Skip to content

La comunicazione di un evento culturale tra informazione e pubblicità: il caso Giornata del Contemporaneo di Amaci

Informazioni tesi

  Autore: Michela Pesenti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Lettere
  Relatore: Cristian Valsecchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

Questo elaborato di prova finale tratta dell’analisi e osservazione della comunicazione degli eventi culturali. Nella prima parte infatti ho trattato dal punto di vista teorico il processo di comunicazione. Sono partita dalla considerazione forse banale che l’evento se non è comunicato di fatto non esiste, ho indagato più da vicino come si sviluppa un piano di comunicazione e che ruolo riveste nel progetto di gestione dell’evento..
Tra gli strumenti principali della comunicazione ho rintracciato 5 elementi che concorrono alla riuscita di una buona comunicazione: la didattica educativa, le frontiere nelle nuove tecnologie, le opportunità del partner impresa, il potere amplificatore dei media e la forza della pubblicità. Mi sono però concentrata sull’analisi di 2 di questi elementi: la pubblicità e le relazioni con i mezzi di comunicazione intraprese dall’ufficio stampa.

Nella seconda parte della tesi ho analizzato da vicino i due strumenti sopracitati soprattutto nell’ambiente in cui si trovano più a stretto contatto, nell’ambito della stampa e nel settore del giornalismo che riguarda gli eventi culturali. Pubblicità e informazione si trovano spesso connesse, da questa connessione ed in particolare dalla mancanza di responsabilità del giornalismo culturale derivano e nascono dei conflitti.
Le cause di questi conflitti sono principalmente economiche, in altri casi possono influire interessi personali che guidano la pubblicazione di notizie in luogo di altre, spinte da favoritismi interni al settore culturale e al giornalismo. Non essendoci personalità professionali ben delimitate nel giornalismo culturale spesso si trovano a coincidere nella stessa persona diversi ruoli ed interessi. Semplificando il concetto: da un lato gli investimenti pubblicitari su un quotidiano possono creare la così detta pubblicità redazionale, e dall’altro i vari collaboratori/ giornalisti di quotidiani che svolgono professioni nella filiera di produzione ed organizzazione di eventi culturali potrebbero guidare l’attenzione verso propri lavori o eventi sbaragliando l’eventuale concorrenza che non ha la possibilità di ottenere spazio mediatico a titolo gratuito. Non possiamo sapere con certezza se la responsabilità di questi conflitti tra interessi personali, pubblicità e giornalismo sia da attribuire ai giornalisti o alla redazione del quotidiano; è comunque innegabile l’esistenza di tale controversia. I casi di conflitti d’interesse che ho voluto illustrare sono esemplificativi delle relazioni che intercorrono in particolare tra collaboratori/giornalisti e professionalità creative ed organizzative del mondo culturale, in particolare alcuni casi sono stati riscontrati nel Domenica del sole 24 ore e su Libero.

Nella terza e ultima parte dell’elaborato ho analizzato un evento culturale specifico : la Giornata del Contemporaneo di Amaci, iniziativa nazionale che prevede l’apertura di diversi luoghi in Italia a titolo gratuito. L’ufficio stampa di Amaci mi ha fornito la rassegna stampa dell’evento, composta da circa 200 articoli di diversi quotidiani nazionali. Analizzandola ho cercato di calcolare il valore economico dei ritagli di stampa presenti nella rassegna. L’obiettivo del lavoro è dimostrare quanto sia importante il ruolo di quotidiani e dei periodici nella comunicazione dell’evento culturale. Quantificare il valore economico degli articoli mi ha aiutato a comprendere il valore che possono avere all’interno di una campagna di comunicazione e quanto la loro potenza a livello economico possa anche essere manipolata in diverse forme.
La metodologia da me utilizzata per l’analisi è basata sulla raccolta di uno schema dati secondo delle variabili. Su questi dati sono stati poi effettuati i calcoli, confrontando le grandezza e dimensioni approssimate degli articoli con i prezzi dei listini delle rispettive concessionarie. Queste stime fatte in base ai listini pubblicitari sono utili per capire quale spesa avrebbe dovuto sostenere se, anziché affidarsi alla stampa, Amaci avesse deciso di organizzare una campagna pubblicitaria su quotidiani. L’entità del fenomeno osservato è ampia e riassumibile in una semplice constatazione: spesso conviene molto di più affidarsi alla stampa poiché non prevede spese per la pubblicazione di articoli, al contrario invece organizzare e soprattutto finanziare una vera campagna pubblicitaria risulta dispendioso e non assicura in questo caso il successo. Il problema risiede proprio in questa situazione, ovvero chi ottiene la pubblicazione di un articolo guadagna di fatto della pubblicità di maggior qualità e ‘gratuita’.
È allora possibile considerare il giornalismo culturale come sede di un’informazione libera da influenze e meritocratica oppure è diventato luogo di un giro d’affari governato solo dal beneficio economico, dalla promozione gratuita tramite favoritismi e scambi d’interesse tra il giornalismo e la pubblicità? Sarebbe a mio avviso opportuno regolamentare la situazione e porre dei limiti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 LA COMUNICAZIONE DI UN EVENTO CULTURALE TRA INFORMAZIONE E PUBBLICIT : IL CASO GIORNATA DEL CONTEMPORANEO DI AMACI INTRODUZIONE L obiettivo di questo elaborato di prova finale Ł quello di analizzare ed osservare da vicino la promozione e la comunicazione di un evento culturale, soffermandomi sui mezzi e sugli strumenti necessari. Tra tutti, quelli presi in considerazione saranno in particolare la pubblicit e i mass media, diversi p er motivazioni, usi e organizzazioni; ne verranno illustrate le principali caratteristiche. Parleremo dei numeri, dei costi, delle tecniche e dell’importanza della pubblicit , poi passeremo in analisi il ruolo dei mass media con specifico interesse allo strumento utilizzato per relazionarsi con essi ovvero l’ufficio stampa (nella sua struttura, strumentazione e metodo di lavoro). Nella seconda parte tratter di come pubblicit e i nformazione siano tra loro connesse e spesso legate, in qual modo da questa connessione nascano dei conflitti, per esempio nel caso della pubblicit camuffata o redazionale; feno meno non solo degli eventi culturali ma molto piø ampio. L’attenzione si focalizzer poi su un genere d informazione che sembra avere uno spazio particolare: il giornalismo culturale, ne spiegher le caratteristiche e ne illustrer alcuni casi di conf litti d interesse. Nella terza e ultima parte partir dalle consideraz ioni teoriche sulla comunicazione dell’evento e sulla commistione tra pubblicit e informazione per analizzare la rassegna stampa di un evento scelto: la Giornata del Contemporaneo organizzata da Amaci. Osserver la tipologia di articoli scritti in propo sito, per poi misurarne il valore economico, cos da valutare quale sia il peso da attribuirgli in termini monetari.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amaci
comunicazione
conflitti d'interesse
eventi culturali
giornalismo culturale
giornata del contemporaneo
pubblicità
ufficio stampa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi