Skip to content

Rifiuti: criticità e proposte d'azione. Il progetto di Last Minute Market

Informazioni tesi

Master in Sviluppo Sostenibile e Promozione del Territorio
  Autore: Jennifer Preite
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2007
Docente/Relatore: Anna Trombetta
Istituito da: COREP e Università degli Studi di Torino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 83

Gli effetti delle attività antropiche sull’ecosistema naturale sono, negli ultimi decenni, sempre più evidenti e sempre più negativi. Emissioni inquinanti e saccheggio delle risorse naturali della Terra sono divenuti immagini simbolo di una società che, seppur sensibilizzata al tema dello sviluppo sostenibile, non ha ancora adottato in toto dei sistemi di produzione e consumo tali da minimizzare queste conseguenze e avvicinare l’ecosistema urbano a quello naturale, in cui – riprendendo un noto adagio della filosofia greca – «nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto si trasforma».
Il tema dei rifiuti rappresenta uno dei tanti problemi di tipo ambientale che la collettività della temperie postindustriale si trova ad affrontare quotidianamente, con non poche difficoltà considerandone il carattere complesso dovuto al coinvolgimento di tutti gli attori sociali e, pertanto, alle varie istanze in campo.
Essere rifiuto, però, non è una caratteristica intrinseca dell’oggetto ma è solo un’attribuzione che dipende dal rapporto col soggetto e col contesto. Strategicamente, si può affermare la necessità di intervenire su questo paradigma, mediante l’educazione del cittadino – inteso prima come produttore e poi come consumatore – a considerare il rifiuto come risorsa reinseribile in nuovi cicli produttivi e in nuove funzionalità. Tale compito è demandato a tutti i livelli del corpo sociale, dalle istituzioni al mondo del design.
Ma in un’ottica di breve periodo occorre intervenire sul settore del rifiuto che nasce non dalla perdita di utilità di un prodotto ma, purtroppo, dallo spreco. Il Last Minute Market è un’azione tesa alla minimizzazione e alla riduzione della produzione di rifiuti, recuperando l’invenduto e le eccedenze prodotte dalla catena agroalimentare ed ancora perfettamente salubri ai fini della solidarietà sociale. È un’azione di sostenibilità dinamica e totale, poiché coniuga l’istanza ambientale (diminuendo il quantitativo di rifiuti destinati allo smaltimento) con quella sociale (offrendo un aiuto concreto alle tante realtà di volontariato impegnate quotidianamente nella lotta alla povertà), con quella economica (responsabilizzando l’impresa al problema dello spreco “utile” e aiutando gli enti no profit ad indirizzare i risparmi derivanti dalla spesa alimentare verso nuove iniziative di utilità sociale).
Per consolidare i progetti di Last Minute Market all’interno di un contesto territoriale, risulta fondamentale il supporto delle amministrazioni e degli enti pubblici, affinché favoriscano il contatto ed il dialogo tra l’offerta e la domanda mediante la predisposizione di piattaforme di attività create ad hoc.
L’ente pubblico, e da qui la mia esperienza di stage, può porsi come coordinatore delle varie iniziative di recupero dell’invenduto presenti sul territorio di propria competenza, promuovendo l’attivazione di nuove e stimolando un Last Minute Market che consideri non solo le esplicite situazioni di indigenza ma anche quelle di vulnerabilità e disagio sociale, favorendo l’allargamento di un mercato anche per i soggetti con limitato potere d’acquisto.
Il progetto di Last Minute Market, quale modello locale e globale di sostenibilità, necessità della collaborazione e dell’impegno reale di tutti gli attori sociali, dallo Stato al singolo cittadino, affinché anche le piccole azioni virtuose possano contribuire a garantire a tutti condizioni di vita dignitose e a operare insieme per la salute del nostro ecosistema.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA Il rapido sviluppo industriale del XX secolo ha determinato la comparsa di elevati livelli di contaminazione dell’ambiente naturale, non eliminabili naturalmente. Il crescente livello di inquinamento e i conseguenti effetti nocivi sulla salute umana hanno profondamente mutato, in maniera negativa, la considerazione degli effetti delle attività industriali. Mentre in passato il progresso e lo sviluppo erano obiettivi da raggiungere ad ogni costo, oggi si tende ad una posizione più guardinga, mirando a preservare gli equilibri e la salute del nostro Pianeta. Conciliare lo sviluppo delle attività umane con la salvaguardia degli ecosistemi naturali non si prefigura come tema nuovo per la pianificazione del territorio. Le difficoltà si concentrano essenzialmente sui criteri da stabilire per l’avviamento di uno sviluppo sostenibile, sia per l’incertezza ancora esistente in merito agli effetti delle varie attività antropiche, sia per la complessità di concepire a livello teorico quello che può considerarsi lo sviluppo sostenibile stesso. Sempre più sforzi, da parte della comunità mondiale, sono orientati al confronto tra ecosistema naturale ed ecosistema urbano, apprezzando le qualità intrinseche del primo e cercando di rendere il secondo più simile al primo. La differenza maggiore intercorrente tra questi due ecosistemi risiede, soprattutto, nel problema dell’output di un sistema produttivo. Mentre in natura, in linea col pensiero filosofico espresso da Anassagora e ripreso in tempi moderni da Lavoiser, « nulla si crea e nulla si distrugge, tutto si trasforma», nell’ambiente urbano il problema dei rifiuti, inteso nel senso letterale del termine come «qualcosa di inutilizzabile», assume dimensioni colossali tali da mettere in pericolo la sopravvivenza stessa del Pianeta e dell’uomo. Pertanto, nell’ambito di un approccio sempre più complesso verso lo studio degli ecosistemi urbani, i rifiuti diventano, in un’ottica di analisi multidisciplinare, un elemento di performance proprio dei sistemi antropici. In questa fase evolutiva dello sviluppo sostenibile, i rifiuti rappresentano una doppia competizione per le istituzioni e la loro gestione diventa indice sia di crescita economica sia di degrado. Per questo si ha bisogno di uno sviluppo nella

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
last minute market
progettazione rifiuti
rifiuti
sostenibilità
sviluppo sostenibile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi