Skip to content

Dall'idea di Eurafrica all'integrazione euromediterranea

Informazioni tesi

  Autore: Gaia Migliazzo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Studi europei
  Relatore: Eugenio Guccione
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

Le relazioni tra il continente europeo e il continente africano si snodano, ad oggi, nell’ambito di strette interconnessioni, che rappresentano solo una minima parte della fitta rete che, nell’era definita della globalizzazione, caratterizza il globo intero. Le esigenze di ogni paese, così come di ogni continente, sono quelle di non chiudersi entro i propri confini, di non pensarsi come isolato dagli altri, ma di ripensare agli spazi comuni nella maniera più proficua possibile, principalmente, ma non solo, per poter trovare risposte alle difficili questioni emergenti in settori delicati, come la sicurezza ai tempi odierni.
Africa ed Europa si trovano a condividere uno spazio comune dalla fondamentale importanza, il Mediterraneo, il cui ruolo è stato nell’arco dei secoli alternativamente quello di ponte e di cerniera tra le due rive e quello di mare divisorio e di frontiera tra due culture. Ma, come spesso accade, nelle coinvolgenti spirali del dinamismo internazionale, o come forse sarebbe più opportuno definirlo, interglobale si è eccessivamente proiettati nel domani e poco, superficialmente, se non addirittura per nulla si volge lo sguardo alle radici della nostra civiltà, a cosa semplicemente si era. Soffermarsi a pensare a ciò non rappresenta un mero esercizio di memoria storica, ma è piuttosto l’opportunità di avere una chiave di lettura del presente, una lente attraverso cui non solo interpretare l’oggi, ma cominciare a costruire il domani, con una maggiore consapevolezza e una più profonda coscienza.
Del resto, per citare uno dei maggiori storici d’oltralpe, «la fonte è là, nello spazio mediterraneo, la fonte profonda dell’alta cultura di cui mena vanto la nostra civiltà». E ancora con Fernand Braudel ci potremmo chiedere

che cos’è il Mediterraneo? Mille cose insieme. Non un paesaggio, ma innumerevoli paesaggi. Non un mare, ma un susseguirsi di mari. Non una civiltà, ma una serie di civiltà accatastate le une sulle altre. [I molteplici sforzi degli uomini, ieri come oggi] si comprendono soltanto se considerati complessivamente, e soprattutto [se] posti a raffronto. […] è a partire da quanto si vede oggi che si può giudicare e capire l’ieri e viceversa. Il Mediterraneo è una buona occasione per presentare un “altro” modo di accostarsi alla storia.

Alla luce di queste considerazioni, può essere interessante indagare come siano state percepite le relazioni tra i due continenti a partire dalla fine del XIX secolo fino ai giorni nostri. Ognuna delle nazioni europee può vantare pensatori politici rimasti affascinati dall’argomento, che hanno concepito progetti o costruzioni ideologiche circa la veste da dare ai rapporti eurafricani. Diversi sono stati i progetti elaborati, le finalità individuate, le aspettative nutrite; ma una cosa è sempre rimasta uguale: la consapevolezza che in qualsiasi epoca della storia fosse necessario intessere un dialogo tra le due sponde del Mediterraneo.
Nord e Sud del Mediterraneo non possono pensarsi isolati, come entità individuali, ma devono costantemente rapportarsi l’uno all’altro per innumerevoli ragioni: per conoscersi meglio, per scegliere con maggiore cognizione di causa il cammino da intraprendere, per prevenire fattori di crisi emergenti, per far fronte comune alle minacce globali, per creare un solido legame che travalichi i confini, le diversità culturali e religiose e costituisca una barriera all’insorgere di qualsivoglia elemento di rottura, di discontinuità o di incomprensione.
Il presente elaborato si pone la finalità, senza alcuna ambizione di esaustività e di completezza, di presentare una panoramica delle diverse modalità, attraverso le quali Africa ed Europa hanno prima pensato e poi realizzato la gestione dei loro rapporti. Si intende partire, per realizzare questo viaggio, dalle idee sviluppate intorno agli anni Venti e Trenta del Novecento dai diversi pensatori politici europei circa la creazione di un’entità denominata Eurafrica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA Le relazioni tra il continente europeo e il continente africano si snodano, ad oggi, nell’ambito di strette interconnessioni, che rappresentano solo una minima parte della fitta rete che, nell’era definita della globalizzazione, caratterizza il globo intero. Le esigenze di ogni paese, così come di ogni continente, sono quelle di non chiudersi entro i propri confini, di non pensarsi come isolato dagli altri, ma di ripensare agli spazi comuni nella maniera più proficua possibile, principalmente, ma non solo, per poter trovare risposte alle difficili questioni emergenti in settori delicati, come la sicurezza ai tempi odierni. Africa ed Europa si trovano a condividere uno spazio comune dalla fondamentale importanza, il Mediterraneo, il cui ruolo è stato nell’arco dei secoli alternativamente quello di ponte e di cerniera tra le due rive e quello di mare divisorio e di frontiera tra due culture. Ma, come spesso accade, nelle coinvolgenti spirali del dinamismo internazionale, o come forse sarebbe più opportuno definirlo, interglobale si è eccessivamente proiettati nel domani e poco, superficialmente, se non addirittura per nulla si volge lo sguardo alle radici della nostra civiltà, a cosa semplicemente si era. Soffermarsi a pensare a ciò non rappresenta un mero esercizio di memoria storica, ma è piuttosto l’opportunità di avere una chiave di lettura del presente, una lente attraverso cui non solo interpretare l’oggi, ma cominciare a costruire il domani, con una maggiore consapevolezza e una più profonda coscienza. Del resto, per citare uno dei maggiori storici d’oltralpe, «la fonte è là, nello spazio mediterraneo, la fonte profonda dell’alta cultura di cui mena vanto la nostra civiltà». 1 E ancora con Fernand Braudel ci potremmo chiedere che cos’è il Mediterraneo? Mille cose insieme. Non un paesaggio, ma innumerevoli paesaggi. Non un mare, ma un susseguirsi di mari. Non una civiltà, ma una serie di civiltà accatastate le une sulle altre. [I molteplici sforzi degli uomini, ieri come oggi] si comprendono soltanto se considerati complessivamente, e soprattutto [se] posti a raffronto. […] è a partire da quanto si vede oggi che si può giudicare e capire l’ieri e viceversa. Il Mediterraneo è una buona occasione per presentare un “altro” modo di accostarsi alla storia. 2 Alla luce di queste considerazioni, può essere interessante indagare come siano state percepite le relazioni tra i due continenti a partire dalla fine del XIX secolo fino ai giorni nostri. Ognuna delle nazioni europee può vantare pensatori politici rimasti affascinati dall’argomento, che hanno concepito progetti o costruzioni ideologiche circa la veste da dare ai rapporti eurafricani. Diversi sono stati i progetti elaborati, le finalità individuate, le aspettative nutrite; ma 1 G. DUBY, L’eredità citato in F. BRAUDEL, Il Mediterraneo. Lo spazio, la storia, gli uomini, le tradizioni, Milano, Tascabili Bompiani, 2007, p. 267. 2 F. BRAUDEL, op. cit., pp. 7-9. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accordo di cotonou
africa
associazione al mercato comune
barcellona
conferenza di venezia
cooperazione internazionale
coudenhove-kalergi
d'agostino orsini di camerota
dichiarazione di marsiglia
dichiarazione di parigi
ernest bevin
eurafrica
europa
paesi terzi mediterranei
pem
pev
politica mediterranea globale
politica mediterranea rinnovata
relazioni eurafricane
ricciotto canudo
schacht
territori d'oltremare
unione per il mediterraneo
valentine de saint-point

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi