Skip to content

Le strutture organizzative delle aziende televisive: il caso Rai

Informazioni tesi

  Autore: Simona Clementi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Roberto Cafferata
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 229

Uno dei paradigmi più diffusi e accettati negli studi organizzativi è quello che lega le scelte di progettazione degli assetti organizzativi, ad un insieme di contingenze strategiche che dipendono dalla natura delle attività svolte all’interno dell’impresa.
Il presente lavoro prende in considerazione il settore televisivo ed i cambiamenti che lo stanno interessando, per poi focalizzare l’attenzione alla RAI con lo scopo di individuare le strategie di sviluppo e, nella prospettiva del paradigma “strategia-struttura”, verificare le relative scelte organizzative.
Secondo l’approccio “strategia-struttura” la struttura segue la strategia ed i cambiamenti strutturali sono necessari al modificarsi delle scelte strategiche secondo diversi stadi di sviluppo aziendale. In particolare l’adozione di una struttura divisionale normalmente segue l’attuazione di una strategia di diversificazione: ogni divisione viene dotata dell’autonomia necessaria per presidiare uno specifico rapporto prodotto mercato e viene valutata sulla base dei risultati ottenuti.

Nell’ultima ristrutturazione della RAI, si riscontra una relazione tra rinnovamento delle linee strategiche e cambiamento organizzativo relativamente all’adozione di un nuovo assetto di tipo divisionale.
Va rilevato comunque che la divisionalizzazione non è stata strettamente finalizzata ad una strategia di diversificazione. Infatti le divisioni si sono sviluppate più in senso verticale, lungo la filiera, che in senso orizzontale per tipologia di prodotti. Non tutte le divisioni sono chiamate a realizzare prodotti diversi da quello televisivo generalista. In particolare le divisioni industriali (Produzione TV e Trasmissione e Diffusione) si trovano una a monte l’altra a valle rispetto al mercato di diretto riferimento della RAI. Il loro compito è quello di fornire servizi e prodotti, alle divisioni editoriali (Canale 1 e 2, Canale 3 ed offerte collegate, Radiofonia) applicando prezzi di trasferimento prestabiliti. Il cambiamento organizzativo appare quindi molto più legato ad un’ottica interna, infatti emerge una propensione alla ricerca di maggiori regole e stabilità, più volte al recupero dell’efficienza che non all’adattamento al mercato competitivo.
Il forte peso di elementi interni di rigidità e di inerzia organizzativa è riconducibile in primo luogo alla natura pubblica della RAI, che ha storicamente governato i suoi processi decisionali facendo riferimento anzitutto alla legittimazione pubblica e che solo recentemente si è confrontata con il mercato. La televisione ancora oggi possiede notevoli potenzialità nel campo della diffusione culturale e dell’informazione e per questo motivo gli equilibri di potere organizzativo che si realizzano all’interno dell’emittente pubblica sono molto spesso delicati e caratterizzati da forti ripercussioni istituzionali. I cambiamenti organizzativi, anche se condizionati da trasformazioni tecnologiche, non possono essere che legati a logiche di equilibrio politico. La stessa divisionalizzazione è avvenuta per obblighi dettati dal Contratto di servizio e l’imposizione legislativa di trasformare una rete (RAI 3), in emittente che non può avvalersi di pubblicità, ha comportato la creazione di una Divisione separata da quella che realizza gli altri due canali generalisti (RAI 1 e RAI 2).
Il confronto strategia-struttura emerge con maggiore evidenza nello sviluppo dei nuovi prodotti. Infatti per liberarsi dai vincoli istituzionali che non avrebbero permesso alla RAI di entrare nel mercato della tv a pagamento e che gli avrebbero precluso un eventuale parternariato privato, ha esternalizzato l’unità interna che si occupava della realizzazione dei canali tematici gratuiti, creando una società giuridicamente ed economicamente separata denominata RAISAT. Questa pur mantenendo rapporti molto intensi con la concessionaria pubblica, vende i suoi canali alla società di gestione della piattaforma di Tele+ ed ha la possibilità di integrare le conoscenze maturate per realizzare i prodotti generalisti, alleandosi con le aziende appartenenti a settori vicini o convergenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Uno dei paradigmi più diffusi e accettati negli studi organizzativi è quello che lega le scelte di progettazione degli assetti organizzativi, ad un insieme di contingenze strategiche che dipendono dalla natura delle attività svolte all’interno dell’impresa. Il presente lavoro prende in considerazione il settore televisivo ed i cambiamenti che lo stanno interessando, per poi focalizzare l’attenzione alla RAI con lo scopo di individuare le strategie di sviluppo e, nella prospettiva del paradigma “strategia-struttura”, verificare le relative scelte organizzative. Secondo l’approccio “strategia-struttura” la struttura segue la strategia ed i cambiamenti strutturali sono necessari al modificarsi delle scelte strategiche secondo diversi stadi di sviluppo aziendale. In particolare l’adozione di una struttura divisionale normalmente segue l’attuazione di una strategia di diversificazione: ogni divisione viene dotata dell’autonomia necessaria per presidiare uno specifico rapporto prodotto mercato e viene valutata sulla base dei risultati ottenuti. Nell’ultima ristrutturazione della RAI, si riscontra una relazione tra rinnovamento delle linee strategiche e cambiamento organizzativo relativamente all’adozione di un nuovo assetto di tipo divisionale. Va rilevato comunque che la divisionalizzazione non è stata strettamente finalizzata ad una strategia di diversificazione. Infatti le divisioni si sono sviluppate più in senso verticale, lungo la filiera, che in senso orizzontale per tipologia di prodotti. Non tutte le divisioni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

convergenza tecnologica
evoluzione della televisione
internet
new media
nuovi media
organizzazione aziendale
rai
raisat
tv tematica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi