Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Petrarca nella storiografia letteraria sette-ottocentesca

Protagoniste di questo lavoro sono le più importanti storie della letteratura italiana pubblicate tra il 1698 ("Istoria della volgar poesia") e il 1860 ("Storia della letteratura italiana" di De Sanctis). L'attenzione è rivolta non solo ai contenuti e alle novità che ciascuna opera ha portato rispetto alle precedenti, ma soprattutto al modo in cui ogni storia della letteratura italiana ha affrontato un comune denominatore: Petrarca.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Nei due secoli che dividono l’Istoria della volgar poesia, pubblicata per la prima volta nel 1698, e la Storia della letteratu- ra italiana di De Sanctis, uscita nel 1870, anni che segnano i li- miti temporali del presente lavoro, hanno visto la luce decine di storie della letteratura italiana, ognuna sorta con la determinazio- ne di migliorare le pubblicazioni precedenti e colmarne le lacune. Pur con le battute d’arresto che inevitabilmente ci sono state e con tutti i limiti possibili di una scienza che stava facendo i suoi primi passi, molte di quelle opere hanno contribuito, in forma di- versa, a sviluppare sistemi d’indagine e metodologie, preparando la strada al capolavoro di Francesco De Sanctis. In questo studio si vuole analizzare ciascuna delle principali storie della letteratura italiana sorte nei due secoli. Punto centrale del nostro lavoro sarà esaminare in quale modo ognuna delle o- pere prese in considerazione ha affrontato un comune denomina- tore: Petrarca.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Natascia Renzi Contatta »

Composta da 378 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1249 click dal 29/04/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.