Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La pre-esposizione a stimoli predittivi della disponibilità di cibo produce attivazione dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene e aumenta la risposta operante per il cibo

Il presente studio è stato avviato per sviluppare un modello animale che spiegasse l'aumento della motivazione ad ottenere cibo in condizioni operanti di auto-somministrazione. Per dimostrare la validità predittiva del modello rimonabant, fluoxetina, sibutramina e topiramato, sono stati testati.
Questo modello mostra validità predittiva, promuovendo la sua utilità nello studio di nuovi potenziali trattamenti nei binge-related eating disorders.


La tesi è stata scritta in riferimento all'articolo:
Carlo Cifani, Alessandro Zanoncelli, Michela Tessari, Claudio Righetti, Carla Di Francesco, Roberto Ciccocioppo, Maurizio Massi, Sergio Melotto "Pre-exposure to environmental cues predictive of food availability elicits HPA axis activation and increases operant responding for food in female rats"

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. INTRODUZIONE La naturale preferenza per cibo altamente palatabile, ricco di grassi e carboidrati si è sviluppata sia per ragioni dovute all’evoluzione, sia per l’elevato apporto calorico associato ad esso. Sebbene sia indiscutibile che il comportamento alimentare è regolato da meccanismi omeostatici, sia l’assunzione che il consumo eccessivo di cibo (overeating) sono regolati da processi emotivi, affettivi e di apprendimento. (Polivy et al. 1985; Striegel-Moore et al. 1986). A tal riguardo esistono diversi punti in comune tra l’overeating e l’abuso di droghe: ricompensa, rinforzo, effetti sull’umore, controllo dell’appetito da stimoli esterni e motivazioni indotte da stress. Lo stress psicologico e gli stati disforici giocano anch’essi un ruolo importante nel facilitare l’overeating così come l’eccessivo uso di droghe e, contribuiscono all’elevata quota di recidiva tipica di entrambi i disordini (Corwin et al. 2004; Ghiza et al. 2006; Mizes et al. 1985; Crowher et al. 2001; Herman et al. 1975). Per esempio, è noto che gli episodi di binge eating sono preceduti da stati disforici e che l’umore

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Farmacia

Autore: Violetta Forte Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 823 click dal 22/04/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:
×