Skip to content

Vivere l'ergastolo

Informazioni tesi

  Autore: Carmelo Musumeci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Emilio Santoro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 212

Chi vuol sapere cosa pensa, come vive, come ama un ergastolano può leggere questa tesi. Scoprirete che dopo tanti anni di carcere l'ergastolano diventa un uomo solo, un uomo ombra. Niente è più crudele di una pena senza speranza.
Se mi volete scrivere potete farlo a: Musumeci Carmelo Via Maiano, 10 06049 Spoleto (PG) oppure attraverso un'email gestita da amici, [email protected]

Che cosa è l’amore per un ergastolano?
La vita in sé non è un valore. Senza amore non è una vita. Vivere in carcere solo e senza affetto è la cosa più brutta e terribile che possa accadere ad una persona. L’amore per un ergastolano è tutto. Se fuori una persona può morire per amore, in
carcere un ergastolano può anche decidere di vivere una non vita solo per amore. Per amore si sopportano lunghe e vuote giornate. L’amore ti fa vivere due vite: una vita da sogno e una reale. L’amore ti fa sentire vivo e libero anche se tu continui ad essere sepolto da sbarre e cemento per il resto dei tuoi giorni.

Diario di un ergastolano
Oggi è scattato l’orario invernale e ci hanno chiuso il blindato alle 19.00 invece che alle 22.00. Appena sentiamo il rumore del primo blindato ci affacciamo tutti ai cancelli per scambiarci la buonanotte e per un attimo sembra di essere allo stadio fra le urla e le grida che provengono dalle celle più lontane. Subito dopo che viene chiuso il mio blindato mi guardo attorno e non so cosa fare, questa sera non c’è neppure nulla da vedere alla televisione e non ho neppure voglia di leggere. E chissà perché sorrido pensando al rito stupido della buonanotte che ci scambiamo tutte le sere, in particolare modo con il compagno che sta di fronte a me, pure lui ergastolano. Che buona notte mai potrà essere… la nostra, semmai potrà essere una notte eterna, non certa buona. Certe sere, anche se là fuori sei amato, ti senti solo e non hai altro che te stesso.
Questa notte mi sento addolorato e amareggiato e la cella mi sembra una gabbia, mi sento l’unico abitante di questo carcere, di questo mondo e di questo universo.
Mi metto a pensare alla mia pena… respiro, dormo, bevo, sogno, insomma vivo, ma sarebbe meglio dire che muoio vivendo, dato che, mentre gli altri detenuti vivono per la libertà, gli ergastolani vivono solo per morire. C’è la speranza ma ormai questa è diventata come un filo d’acciaio a cui tutti si aggrappano, ma poi uno alla volta cadono tutti. Con la pena dell’ergastolo lo Stato si prende la vita di una persona come se fosse un oggetto e la ruba per sempre… è come cadere in un pozzo nero senza mai toccare il fondo. Questa notte la solitudine della cella mi sembra ancora più nera, guardo il cielo per trovare compagnia nelle stelle, ma sono coperte dalle nuvole e non ne vedo neppure una e per un attimo mi sembra di essere orrendamente solo, sia in cielo sia in terra.
Non c’è neppure la luna, che mi ricorda la mia compagna, che tutte le notte è lassù, per me, da tanti anni… questa sera non c’è. La vita dell’ergastolano è una lunga marcia attraverso la notte e si avanza verso un vuoto senza nessun sbocco. Non si vive, si mantiene in vita solo un corpo che non ti appartiene più perché è diventato di proprietà del Ministero di giustizia.

Giorno da ergastolano
Mi sono svegliato incazzato, anche oggi mi sono svegliato in prigione. Da un po’ di anni non sogno più il mondo di fuori come prima, probabilmente perché dopo molti anni di carcere duro il mondo libero inizia ad essere lontano da ricordi e non poter sognare la libertà è ancora più doloroso del non averla. Invece questa notte ho sognato di trovarmi davanti casa mia, ma non riuscivo ad entrare perché avevo perso le chiavi. Poi ho sognato di passeggiare mano nella mano con mio nipotino. Chissà un domani, tutto è possibile. D’altronde niente esiste se prima non viene sognato. Credo che fino a quando teniamo invita i nostri sogni rimaniamo creatori del nostro destino.

Ballata dell’ergastolano (3)
Si muore tutti i giorni
per tornare di nuovo
a morire ancora:
l’ergastolano non può guardare
in faccia il futuro, può solo
guardare il tempo che va via.
Il suo futuro è tutto scritto
Una lenta agonia senza rimedio
che dura un’intera vita
e che rende innocente
chi è colpevole.

Si muore tutti i giorni
per tornare di nuovo
ancora a morire:
l’ergastolano tira a fare sera
e a fare mattino,
uno strano fantasma
che non riesce a morire
una persona che c’è e non c’è
che non ha più una vita propria
perché non appartiene più a se stesso.

Si muore tutti i giorni
per tornare di nuovo
a morire ancora:
la pena dell’ergastolo
ti mangia l’anima, il corpo
il cuore e l’amore
l’ergastolano non pensa
al futuro perché pensare
al futuro, ha senso solo se
se si ha futuro:
lui non sa più chi è
dov’è, ne dove va’.

Si muore tutti i giorni
per tornare di nuovo
a morire ancora
l’ergastolo è una vendetta
la vendetta dei forti, dei vivi.
e’ una corsa della morte
con la morte, per la morte.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Chi sono Ergastolani Figure di nebbie che l’alba assorbe dal respiro d’acqua stagna Alfredo Bonazzi Al Signor Presidente di codesta Corte d'Assise e a tutti i suoi collaboratori con i quali dovrà decidere sulla mia vita e sul mio futuro, con qualche perplessità, perché non vorrei essere frainteso, mi accingo a scrivere quanto segue per darvi la possibilità di conoscermi fuori dalle carte processuali. Credo sia giusto che lo faccia per non lasciare nulla al caso, lo faccio con umiltà, ma anche con dignità. Sento l'esigenza di fermarmi e riflettere su quella che è stata la mia vita di uomo innanzitutto cercando di analizzare, per quel che posso, le fasi che mi hanno portato a vivere un'esperienza così amara e totalizzante come quella del carcere. Questa esigenza nasce principalmente dal bisogno di evidenziare le caratteristiche meno appariscenti della mia personalità, ritenendo così di dar modo ai miei interlocutori di conoscermi per quel che sono veramente e non per quello di cui sono accusato. Mi rendo conto dei limiti di questa operazione, ma non trovo un modo più facile per comunicare le mie aspettative e le mie paure di detenuto in attesa di giudizio. Signor Presidente chiedo che voglia per un solo istante entrare dentro di me e scrutare la mia coscienza ed il mio animo, per questo intendo partire da lontano, sviscerare le vicende e sondare gli ambienti che hanno nutrito e formato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

41 bis
carcere
detenuto
ergastolo
fine pena
fine pena mai
reati ostativi
reato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi