Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Agenda setting e informazione online - Dalla formulazione teorica alle innovazioni di Internet

In questo lavoro affrontiamo alcune innovazioni introdotte nella professione giornalistica dall'avvento del web, soprattutto per quanto concerne il processo di costruzione dell'agenda dei media. Per fare ciò partiamo da lontano, dagli albori della ricerca sulle comunicazioni di massa, per individuare il percorso che ha portato ad una delle ipotesi più affascinanti e discusse : la teoria dell'agenda setting. Questa ipotesi, non dimostrata pienamente sul piano empirico, dalle prime formulazioni degli anni Settanta alle indagini più recenti suscita dibattiti e fornisce indicazioni utili per leggere i media.
La nostra convinzione è che la rivoluzione portata da Internet renda più urgente il bisogno di interrogarsi su questioni come l'influenza, la manipolazione, gli effetti dei media sulle conoscenze del pubblico e la loro capacità di modificarne concretamente i comportamenti. Questa urgenza è data da più motivi, primo fra tutti il crescente numero di lettori di notizie online ed il progressivo inesorabile abbandono della lettura dei giornali cartacei. Un fenomeno che inizia solo negli anni Novanta ma che, più delle altre rivoluzioni tecnologiche che hanno segnato il giornalismo, sembra essere in grado di porre dubbi sull'utilità della figura tradizionale del giornalista.
Nel primo capitolo ricostruiremo brevemente le principali teorie sulle comunicazioni di massa per comprendere come si è arrivati prima all'intuizione e poi alla definizione da parte di Cohen dell'effetto di agenda setting. Il secondo capitolo è dedicato totalmente alla formulazione della teoria e all'agenda game, verranno presentati i risultati di alcune ricerche e seguiremo l'evoluzione di questa ipotesi. Nel terzo capitolo illustreremo le novità introdotte nella professione giornalistica dalle comunicazioni digitali e dai giornali online e gli effetti che le nuove tecnologie hanno avuto sul processo di costruzione dell'agenda.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE In questo lavoro vogliamo affrontare alcune innovazioni introdotte nella professione giornalistica dall'avvento del web, soprattutto per quanto concerne il processo di costruzione dell'agenda dei media. Per fare ciò partiamo da lontano, dagli albori della ricerca sulle comunicazioni di massa, per individuare il percorso che ha portato ad una delle ipotesi più affascinanti e discusse : la teoria dell'agenda setting. Questa ipotesi, non dimostrata pienamente sul piano empirico, dalle prime formulazioni degli anni Settanta alle indagini più recenti suscita dibattiti e fornisce indicazioni utili per leggere i media. La nostra convinzione è che la rivoluzione portata da Internet renda più urgente il bisogno di interrogarsi su questioni come l'influenza, la manipolazione, gli effetti dei media sulle conoscenze del pubblico e la loro capacità di modificarne concretamente i comportamenti. Questa urgenza è data da più motivi, primo fra tutti il crescente numero di lettori di notizie online ed il progressivo inesorabile abbandono della lettura dei giornali cartacei. Un fenomeno che inizia solo negli anni Novanta ma che, più delle altre rivoluzioni tecnologiche che hanno segnato il giornalismo, sembra essere in grado di porre dubbi sull'utilità della figura tradizionale del giornalista. Nel primo capitolo ricostruiremo brevemente le principali teorie sulle comunicazioni di massa per comprendere come si è arrivati prima all'intuizione e poi alla definizione da parte di Cohen dell'effetto di agenda setting. Il secondo capitolo è dedicato totalmente alla formulazione della teoria e all'agenda game, verranno presentati i risultati di alcune ricerche e seguiremo l'evoluzione di questa ipotesi. Nel terzo capitolo illustreremo le novità introdotte nella professione giornalistica dalle comunicazioni digitali e dai giornali online e gli effetti che le nuove tecnologie hanno avuto sul processo di costruzione dell'agenda. 4

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Claudio Pontirolli Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1716 click dal 09/04/2009.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.