Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Etnografia dell'ecstasy: esperienze notturne in discoteca

La tesi si concentra sulle esperienze in discoteca sull uso dell estasy

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Negli ultimissimi anni tanto si è parlato e tanto si è già scritto sulle discoteche, sull’ecstasy, sulla techno, sui rave….. il tutto a seguito delle “stragi del sabato sera” quasi che l’interesse generale, per un fenomeno giovanile così impotente, si sia svegliato unicamente in risposta ai primi morti. Un argomento che è diventato quindi motivo di ricerca solo nel momento in cui se n’è evidenziata la problematicità. Il mio lavoro si aggiunge in coda a molti altri ma il mio interesse s’indirizza ad un fenomeno, quello concernente la tossicodipendenza. Queste pagine non contengono né rivelazioni, né possibili soluzioni magiche, mi limito a descrivere un fenomeno che ritengo abbia qualcosa di unico. Ciò che manca è prima di tutto, la consapevolezza di un problema che riguarda la nostra società nel suo complesso e non, semplicemente, i tecnici del settore. Oggi, i giovani socialmente inseriti vengono in contatto con la possibilità di consumo di diverse sostanze, in grado di elaborare lo stato mentale. In questo oltre a concentrarmi sulla ricerca vera e propria, nella mia tesi ho descritto a fondo il problema dell’ecstasy, per consentire agli eventuali lettori di comprendere pienamente l’entità del fenomeno, sia dal punto di vista storico che attuale. Nel primo capitolo ho deciso di effettuare una panoramica sulla teoria delle designer drug e sull’utilità sperimentale che la sostanza poteva avere in quegli anni, dando una particolare rilevanza a questo fenomeno, oggetto della tesi, l’ecstasy. Nel secondo capitolo ho analizzato gli aspetti farmacologici della sostanza e quindi il meccanismo d’azione, gli effetti, intossicazioni acute croniche, la struttura molecolare delle designer drug. Nel terzo capitolo ho analizzato i principali stati di coscienza indotti dall’ecstasy, e come questi stati hanno degli equivalenti nelle pratiche meditative e nelle descrizioni dei mistici. Nel quarto capitolo ho incluso una breve panoramica che parte da molto prima: dalle primissime balere, attraverso i wisky a go-go, fino ai primi templi della disco-music, quando inizia ad assumere rilievo una figura oggi fondamentale: il disc-jockey, fino ad arrivare all’attuale scena techno. Nel quinto capitolo ho ritenuto importante trattare il tipo di musica da cui nasce tutto ciò: la techno appunto, e quanto può influire sull’organismo, e il significato che il fenomeno ecstasy può avere per i giovani. Nel sesto capitolo arrivo a fare una descrizione della discoteca, dove gli adolescenti assolvono con la discoteca il bisogno, oggi più che mai sentito, di una ritualità che permetta loro di integrarsi nel mondo dei pari, per sfuggire alla solitudine e compiere il passaggio dall’infanzia all’età adulta. Nel settimo capitolo ho analizzato il rave nel suo significato, e i luoghi dove esso si svolge.

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Lea Albano Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1118 click dal 10/04/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.