Skip to content

Dall'orientamento al placement - La Borsa Continua Nazionale del Lavoro

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Profili
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Giuditta Alessandrini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 179


Il presente lavoro è articolato in tre parti più le conclusioni finali.
Nella I Parte denominata “Cambiamenti epocali”, si parla del lavoro nella realtà attuale e di come esso abbia cambiato la sua connotazione e la sua fisionomia, passando ad essere da diritto acquisito, che accompagnava stabilmente l’uomo, durante tutto il corso della sua vita professionale, a prerogativa da conquistare sul campo, ogni giorno. Esso ha assunto le caratteristiche di mutevolezza tipiche della nostra “modernità liquida” , dove tutto è fugace, passeggero, instabile.
L’esigenza di adattarsi a questi cambiamenti repentini, impone l’acquisizione di una mentalità aperta, “flessibile”, che sappia andare incontro alle innovazioni senza esserne sopraffatta.
Il punto fermo per ottenere questa condizione rimane quindi “la formazione”, intesa ovviamente non come mero addestramento pre-lavorativo, bensì come condizione di apprendimento, che deve durare l’intero arco della propria vita.
In Italia questo traguardo non è stato ancora completamente raggiunto, e gli obiettivi della Strategia di Lisbona sono ancora lontani.
La II Parte intitolata “La Legge 30/03 e la Riforma del Mercato Italiano del Lavoro” approfondisce la tematica dei problemi connessi all’universo lavorativo Italiano, con particolare riferimento alle contenuti della Legge stessa, detta anche Legge Biagi, dal nome del giuslavorista che l’aveva stilata, dando contemporaneamente uno sguardo al passato, verso i propositi e uno sguardo al presente mediante l’analisi della situazione condotta dall’attuale Ministro del Lavoro Cesare Damiano e da alcuni esperti del settore.
Il lavoro prosegue con la descrizione delle principali attività di Orientamento e Placement, condotte da Enti, Imprese e Università con l’obiettivo di favorire l’inserimento nel mondo del lavoro, di disoccupati giovani e meno giovani, che possono usufruire di numerosi servizi, tra i quali alcune “banche dati” che mettono in contatto le Università con le Imprese.
Questa parte si conclude con un’indagine condotta dall’Istituto ISFOL, che da anni si interessa di formazione, riguardante la situazione occupazionale dei laureati nel 2005.
La III parte concerne gli aspetti pedagogici legati al lavoro e allo spazio di “educabilità” che lo caratterizza, e che ha favorito la nascita
R/P
di discipline di studio come la Pedagogia del Lavoro, che fondano
insieme presupposti legati alla cura e all’attenzione della Persona (capitale umano), con discipline organizzative legate al Lavoro.
Le Conclusioni finali sono imperniate sulla “Strategia di Lisbona del 2000” e sulla “Riconversione” attuata a seguito del fallimento degli obiettivi ivi fissati. A sigillo dell’intero lavoro vengono offerti in formato giornalistico i risultati emersi dai lavori del Consiglio europeo, tenutosi nel mese di dicembre scorso, con i primi bilanci effettuati, dopo la procedura di rilancio degli impegni di Lisbona.
Alla luce dei dati emersi vengono analizzati sia gli scenari italiani che quelli europei, e si profilano le iniziative da intraprendere, affinché quanto stabilito nel 2000 a Lisbona non continui a rimanere soltanto una dichiarazione d’intenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Con questo lavoro noi ci proponiamo di dimostrare la tesi che nel momento storico attuale caratterizzato da grandi cambiamenti che investono tutti i settori della vita sociale, in cui crollano vecchi capisaldi e punti di riferimento sui quali per decenni si è basata la nostra società, e al contempo si creano “spazi vuoti”, che non vengono immediatamente riempiti da teorie e valori idonei, per sostenere l’onere del passaggio dell’impianto sociale da un sistema all’altro, ci sia bisogno di adattarsi alla precarietà generale con l’ausilio di strategie formative adeguate, che tengano conto di tale situazione. La precarietà o la “modernità liquidità” 1 dei nostri tempi così definita da Z. Bauman un autore contemporaneo, fa sì che tempi sempre più compressi, personalità sempre più poliedriche, e richieste di performance sempre più elevate inducano ad orientarsi necessariamente verso un’impronta di flessibilità. Flessibilità nelle collocazioni strutturali degli individui – flessibilità verticale- pluricollocazioni simultanee – flessibilità orizzontale-. 1 Z. Bauman, tr. It., “Modernità liquida”, in G. Alessandrini ( a cura di ) Pedagogia delle risorse umane e delle organizzazioni, Roma, Guerini Studio 2004, p.9 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bncl
la formazione
lavoro
legge 30/03
legge biagi
mercato lavoro
modernità liquida
orientamento
placement
riforma mercato del lavoro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi