Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Una metodologia riabilitativa delle paralisi cerebrali infantili: l'ippoterapia

Chi lavora nel campo della riabilitazione infantile sperimenta ogni giorno sulla propria pelle quanto difficile e importante sia il ruolo del terapeuta, soprattutto nelle situazioni di disabilità croniche. Si sta abbandonando con difficoltà la terapia che si basa sulla ricerca di sviluppo delle funzioni per giungere a considerare il bambino nella sua unitarietà, si tratta di un continuo lavoro che cerca di favorire l'integrazione tra parti diverse, tra il corpo e il mondo intero, tra la motricità e i sentimenti, i desideri le emozioni. La terapia per mezzo del cavallo è considerata come un complesso di interventi tesi a recuperare lo stato di benessere fisico psichico e di integrazione sociale perduto a causa di un evento invalidante, attraverso l'ippoterapia. contribuisce al miglioramneto dell'individuo nel suo complesso psicosomatico.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. Le paralisi cerebrali infantili 1.1 Che cosa sono le paralisi cerebrali infantili. Le paralisi cerebrali infantili costituiscono un capitolo molto importante della neuropsichiatria infantile. E’ difficile dare una definizione e fare una descrizione che va ad attribuire unità a questo gruppo eterogeneo di sindromi, anche se dal punto di vista clinico può essere considerato come un raggruppamento di quadri sintomatologici diversi, accomunati da un evidente disturbo motorio di origine encefalica. La P.C.I. si evidenzia da un’alterazione persistente ma non immodificabile del movimento e della postura che si manifesta nei primi tre anni di vita, dovuta ad un’alterazione non progressiva del Sistema Nervoso Centrale, avvenuta durante la sua maturazione. Ad essa si associano altri disturbi più o meno intensi di tipo sensoriale, convulsivo, linguistico ed emotivo. Quindi, la lesione non evolve ma è permanente, non è possibile né guarirla né rimuoverla, sono tuttavia modificabili le possibili risposte neuromotorie che il bambino metterà in atto in conseguenza alle richieste ambientali: si potrà modificare il grado di disabilità ossia gli effetti che

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Rossella Colella Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4205 click dal 21/04/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.