Skip to content

Un campus tra accademia e politica: Berkeley, 1964

Informazioni tesi

  Autore: Anna Sara Graziano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Luigino Rossi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

Già alcuni anni prima dei movimenti di massa che caratterizzarono la fine degli anni ’60 in Europa, negli USA si respirava un clima di intenso impegno politico e sociale per la conquista dei diritti civili, contro la segregazione razziale e contro l’intervento del Paese nel conflitto in Vietnam. Furono i giovani, gli studenti universitari in particolar modo, i primi a rendersi conto che la partecipazione reale alla vita politica era diventa impossibile, che era stata soppiantata dalle "regie sapientissime di pochi signori del potere".
Il loro entusiasmo, tipico delle menti giovani non ancora corrotte dalle aspirazioni di potere, seppe manifestarsi negli anni ’60 in America in reazione ad una situazione politico-sociale che presentava non poche problematiche. Gli Stati Uniti uscivano in quegli anni dall’epoca maccartista, caratterizza dalla “paura rossa” e, soprattutto, dalle forti restrizioni in materia di libertà. Nonostante i tempi fossero cambiati alcune di queste restrizioni ancora permanevano; in ambito universitario, tali limitazioni provenivano dai vertici delle amministrazioni universitarie, impegnate a far funzionare nel migliore dei modi quella che era definita “industria del sapere”. In questa organizzazione, precisa e burocratizzata, dove importantissimo era il controllo della vita degli studenti, nessuna variabile era tollerata. L’Università doveva assicurare allo stato e ai finanziatori privati la formazione di soggetti preparati, “utili” agli scopi della società stessa, capaci di svolgere attività al servizio delle amministrazioni governative, dell’esercito, dell’economia. La cultura e l’apertura degli orizzonti da questa derivanti passavano quindi in secondo piano rispetto a tali primari obiettivi.
Si era andato così a creare, nella società americana degli anni ’60, già duramente provata dalle restrizioni culturali dell’epoca maccartista, un senso di alienazione diffuso, percepito da tutti,intellettuali in primis.
Gli studenti, erano quelli che sentivano e vivevano in maniera più forte questo sentimento di spersonalizzazione, che in ambito universitario si era generato nel momento in cui le amministrazioni iniziarono a concepire l’educazione al servizio del potere costituito e a vantaggio di interessi consolidati di tipo economico-militare.
La manifestazione del loro dissenso avvenne con l’irruenza che sempre li contraddistingue e la rivolta di Berkeley del 1964 rappresenta tutt’oggi uno dei maggiori esempi di come la gioventù colta americana seppe movimentarsi in reazione ad uno stato di cose poco accettabile. L’attenzione degli studenti si focalizzò in principio su problematiche esterne come l’apartheid, la segregazione razziale, ancora molto, troppo diffusa negli stati del Sud, e la guerra in Vietnam; solo successivamente la loro attenzione si spostò “in casa”, nel campus, il luogo dove si svolgeva per circa 8 mesi all’anno la loro vita. L’evoluzione della protesta e i suoi risultati sono oggetto dello studio condotto con questo lavoro.
Nel primo capitolo sono esaminate le basi sulle quali poggiò la protesta studentesca, i protagonisti, il perché della nascita di tali manifestazioni, la politica adottata dai vertici dell’amministrazione del Campus, il clima di lotte sociali all’interno della comunità nera, la visione dell’Università e il valore riconosciuto all’istruzione dalla società americana, dallo Stato della California e dal Preside dell’Università della California, Clark Kerr.
Nel secondo capitolo vi è l’analisi di come si svolsero i fatti, l’inizio delle proteste, i “sit-in”, la nascita del Free Speech Movement, l’intervento delle forze dell’ordine e i cambiamenti.
È opportuno sottolineare alcune peculiarità della rivolta studentesca di Berkeley. Il Free Speech Movement, seppe farsi portavoce delle istanze della popolazione studentesca del campus e soprattutto della loro esigenza di partecipazione attiva alla vita politica americana tramite un impegno concreto, che si potesse manifestare anche tramite l’adesione alle iniziative portate avanti dai club studenteschi politicamente schierati. Le richieste degli universitari furono tutt’altro che utopiche. L’unica utopia, intesa come mancanza di concretezza ed organizzazione, riscontrabile nella rivolta degli studenti di Berkeley ed in particolar modo nella struttura del Free Speech Movement fu la mancanza di un modello teorico, di punti fermi, che comportò discussioni ad infinitum tra gli stessi membri del Comitato direttivo, i quali non sempre nei momenti più critici riuscirono a prendere in maniera rapida le decisioni necessarie. Altro limite fu di sicuro la poca costanza che si manifestò nella primavera del 1964, quando si aprì la “seconda ripresa” della lotta studenti-amministrazione e fu necessaria la riorganizzazione del Free Speech Movement in quanto pochi erano i membri del Comitato esecutivo ristretto che partecipavano ancora al movimento...

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Movimenti studenteschi negli anni „60: quando si pensa ai movimenti studenteschi, ed in particolar modo a quelli che hanno caratterizzato gli anni ‟60 dello scorso secolo, l‟immagine che per prima salta alla mente è quella dei grandi tumulti di piazza messi in atto dagli studenti europei nella primavera del 1968; sovvengono le sfilate in piazza della gioventù francese, l‟attivismo degli universitari berlinesi, i tumulti e gli scontri tra forze dell‟ordine e studenti presso l‟ateneo di Valle Giulia di Roma. Difficilmente quando si parla di movimenti di massa e di movimenti studenteschi ci si interroga su cosa avvenne oltre oceano, nella nazione che, allora come oggi, era la prima potenza mondiale: gli Stati Uniti d‟America. Già diversi anni prima dei movimenti di massa che hanno caratterizzato la fine degli anni ‟60 in Europa, dall‟altra parte dell‟Atlantico, negli Stati Uniti si respirava un clima di fervente impegno politico e sociale per la conquista dei diritti civili, contro la segregazione razziale, contro l‟impegno del Paese nella guerra in Vietnam. Alla lotta per i diritti civili portata avanti da leader e uomini carismatici come Malcom X e Martin Luther King, si affiancarono le lotte condotte dagli studenti di numerose Università dell‟intero paese, dalla costa orientale a quella occidentale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi