Skip to content

Recreational Drugs: aspetti medico legali correlati all'abuso e all'interazione tra le sostanze

Informazioni tesi

  Autore: Alessio Mazzuca
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Medicina e chirurgia
  Relatore: Mario Picozzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 178

In questo lavoro si è affrontato il fenomeno di attualità di quelle sostanze d’abuso che prendono il nome di recreational drugs. Una famiglia di sostanze sintetiche assunte in luoghi di aggregazione giovanile e quindi in condizioni di set e setting ben precisi per via delle loro proprietà entactogene ed empatogene.
Vengono riconosciute dalla maggior parte degli utilizzatori come droghe leggere per la credenza diffusa che non si accompagnino ad alcun tipo di dipendenza e che non comportino rischi per la salute. Droghe che per definizione, o forse per luogo comune, rimarrebbero confinate alla discoteca o al rave party per reggere lo stress psico-fisico a cui si è sottoposti quando si balla dalla sera fino all’alba.
Secondo la “Relazione annuale sulle tossicodipendenze” in Italia, nel 2007, i sequestri di droghe sintetiche sono il 194% in più rispetto al 2006 e il trend sembra essere in continua ascesa nel corso degli anni.
La facilità con cui è possibile sintetizzare droghe ricreazionali, la semplicità nel reperire le materie prime da cui esse derivano nonché la continua ricerca di nuovi effetti fanno si che il mercato clandestino sia sempre popolato da nuove molecole e nuove mode di consumo.
La presente ricerca si propone pertanto di individuare e descrivere i possibili danni all’organismo provocati dalle principali sostanze ricreazionali che attualmente popolano gli ambiti di loisir: ECSTASY, GHB, ROIPNOL (e BDZ), INALANTI, KETAMINA e SMART DRUGS.
Per ogni sostanza si è cercato di delineare la storia naturale, il quadro epidemiologico, le modalità di azione, le proprietà farmacocinetiche e farmacodinamiche, il profilo tossicologico e gli effetti avversi scaturiti dalle possibili interazioni con altre sostanze.
Ma si è anche voluto andare oltre cercando di:
- Identificare e inquadrare la figura del consumatore tipo
- Di analizzare le conseguenze sociali, sulla salute e sulla sicurezza derivanti dall’uso/abuso di tali sostanze.
- Di individuare eventuali variazioni nelle modalità d’uso e di diffusione.
- Di valutare le dimensioni del fenomeno in maniera scevra da sensazioni soggettive e di interpretazioni di tipo mediatico spesso fuorvianti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione INTRODUZIONE Il 14 settembre 2008, in prima pagina su tutte le maggiori testate giornalistiche italiane, figurava l’ennesimo caso di un giovane che perdeva la vita durante un rave party a causa dell’assunzione di sostanze non meglio specificate. Nonostante il “silenzio stampa” che vige da allora, è forte, in chi scrive, la convinzione che presto dovremo confrontarci ancora e ancora con simili notizie. La prima ad essere messa sul banco degli imputati è ovviamente la droga o, sarebbe meglio dire, quel pool di sostanze che rientrano sotto la dicitura di recreational drugs (droghe ricreazionali). Queste sostanze vengono assunte a scopo utilitaristico da soggetti per i quali il piacere che offre la sostanza è la ragione principale per consumarla. L’uso di sostanze stupefacenti negli ambiti del loisir sembra, in questo senso, la risposta univoca a bisogni individuali. Queste droghe, infatti, eliminando ansia e paure, aprono verso l’altro da sé, in un clima di reciproca fiducia e di condivisione di un rito importante, anche se focalizzato al benessere immediato ed all’euforia di una sola nottata. Comprendere il consumo delle sostanze stimolanti al di fuori di questo contesto di utilizzo è molto difficile: per definizione, o forse per luogo comune, l’assunzione di queste sostanze avverrebbe solo in club dove si ascolta un certo tipo di musica elettronica oppure durante lunghissimi rave 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abuso
benzodiazepine
club drugs
consumatori
decessi
dipendenza
discoteca
droga
droghe ricreazionali
ecstasy
ghb
giovani
ketamina
rave
recreational drugs
sballo
smart drugs
sostanze d'abuso
stimolanti
stupefacenti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi