Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le operazioni di acquisizione e di fusione nel settore bancario in Europa. Il caso BNL - Bnp Paribas

La trattazione si articola in cinque capitoli, che è possibile suddividere in base alla loro natura in una parte prettamente teorica (cap. 1, 2 e 3), in cui si cerca di delineare gli aspetti dottrinali sulle concentrazioni bancarie, e in una parte di carattere più propriamente pratico (cap. 4 e 5), incentrata sul ruolo degli intermediari nelle operazioni di M&A, sull’analisi del sistema creditizio italiano e sulla presentazione dell’aggregazione cross-border tra BNL e BNP Paribas.
Nello specifico, il capitolo uno svolge una funzione essenzialmente introduttiva all’argomento trattato nel lavoro. In esso si cerca, infatti, di fornire una definizione generale del processo di concentrazione bancaria, inteso come manifestazione delle strategie di crescita esterna degli intermediari creditizi. Si ripercorrerà, nel corso del primo capitolo, l’evoluzione storica delle aggregazioni tra banche, a partire dallo scoppio della Prima guerra mondiale fino ai casi più recenti di fusioni. Una trattazione di maggior dettaglio delle motivazioni strategiche e delle principali forze guida alla base delle operazioni di M&A, è presente nella parte iniziale del secondo capitolo. In quest’ultimo viene proposta una prima specificazione delle operazioni di concentrazione cross-border, cercando di distinguere i principali fattori propulsivi e di ostacolo che ci permettono di distinguere questo tipo di operazioni dalle aggregazioni di carattere domestico.
Il terzo capitolo analizza le caratteristiche degli intermediari che offrono servizi di corporate e investment banking, il ruolo svolto nelle operazioni di Merger and Acquisitions; analizzeremo le competenze e le risorse di cui hanno bisogno gli intermediari per prestare servizi di advisor nei processi di fusione ed acquisizione.
Con il capitolo quattro ha inizio la seconda parte del lavoro che, come si è avuto modo già di specificare, si caratterizza per dei riferimenti piuttosto diretti alla realtà.
In esso si può trovare un’analisi qualitativa e quantitativa del sistema creditizio italiano, al fine di individuare gli scenari da cui si originano operazioni di M&A cross-border. Lo scopo di tale analisi è cercare di avere delle informazioni in base alle quali provare a capire se e come sia possibile che gli operatori dei diversi paesi diano vita a processi integrativi tesi ad accrescere la competitività e l’efficienza del mercato creditizio comunitario.
Da ciò si può ben capire come focus di tutto il capitolo siano esclusivamente le operazioni di carattere transfrontaliero. Rispetto ad esse si cercherà di mettere in risalto i principali drivers da cui si originano e che ne influenzano il successo, con osservazioni specifiche riguardo agli effetti che tali aggregazioni comportano in termini di efficienza per le banche e, quindi, i riflessi per il consumatore dei prodotti e servizi bancari.
La parte finale del capitolo riprende, in un certo senso, quei profili giuridici a cui già ci si era riferiti nel corso del primo capitolo, adottando, tuttavia, una diversa prospettiva, frutto di ulteriori consapevolezze. Il venire ad esistenza di sistemi finanziari sempre più integrati ed interagenti fra di loro fa emergere la necessità di un processo di internazionalizzazione della vigilanza bancaria e spinge alla creazione di strumenti di controllo armonizzati e coordinati, in modo tale da avere omogeneità di disciplina a livello comunitario. Si proverà, per l’appunto, a descrivere l’impatto di alcuni dei diversi provvedimenti che le istituzioni dei diversi paesi europei stanno adottando per far fronte alle suddette esigenze.
Il lavoro si chiude con la presentazione di un caso pratico di acquisizione cross-border, ossia l’acquisizione della banca italiana BNL da parte del gruppo francese BNP Paribas, perfezionatasi nel corso del primo semestre del 2006. L’operazione in questione presenta alcune caratteristiche (soggetti coinvolti, mercati interessati, dinamiche temporali ecc.) che la rendono particolarmente significativa, soprattutto rispetto a quei profili macroeconomici e agli obiettivi strategici perseguiti dagli intermediari creditizi, che tanto spazio hanno avuto in questo lavoro.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Le aggregazioni bancarie, che con sempre maggior frequenza e intensità stanno interessando il settore del credito, indipendentemente dalla dimensione delle banche, dalla loro collocazione geografica o dalla categoria di appartenenza, rappresentano, senza dubbio, una delle manifestazioni più esplicite di queste nuove tendenze. In particolare, nell’ambito delle operazioni di concentrazione tra intermediari bancari, un tema diventato di grande attualità negli ultimi tempi, è quello delle fusioni e acquisizioni cross-border, che hanno luogo tra soggetti di paesi diversi. Esse costituiscono la dinamica maggiormente interessante per l’analisi della relativamente recente ottica transnazionale adottata dagli operatori nel mercato del credito. Si tratta di un fenomeno in continua, rapidissima e profonda trasformazione e proprio per tali caratteristiche, particolarmente affascinante e interessante da analizzare. Un fenomeno dove tutte le componenti esprimono una chiara tendenza alla maturazione. Sulla scelta del tema oggetto di questo lavoro ha inciso, innegabilmente, anche la circostanza per cui le aggregazioni bancarie hanno prepotentemente conquistato sempre più spazio nelle cronache economiche (e finanche giudiziarie) più recenti. È sembrato particolarmente appropriato cercare di realizzare una trattazione delle operazioni di concentrazioni bancarie, a maggior ragione in virtù di quanto è accaduto negli ultimi anni nel nostro paese. Per quel che riguarda le operazioni “oltre confine”, che poi rappresentano il focus specifico di questo lavoro, abbiamo assistito al succedersi di fusioni e acquisizioni che hanno coinvolto, sempre più spesso, gruppi bancari nostrani e operatori stranieri, a volte con banche italiane in qualità di acquirenti (si pensi ad esempio all’espansione nel mercato tedesco di Unicredit, tramite l’acquisizione, sul finire del 2005, di HVB), in altri casi, in veste di banche target (come nel caso dell’acquisizione di BNL da

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Giorgio Cinciripini Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4986 click dal 07/04/2009.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.