Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Marin Mersenne e la musica

La memoria si concentra sulla ricerca del Minimo in campo musicale, escludendo quindi tutti i suoi studi di natura scientifico-matematica che pur l'hanno reso un personaggio di grande importanza anche in questo campo.

Nel primo capitolo si parla dalla vita del Mersenne, della sua attività di studioso e scienziato parallela a quella di uomo religioso. I vari aspetti si fondando e si arricchiscono a vicenda sulla base della Rivoluzione Scientifica seicentesca che proprio in Mersenne vede uno dei principali esponenti.

Nel secondo capitolo si cerca di porre le basi ideologiche e storiche dell'epoca in cui vive il monaco, mettendo in relazione la sua esperienza con quella di altri filosofi e scienziati del tempo come Cartesio e Fludd in particolare, bersaglio delle critiche di Mersenne.
Correnti diverse di pensiero passate e innovative si intrecciano e si scontrano, contribuendo a creare un panorama variegato e complesso e sono anche, come nel caso di Mersenne, strettamente legate all'esperienza mistica e religiosa.

Nella terza parte di questo lavoro particolare importanza è stata data all'opera principale di Mersenne: l' Harmonie Universelle. L'opera, di cui non è disponibile una versione completa in italiano, può essere considerata la sintesi ed il punto d'arrivo dei suoi studi in campo scientifico-musicale. Si è scelto di riportare molte citazioni tratte dall'opera originale (nella traduzione di Giuliana Montanari) per cercare di ripercorrerla mantenendo, per quanto possibile, la logica del discorso scelta dallo stesso Mersenne. L'opera voluminosa e di difficile lettura può così risultare accessibile al lettore che vuole avvicinarsi al pensiero del Minimo.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 L'idea di svolgere la tesi di laurea triennale su Marin Mersenne è nata dal mio interesse ad approfondire uno dei temi affrontati durante il corso di Storia della Musica tenuto dal prof. Padoan nell'anno accademico 2005\2006: il seicento musicale. La memoria si concentra sulla ricerca del Minimo in campo musicale, escludendo quindi tutti i suoi studi di natura scientifico-matematica che pur l'hanno reso un personaggio di grande importanza anche in questo campo. Nel primo capitolo si parla dalla vita del Mersenne, della sua attività di studioso e scienziato parallela a quella di uomo religioso. I vari aspetti si fondando e si arricchiscono a vicenda sulla base della Rivoluzione Scientifica seicentesca che proprio in Mersenne vede uno dei principali esponenti. Nel secondo capitolo si cerca di porre le basi ideologiche e storiche dell'epoca in cui vive il monaco, mettendo in relazione la sua esperienza con quella di altri filosofi e scienziati del tempo come Cartesio e Fludd in particolare, bersaglio delle critiche di Mersenne. Correnti diverse di pensiero passate e innovative si intrecciano e si scontrano, contribuendo a creare un panorama variegato e complesso e sono anche, come nel caso di Mersenne, strettamente legate all'esperienza mistica e religiosa. Nella terza parte di questo lavoro particolare importanza è stata data all'opera principale di Mersenne: l' Harmonie Universelle. L'opera, di cui non è disponibile una versione completa in italiano, può essere considerata la sintesi ed il punto d'arrivo dei suoi studi in campo scientifico-musicale.

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Marta Stopelli Contatta »

Composta da 49 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 458 click dal 21/04/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.