diversity’ issues in terms of the social capital determinants and will serve to gain a better understanding of the social processes that link the socio-demographic compositions of a diverse workforce.
Furthermore, it represents also an attempt to make a scientific contribution to the handling of problems of inter-group relations in South African organizations, serving as an example for other multicultural companies operating in this fierce and highly diverse global village.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Chapter 1 1 1 Introduction “Now this is the Law of the Jungle – as old and as true as the sky; And the Wolf that shall keep it may prosper, but the Wolf that shall break it must die. As the creeper that girdles the tree-trunk the Law runneth forward and back – For the strength of the Pack is the Wolf, and the strength of the Wolf is the Pack‘‘ (Rudyard Kipling, 1895, “The Second Jungle Book”) 1.1 Setting the stage... To mention a verse of Rudyard Kipling’s ‘Law of the Jungle’ in the realm of organizational social capital is certainly not a case; indeed, it provides valuable lessons on the importance of the social dimension in both, organizations and society. Basically, the above mentioned quote asserts that all individuals are mutually interdependent of the collective and the individual, as, ‘the strength of the Pack is the Wolf, and the strength of the Wolf is the Pack’. In this respect, the author suggests an important mixture of individualism and collectivism, stating that the basic principle in society is that of social co-operation and collaboration. Its rationale is namely that the important thing in life, as it could be in human’s evolution, is the good of the species, or the group, rather than the mere good of the individual. If we call here into question the tough life of wild animals in the jungle, natural selection favors those groups and species whose members tend to co-operate for a common good and mutual benefit; this would, of course, explain why wolves, for example, behave cooperatively and generously towards members of their own pack. In the same way, organizations are made up of individuals but are successful to the extent that the collective action of these individuals is greater than the sum of the parts. Views not unlike those of Kipling have been presented by some recent writers on social capital, such as Chairman at Strategic Developments International Ltd, Ian Cunningham

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diversity
english
intangibile
knowledge capital
knowledge economy
knowledge exchange
network
social interaction
sud africa
trust
innovation
organization
race
corporate performance
demography
working environment
quantitative research
shared visions

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi