Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il rapporto scuola famiglia alla luce degli orientamenti

questo lavoro di tesi mira ad analizzare il rapporto scuola famiglia a fronte dei mutamenti radicali intervenuti nel corso dei decenni. cambia il modo di intendere la famiglia- cambiamenti di ruoli di identità, di dinamiche- di conseguenza questa ridefinizione generazionale investe anche le istituzioni educative e scolastiche provocando anche in essi profondi mutamenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Famiglie e contesto scolastico I mutamenti radicali intervenuti nella società nel corso degli anni, hanno sollecitato la famiglia e la scuola a proporre progetti di cambiamento altrettanto profondi e costanti per non correre il rischio di essere fuori del tempo, lontani dal vissuto quotidiano. “Il corpo docente è impreparato!”, “I genitori non riconoscono l’autorità delle maestre!”: queste frasi sono solo due esempi di ciò che spesso si dice quando insegnanti e genitori s’incontrano, o meglio si scontrano. La scuola, al pari della famiglia è in crisi. Molti insegnanti, non tutti per fortuna, si trincerano dietro la loro indiscussa autonomia professionale; molti genitori, non tutti, esigono il diritto di discutere il metodo di insegnamento. Non sono pretese ingiustificate, il fatto è che, spesso ma non sempre, nessuna delle parti si sforza di capire le ragioni dell’altra. Si tratta di un problema di comunicazione. Così come nelle famiglie “si dicono delle cose” ma, non si comunica veramente, anche nella scuola “si danno delle informazioni” senza stabilire una relazione che ne sostenga il significato.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Rossella Colella Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7343 click dal 21/04/2009.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.