Skip to content

Il Decreto Urbani e le modifiche alla legge sul diritto d'autore

Informazioni tesi

  Autore: Marianna Stornarello
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paola A. E. Frassi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 386

I mutamenti recentemente subiti dalla L. 633 del 1941 ad opera del “Decreto Urbani” ed ulteriormente ridimensionati dall’ultima novellazione operata dalla L. 80 del 2005 non sono altro che l’ultimo gradino (per ora) del lungo “percorso evolutivo” di questa norma, attraversato e influenzato da innumerevoli interventi predisposti a livello internazionale e comunitario, prima ancora che italiano.
Abbiamo già rilevato la problematicità intrinseca nella scelta dell’integrazione, rispetto a quella della riscrittura, di un testo datato 1941.
Un sistema assoluto ed immutabile nel tempo non esiste, sia esso culturale, politico o giuridico. Ogni sistema è figlio del suo tempo: non fa certo eccezione il diritto d’autore che noi oggi conosciamo, frutto di un’epoca e delle sue opportunità tecniche. Ed è nostra convinzione che, superate le condizioni che sono alla base di una pratica o di una forma di pensiero, la pratica ed il pensiero vadano rivisti ed aggiornati, se addirittura essi stessi non provvedano automaticamente ed inconsultamente alla propria evoluzione.
Ritengo quindi che anche il diritto d’autore necessiti di una parziale riscrittura. La nostra critica si estende, in particolare, su un doppio binario: in primo luogo sull’opportunità di rivedere la disciplina penale contenuta negli artt. 171, 171-ter e 174- ter della legge fondamentale sul diritto d’autore e, in secondo luogo, sull’inadeguatezza delle misure sanzionatorie previste specificatamente a carico del file sharing.
Relativamente al primo aspetto della critica, le norme appena citate sono a parere di chi scrive, formulate in maniera piuttosto confusa. Mi sono pertanto proposta di avanzare una mera ipotesi risolutiva di lettura dei disposti, almeno in relazione alla questione del file sharing.
Dal momento che la lett. a-bis) secondo comma dell’art.171-ter sanziona con la reclusione e la multa l’upload perpetrato a fini di lucro, la lett. a-bis) dell’art. 171, ponendosi in esplicito rapporto di residualità rispetto al precedente, potrebbe essere ricondotto alle ipotesi di upload che non siano mosse dall’intento lucrativo.
In realtà una siffatta lettura, anche se dall’apparente portata risolutiva, non sarebbe tecnicamente corretta, poiché l’art. 171 non si propone di sanzionare le condotte commesse “senza il fine lucrativo” ma, genericamente, i comportamenti abusivi posti in essere “a qualsiasi scopo”, espressione che non si vede perché non debba ricomprendere anche quello di lucro.
Tuttavia, essendo il lucro menzionato esclusivamente dall’art. 171-ter, potrebbe essere plausibile, in attesa di una riformulazione dell’art. 171, l’attribuibilità a quest’ultimo delle condotte di comunicazione a soggetti terzi di contenuti tutelati, mosse da fini diversi da quelli lucrativi.
Quanto alla fattispecie della “riproduzione on line” (altro non è, infatti, il download, come già chiarito), essa è sanzionata contemporaneamente da tre disposizioni: l’art.171, che punisce dette operazioni quando perpetrate “a qualsiasi scopo”, le lett. a) e b) del primo comma dell’art. 171-ter, che entra in gioco quando esse siano poste in essere a fini di lucro e per un uso non personale ed, in ultimo, l’art. 174-ter, che sanziona, con una multa di inferiore entità, tra l’altro, chi “duplica o riproduce opere o materiali protetti…”.
Da una sua lettura si può notare che esso si propone di sanzionare, diversamente dai precedenti articoli, condotte caratterizzate esclusivamente dalla “direzionalità privata”, ossia che non comportano necessariamente un contatto con altri soggetti: l’utilizzo, la duplicazione o riproduzione, l’acquisto e il noleggio (verosimilmente effettuati per sé stessi), con esclusione quindi, ribadisco, della messa a disposizione ad altri di propri contenuti. [...]

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 - CENNI STORICI 1.1 - Cenni sull’evoluzione storica del diritto d’autore: dall’antichità alla legge 22 aprile 1941, n.633 Nell’antichità, quando il diritto esisteva solo nella sua forma più embrionale e coincideva sostanzialmente col “diritto di pochi”, quando delle grandi codificazioni non vi era nemmeno traccia (se si eccettuano i codici sumerici del 2400 a.C.), l’opera dell’ingegno, al pari di numerose altre attività umane, non godeva di tutela alcuna. I grandi poemi epici omerici, simbolo e fascino della grecità arcaica, venivano liberamente trascritti e modificati. Anzi, proprio l’oralità della trasmissione dei contenuti artistici costituisce una caratteristica peculiare di quell’epoca 1 . Nella medesima situazione versava la tradizione orale musicale, da cui ereditiamo partiture estremamente diverse rispetto alle originali, come nel caso dei madrigali anonimi del XVI secolo o delle melodie per arpa celtica. Di esse ci è dato di conoscere solo le interpretazioni ultime, settecentesche, di O’Carolan, che le ha raccolte e proposte come noi ora le conosciamo. Nel quadro normativo della romanità, poi, si rintraccia una actio iniuriarium aestimatoria, una primitiva forma di tutela del diritto dell’autore all’inedito, rientrante 1 Fausto Codino, Introduzione a Omero, Einaudi, 1990

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi