Skip to content

Natura giuridica e profili applicativi del "diritto all'aiuto"

Informazioni tesi

  Autore: Simone Capitini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Informatica per le discipline umanistiche
  Relatore: Eva Rook Basile
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 383

Il diritto all’aiuto è un istituto che ha profondamente modificato il volto della politica agricola comune ed è stato introdotto con la riforma di me-dio termine della Pac contenuta nel regolamento (CE) del Consiglio n. 1782/03 del 2003 (successivamente modificato dal regolamento (CE) del Consiglio n. 73/09 del 2009). Tale istituto è stato proposto come un forte punto di rottura con la tradizionale gestione della politica dei mercati e dello sviluppo rurale del passato, tanto che i suoi innovativi effetti si so-no fatti profondamente sentire soprattutto nel riassetto organizzativo dell’attività dell’impresa agricola.
Tuttavia per comprendere meglio di cosa si parla quando affrontiamo il tema dell’intervento di medio termine del 2003, è più opportuno iniziare fin da subito a trattare del nuovo istituto introdotto con il reg. n. 1782/03, il diritto all’aiuto, mettendo ben in evidenza quelli che per esso sono considerati i tre pilastri (dai quali trae origine e sui quali si fonda), ossia i punti cardine attorno ai quali ruota tutto il progetto di riforma.
È in tale contesto che si deve fare riferimento al primo punto cardine della Pac, ossia il disaccoppiamento, lo strumento tramite il quale il legi-slatore del 2003 vuole riportare la produzione comunitaria a livelli nor-mali e aprire anche il settore primario, almeno per quanto è possibile, alle regole della libera concorrenza. Per disaccoppiamento dobbiamo quindi intendere un complesso di aiuti, erogati dalla Comunità agli agricoltori, del tutto sganciato dalla produzione: tale sistema permetterà quindi di indirizzare gli agricoltori a svolgere un’attività che sia funzionale alle effettive esigenze di mercato, liberandoli al contempo dalla ossessione di “inseguire i sostegni pubblici”.
Di particolare interesse è anche il fatto che per come è stato strutturato il nuovo regime di aiuti, quest’ultimo si pone in termini di contropresta-zione, o meglio, evidenzia un rapporto di vero e proprio “do ut facias” tra l’imprenditore e la Comunità: per percepire l’aiuto adesso diventa obbli-gatorio rispondere correttamente a ciò che il legislatore comunitario ha posto sotto il nome di condizionalità (il secondo punto cardine della Pac), ossia occorre garantire il rispetto dei “criteri obbligatori di gestione” (art. 3 e Allegato III) al fine di mantenere i terreni in “buone condizioni agronomiche” (art. 5 e Allegato IV).
Il terzo punto cardine della riforma è posto sotto il nome di modulazione (art. 10) il quale si propone, mediante una riduzione progressiva degli aiuti erogati per la politica dei mercati, di liberare una parte delle risorse coinvolte nel comparto agricolo. Ciò dovrà servire da una parte ad alleg-gerire il carico finanziario che tale settore esercita sul bilancio comunita-rio e, dall’altra, a far confluire le risorse liberate nella politica di sviluppo rurale di cui al reg. n. 1698/05.
Disaccoppiamento, condizionalità e modulazione diventano così gli strumenti in base ai quali la Comunità giustifica il sostegno pubblico di fronte alla collettività, la quale ha sempre ritenuto la Pac una politica fal-limentare e fonte di grandi sprechi.
Concludendo è possibile affermare che nel complesso la riforma di me-dio termine debba essere valutata positivamente, in quanto i mezzi pre-disposti per riorganizzare il settore primario al fine di completare il pas-saggio da un’agricoltura di “quantità” ad un’agricoltura di “qualità”, hanno fino adesso prodotto buoni risultati. Sicuramente nuovi accorgi-menti dovranno essere presi e dovranno essere corretti alcuni indirizzi, ma le premesse perché il settore primario torni ad essere visto non come fonte di sprechi, ma come una grande risorsa necessaria per tutta la col-lettività ci sono e, soprattutto, sarebbe da augurarsi che continuino a sus-sistere anche dopo la dead line prevista per il 2012.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione. Il lavoro che mi accingo a svolgere vuole essere uno studio sistematico di quella che è comunemente conosciuta come la riforma di medio termine della politica agricola comune, riforma che ha modificato profondamente la Pac, non solo nei suoi obiettivi ma anche nel suo modo stesso di operare. In virtù di ciò l’intervento ideato da Franz Fischler e concretizzatosi poi con il regolamento (CE) n. 1782/03 del 2003, è stato puntualmente analizzato mettendo in rilievo, in particolar modo, i motivi per cui esso può essere definito come il più importante atto normativo nella storia della politica agricola comune. Al riguardo è stato necessario muovere da uno studio che ha ripercorso tutte le tappe dell’evoluzione della Pac, che dai primi anni ’60 ha continuato a svilupparsi fino ai giorni nostri. Procedendo in tal modo è stato possibile comprendere le ragioni che hanno spinto il legislatore comunitario ad adottare il reg. n. 1782 del 2003 e quindi anche l’importanza dei punti cardine sui quali si regge tutto l’impianto normativo di base. Al contrario, l’esame di come la disciplina sia stata recepita a livello nazionale e regionale è stata necessaria per realizzare considerazioni, a titolo parziale, sui riflessi che la riforma di medio termine ha avuto e avrà sia nel breve che nel lungo periodo. L’analisi si è spostata poi sullo studio della qualificazione giuridica di ciò che caratterizza tutta la riforma di medio termine del 2003: il diritto all’aiuto. Di particolare rilievo è stato infatti ricostruire la posizione giuridica che gli imprenditori agricoli acquisiscono in virtù del possesso del titolo che dà diritto alla percezione del nuovo regime unico di pagamento; allo stesso modo è risultato fondamentale il percorso fatto per definire la natura giuridica del diritto all’aiuto al fine di collocarlo all’interno del complesso dei beni aziendali dell’impresa agricola. Le conclusioni alle quali è stato possibile giungere, infatti, hanno permesso di notare come l’istituto in esame presenti dei riflessi che non sono destinati a estendersi nel solo settore degli interessi pubblici, al contrario esso presenta profili di rilievo anche all’interno dei rapporti intersoggettivi propri del diritto privato (si pensi infatti a tutte le ipotesi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

azienda agricola
condizionalita
diritto all'aiuto
disaccoppiamento
imprenditori agricoli
modulazione
pac
politica dei mercati
primo pilastro
reg. n. 1782/03
reg. n. 73/09
riforma medio termine
secondo pilastro
simulazione contratto d'affitto
sviluppo rurale
titolo all'aiuto
trust

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi