Skip to content

Dinamica delle competenze nei processi di internazionalizzazione. Il caso del progetto Evergreen del porto di Taranto.

Informazioni tesi

  Autore: Gabriella Rizzo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Marco Giannini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 365

Il fenomeno della globalizzazione delle relazioni economiche ha modificato il comportamento delle multinazionali di ultima generazione ed ha contribuito ad aumentare la complessità dell'attuale ambiente competitivo: una complessità che va ad interessare la varietà degli attori coinvolti nella fitta rete di relazioni internazionali, e la variabilità delle condizioni economiche, sociali, culturali e politiche che si avvicendano.
A guidare la trasformazione degli scenari competitivi non troviamo più soltanto le teorie della differenziazione e segmentazione degli spazi economici, ma nuove politiche di integrazione e condivisione di risorse materiali, competenze e conoscenze disperse nel mondo.
In questo ambito, il diverso modo di relazionarsi all'ambiente, ha costretto le imprese a concepire le strategie concorrenziali internazionali puntando sulla valorizzazione delle risorse immateriali e sull'importanza della forza delle competenze come elemento di differenziazione strategica sul mercato, in quanto è da esse che trae origine l'unicità del prodotto o servizio offerto.
È da ciò che nasce l'esigenza per le imprese di organizzarsi per la globalità, puntando sull'eccellenza delle persone e quindi sull'adeguamento continuo delle professionalità in risposta alle esigenze delle nuove configurazioni di mercato.
Quindi nei piani di sviluppo internazionale i programmi di formazione diventano protagonisti indiscussi di un processo di integrazione tra l'intelligenza cognitiva del fare (da cui dipende la professionalità di un soggetto) e l'intelligenza emotiva dell'essere, che educa l'individuo alla flessibilità, alla mobilità, e alla adattabilità in un ambiente transnazionale in cui convergono, cioè, culture e professionalità mutevoli.
L'impresa che decide di espandere le proprie attività all'estero e di trasferire o assumere il management all'uopo necessario, ha bisogno di abbandonare la figura del manager controllore e di arricchirsi, invece, di capacità dinamiche, flessibili, multiple, e relazionali di un leader che agisce come facilitatore del cambiamento.
L'organizzazione abbisogna cioè di un leader in grado di stimolare, all'interno di una rete internazionale, di imprese la CONDIVISIONE DI UNA VISION UNICA, che assicuri coerenza nell'interpretazione e nell'applicazione delle strategie globali, in tutte le locali unità organizzative.
La dimensione internazionale delle competenze contribuisce a definire una allora COMUNICAZIONE chiara ed efficace degli obiettivi al management sparso per tutto il mondo nel tentativo di superare limiti della lontananza geografica e culturale nella comprensione delle strategie del gruppo.
Le imprese di medie dimensioni, o comunque quelle che si orientano nelle prime fasi di un processo di internazionalizzazione, spesso lamentano l'assenza in organico di queste competenze.
In aiuto di questo fabbisogno intervengono le moderne politiche di trasferimento all'estero delle attività economiche che hanno ad oggetto una flessibilizzazione nell'uso della delega del potere e dell'autorità e che arricchiscono l'anatomia organizzativa attraverso strumenti microstrutturali quali task forces, comitati, project teams che consentono di calibrare i canali decisionali, distribuire con successo responsabilità ed autorità, e chiarificare e semplificare la comunicazione da e verso il centro.
In questo contesto, il conseguente appiattimento gerarchico si trasforma, pertanto, positivamente in una possibilità per rivitalizzare le competenze di consulenza degli organi di staff, offrendo alle aziende l'opportunità di costruire una identità organizzativa sovranazionale ricorrendo ai servizi di figure professionali inedite come quelle del temporary manager.
Egli è un agente in grado di adattarsi ad una ampia gamma di situazioni riconducibili ad eventi di change management: nei circuiti internazionali gestisce il cambiamento affidandosi ad una comunicazione intergerarchica ed interpersonale che gli consente la trasmissione di una nuova cultura organizzativa e nuove modalità di gestione.
Il suo obiettivo sarà quello di assicurare la continuità nel perseguimento degli obiettivi e di accrescere le capacità del management esistente trasferendo le competenze e traendo insegnamento dai valori della cultura locale.
In questi nuovi processi di internazionalizzazione le performance aziendali sono strettamente dipendenti dalle variabili culturali dei knowledge workers, cioè dal sistema delle competenze flessibili e adattabili a situazioni lavorative esterne, ed elastiche rispetto alle regole e procedure che governano la mobilità internazionale del personale. Esempi di esse sono: la sensibilità interpersonale, il lavoro di gruppo e cooperazione, la consapevolezza organizzativa, attenzione alla qualità dell'informazione, costruzione di relazioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il progetto di sviluppo del porto di Taranto, che ha visto, nella concessione della gestione delle attività di trasporto mercantile ad una grossa multinazionale del transhipment internazionale, una via d'uscita dalla crisi della siderurgia locale, ha rappresentato lo spunto da cui è nata l'idea per lo sviluppo del presente lavoro, finalizzato ad una analisi del valore strategico delle competenze nella gestione del cambiamento culturale conseguente alle politiche di localizzazione differenziata delle attivitàtransnazionali, giustificate, ormai, non più solo da ragioni di convenienza economica. Le multinazionali di ultima generazione, operanti in una economia globale, accettano infatti, oggi, favorevolmente la multiculturalità del personale dislocato nelle varie località geografiche del globo. Esse, infatti, reputano l'integrazione tra diverse culture nazionali, una occasione proficua di crescita per la cultura organizzativa e di consolidamento delle posizioni competitive. Rispetto alle passate tendenze rivolte alla spersonalizzazione ed omogeneizzazione degli ambienti lavorativi, attualmente, si crede nella valorizzazione delle diversità d lle risorse umane e nelle sinergie che la collaborazione tra culture lontane è in grado di liberar . Alla base del successo di queste realtà ec nomiche t ansnazionali, risiede una cultura d'impresa ed una vis on u ica ed integrata,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

globalizzazione
internazionalizzazione
knowledge workers
porti
progetto evergreen

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi