Skip to content

L'applicazione della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali nelle situazioni di conflitto armato

Informazioni tesi

  Autore: Giorgia Silvestri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paolo Benvenuti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 178

Un tempo il diritto internazionale conosceva una netta distinzione tra le regole applicabili in caso di guerra e i principi vigenti in tempo di pace:il diritto internazionale umanitario e il diritto internazionale dei diritti dell’uomo erano due branche separate e il cui sviluppo correva parallelo.Gli sviluppi nella giurisprudenza internazionale e nazionale,nonché nella pratica degli Stati,hanno condotto ad un progressivo riconoscimento che le due discipline,non solo,condividono lo stesso fondamento e mirano entrambe a tutelare i diritti dell’individuo,ma in talune circostanze si sovrappongono.Con la presente trattazione, dimostrata nel primo capitolo, l’esistenza di un avvicinamento e, in certi casi di una vera e propria sovrapposizione, tra il diu ed i du, nel secondo capitolo, si tenterà di dare conto delle soluzioni adottate dagli organismi giurisdizionali internazionali e regionali, quali la Corte Internazionale di Giustizia, il Comitato dei diritti dell’uomo e gli organismi preposti alla tutela dei diritti dell’uomo nel sistema interamericano ed europeo, relativamente ad alcuni problemi connessi con l’interrelazione tra i due sistemi.Innanzitutto, si vedrà in che modo la Corte Internazionale di Giustizia ha inteso risolvere la questione relativa al rapporto intercorrente tra diritto internazionale umanitario e diritti dell’uomo. L’analisi verrà pertanto condotta alla luce di alcune fondamentali pronunce in cui tale problema è stato espressamente affrontato dalla Corte. L’orientamento della CIG verrà poi comparato con le soluzioni adottate dal Comitato dei diritti dell’uomo, dalla Corte e dalla Commissione interamericane, nonché dalla Corte europea di Strasburgo.L’analisi che si svolgerà nel secondo capitolo sarà finalizzata,soprattutto,a mettere in luce le posizioni contenute nella giurisprudenza degli organismi preposti alla tutela dei diritti dell’uomo che hanno affrontato il problema del rapporto tra diritto internazionale umanitario e diritti dell’uomo. In particolare, si intenderà esaminare se tali organismi abbiano in qualche modo riconosciuto l’affievolimento del confine tra le due materie applicando essi stessi il diritto di Ginevra,oppure,al contrario,abbiano applicato unicamente le norme contenute nelle convenzioni sui diritti dell’uomo, mantenendo un approccio più cauto e tradizionalista.L’argomento centrale della presente trattazione, tuttavia, sarà rappresentato dall’analisi della giurisprudenza degli organi di Strasburgo in relazione ai problemi nascenti dalla convergenza tra diritto di Ginevra e diritto internazionale dei diritti dell’uomo.Partendo dal presupposto che i trattati sui diritti dell’uomo trovino, in via generale,applicazione anche nei conflitti armati,nella parte spacificamente dedicata alle attività della Corte di Strasburgo s’intenderà dare conto delle specifiche situazioni,verificatesi in Europa,in cui tale applicazione è avvenuta.Poiché negli ultimi anni le condotte degli Stati spesso si sono spinte al di là dei confini geografici dello Stato territoriale, si cercherà di analizzare, nel terzo capitolo, la giurisprudenza, non sempre chiara, della Corte europea relativa all’applicazione extraterritoriale della Convenzione europea, nonché delle posizioni assunte dal Comitato dei diritti dell’uomo e dalla Commissione interamericana dei diritti dell’uomo alla luce dei casi più o meno recenti che sono stati chiamati a decidere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione C’è stato un tempo in cui la guerra era la guerra e la pace era cosa ben diversa. Le guerre si combattevano tra Stati e coinvolgevano gli eserciti, i combattenti in senso stretto, la popolazione civile restava al margine. Così, in un tempo ormai andato, il diritto internazionale conosceva una netta distinzione tra le regole applicabili in caso di guerra (c.d. ius in bello), e i principi vigenti in tempo di pace. Tradizionalmente, il diritto internazionale umanitario e il diritto internazionale dei diritti dell’uomo erano due branche separate e il cui sviluppo correva parallelo. Lungo una direttrice, infatti, il diritto di Ginevra regolava la condotta delle parti durante i conflitti armati, mirando ad alleviare quanto più possibile le sofferenze causate dalla guerra. Su un binario parallelo, i diritti dell’uomo proteggevano l’individuo in quanto tale dal potere Statale. Ebbene, quel tempo in cui era possibile separare i due abiti con un taglio chirurgico, in cui si poteva affermare che il diritto internazionale umanitario operava nelle guerre, e i diritti dell’uomo in tempo di pace, non è più. Gradualmente le due discipline si sono avvicinate. Gli sviluppi nella giurisprudenza internazionale e nazionale, nonché nella pratica degli Stati, hanno condotto ad un progressivo riconoscimento che le due discipline, non solo, condividono lo stesso fondamento e mirano entrambe a tutelare i diritti dell’individuo, ma anche, che in talune circostanze si sovrappongono. Il progressivo avvicinamento è stato testimoniato, del resto, dall’ingresso dell’ideologia dei diritti dell’uomo nel diritto internazionale umanitario, nonché dal fatto che, sempre più, nei conflitti sono coinvolti attori non statali che, rispetto allo Stato contro cui combattono, si trovano nel rapporto tipico della disciplina dei diritti dell’uomo, ossia sottoposti alla sua jurisdiction. La presenza di numerosi punti di contatto tra le due discipline, tuttavia, ha fatto emergere un numero crescente di questioni, sempre più complesse, legate al rapporto intercorrente tra i due sistemi. Come si cercherà di illustrare nel corso della presente trattazione, la realtà internazionale non manca, infatti, di fornire esempi di situazioni dalle quali scaturiscono problemi legati all’applicazione concorrente delle due branche del diritto internazionale e alla loro reciproca relazione. In particolare, come si vedrà nel corso della trattazione, i problemi maggiori sono stati posti da quelle situazioni al limite tra la guerra, come tradizionalmente intesa, e la pace. Gli esempi più frequenti sono, in particolare, spesso connessi con situazioni di occupazione militare, che sia quella di Cipro Nord o quella dei territori palestinesi o, più recentemente dell’Iraq, o con conflitti armati non internazionali, quale, per citarne uno, il conflitto ceceno. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

al skeini
commissione intermericana dei diritti dell'uomo
corte europea dei diritti dell'uomo
corte interamericana dei diritti dell'uomo
corte internazionale di giustizia
diritti dell'uomo
diritto internazionale umanitario
extraterritorialità dei trattati sui diritti umani
human rights act 1998
parere consultivo su liceità delle armi nuclear
parere consultivo sul muro d'israele
rapporto tra diu e diritti dell'uomo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi