Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'identità sessuale in adolescenza: studio sulle rappresentazioni interne e sulle relazioni in un campione di studenti

Nell’adolescenza, per i ragazzi, si aprono nuove prospettive che portano a valorizzare le trasformazioni sessuali e corporee della pubertà nella ridefinizione personale. In questa prospettiva l’adolescenza viene considerata un secondo processo di separazione-individuazione, che comporta la separazione dalle relazioni infantili interiorizzate e l’acquisizione di un’identità più complessa e matura.
L’adolescenza è vista come una nuova nascita, nella quale le strutture della personalità vengono completamente rinnovate. Per Hall il passaggio dall’infanzia all’adolescenza è qualcosa di tumultuoso, rivoluzionario; segna l’ingresso in una sfera di esperienze dominata da conflitti, contraddizioni che sarebbero conseguenza necessaria dello sviluppo fisiologico e della maturazione sessuale.
Nell’interpretazione di Freud la vita sessuale del periodo infantile occupa una posizione centrale e l’adolescenza è vista in una prospettiva di continuità, nella quale il periodo di latenza funge da mediazione fra l’infanzia e l’esplosione della pubertà.
Su qualunque strada proceda l’adolescenza, si può facilmente osservare come l’ambiente allargato dell’adolescente, nuovo e non più dipendente dalla famiglia, erediti funzioni e significati che appartenevano precedentemente alla matrice familiare dell’infanzia. Questi fattori sono soggetti, durante l’adolescenza, a modifiche dovute a rifiuto, parziale o assoluto, temporaneo o permanente, cioè ad un processo di modulazione idiosincratica e di selettività critica dell’adolescente (Blos, 1988).
Gli adolescenti sono profondamente e appassionatamente coinvolti nel loro ambiente in genere e nei rapporti con i propri coetanei in particolare. Sotto questo aspetto, la teoria psicoanalitica dell’adolescenza ha teso ad evidenziare le diverse vicissitudini nella scoperta di oggetti extrafamiliari. È interessante notare il ruolo dei rapporti con i coetanei come funzione dell’ambiente, e l’uso esclusivo che l’adolescente ne fa. Il coinvolgimento sociocentrico dell’adolescente nei rapporti con i coetanei non ha soltanto scopi libidici, ma rappresenta anche uno sforzo di venire a patti con i residui interiorizzati dalla separazione infantile ambivalente tra oggetti “buoni” e “cattivi”. Lo scopo evolutivo di queste relazioni oggettuali è il cambiamento strutturale, piuttosto che la gratificazione libidica.
Da Freud abbiamo appreso che lo sviluppo psicosessuale non inizia in adolescenza, tuttavia l’adolescenza e l’avvento della pubertà rappresentano una svolta nella sessualità dell’individuo. In effetti, la sessualità è un punto focale della vita dell’adolescente.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Nell’adolescenza, per i ragazzi, si aprono nuove prospettive che portano a valorizzare le trasformazioni sessuali e corporee della pubertà nella ridefinizione personale. In questa prospettiva l’adolescenza viene considerata un secondo processo di separazione- individuazione, che comporta la separazione dalle relazioni infantili interiorizzate e l’acquisizione di un’identità più complessa e matura. L’adolescenza è vista come una nuova nascita, nella quale le strutture della personalità vengono completamente rinnovate. Per Hall il passaggio dall’infanzia all’adolescenza è qualcosa di tumultuoso, rivoluzionario; segna l’ingresso in una sfera di esperienze dominata da conflitti, contraddizioni che sarebbero conseguenza necessaria dello sviluppo fisiologico e della maturazione sessuale. Nell’interpretazione di Freud la vita sessuale del periodo infantile occupa una posizione centrale e l’adolescenza è vista in una prospettiva di continuità, nella quale il periodo di latenza funge da mediazione fra l’infanzia e l’esplosione della pubertà. Su qualunque strada proceda l’adolescenza, si può facilmente osservare come l’ambiente allargato dell’adolescente, nuovo e non più dipendente dalla famiglia, erediti funzioni e significati che appartenevano precedentemente alla matrice familiare dell’infanzia. Questi fattori sono soggetti, durante l’adolescenza, a modifiche dovute a rifiuto, parziale o assoluto, temporaneo o permanente, cioè ad un processo di modulazione idiosincratica e di selettività critica dell’adolescente (Blos, 1988). Gli adolescenti sono profondamente e appassionatamente coinvolti nel loro ambiente in genere e nei rapporti con i propri coetanei in particolare. Sotto questo aspetto, la teoria psicoanalitica dell’adolescenza ha teso ad evidenziare le diverse vicissitudini nella scoperta di oggetti extrafamiliari. È interessante notare il ruolo dei rapporti con i coetanei come funzione dell’ambiente, e l’uso esclusivo che l’adolescente ne fa. Il coinvolgimento sociocentrico

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Annarita Teofilo Contatta »

Composta da 43 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3659 click dal 27/03/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.