Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un nuovo concetto di arte elettronica in Italia: Studio Azzurro

La tesi si propone di indagare le connessioni tra l'arte e le nuove tecnologie che portarono ad una mutazione del concetto di opera e di fruizione.
In particolare viene dato spazio alla nascita della videoarte e nello specifico viene analizzato il caso di Studio Azzurro, un collettivo di artisti nato a Milano nel 1982, il cui lavoro ruota attorno a tre aspetti fondamentali: la ricerca, la sperimentazione in diversi ambiti e l'ambito formativo della ricerca.
L'analisi di alcune delle loro opere ha permesso di evidenziare il carattere sempre più ibrido dell'arte contemporanea, influenzata dalle nuove tecnologie che hanno portato Studio Azzurro alla scoperta del concetto di interattività ed alla conseguente nascita degli ambienti sensibili.
In questi luoghi il fruitore dell'opera acquista un ruolo chiave, da semplice spettatore diventa coautore.
Nell'ultima parte del lavoro si intende fornire una panoramica generale sulle future prospettive del connubio tra arte e tecnologia.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La tesi si propone di indagare le connessioni tra l'arte e le nuove tecnologie che portarono ad una mutazione del concetto di opera e di fruizione. In particolare, ho analizzato il caso di Studio Azzurro, un collettivo di artisti nato a Milano nel 1982, il cui lavoro ruota attorno a tre aspetti fondamentali: la ricerca, la sperimentazione in diversi ambiti e l’ambito formativo della ricerca. Attraverso l’analisi di alcune opere, ho voluto mettere in evidenza il carattere sempre più ibrido dell’arte contemporanea influenzata dalle nuove tecnologie. Questo excursus storico e analitico dedicato alle opere del gruppo milanese punta, inoltre a mettere in luce il carattere malleabile del video e la capacità intrinseca di colloquiare con il pubblico. E’ proprio questo uno dei punti chiave del lavoro di Studio Azzurro, che ha spinto il collettivo ad introdurre l’interattività nel loro percorso artistico. La volontà di intraprendere questo percorso di ricerca, nasce dalla sempre maggiore presenza del video nei musei e nelle manifestazioni internazionali dedicate all’arte contemporanea che mi hanno spinta ad intraprendere un’esperienza di ricerca in questo particolare settore. Anche se la proliferazione di nuovi eventi e l’esplosione di Biennali in tutto il mondo, a partire dalla metà degli anni Novanta, sembra sottolineare come la gente ami sempre di più il contatto con l’arte contemporanea, è evidente però quanto poco la si capisca soprattutto a causa della specializzazione del suo linguaggio e del sempre più

Laurea liv.I

Facoltà: Corso di Laurea Interfacoltà (Facoltà di Lettere e Filosofia e di Economia)

Autore: Eva Basso Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6996 click dal 15/04/2009.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.